Salute 24 Febbraio 2021 12:31

Case di comunità: e se fossero un altro flop come quelle della salute? La soluzione della Fimmg in tre modelli flessibili

L’analisi del vicesegretario nazionale Fimmg Domenico Crisarà: «Le case di comunità non risolveranno il problema dell’assistenza territoriale. Il progetto prevede di istituirne una ogni 24.500 abitanti, che in Basilicata significa una casa ogni 435 kmq»

di Isabella Faggiano
Case di comunità: e se fossero un altro flop come quelle della salute? La soluzione della Fimmg in tre modelli flessibili

La signora Rosa ha 85 anni e soffre di artrite da quando ne aveva 50. La malattia si è presentata in forma aggressiva, tanto da averle deformato mani e piedi nel giro di pochi anni, impedendole anche i movimenti quotidiani più banali. Rosa vive a Pietrapertosa, un paese di 965 abitanti in provincia di Potenza, che con i suoi 1.088 m s.l.m. è il comune più alto della Basilicata. Inutile specificare che la sua condizione di salute le impedisce di guidare l’auto e che i mezzi pubblici verso centri più grandi non sono così frequenti. Così, il più delle volte, è costretta a rinunciare alle visite mediche di cui avrebbe bisogno. Per alleggerire gli acciacchi tipici dell’età si affida all’auto-medicina e all’esperienza accumulata negli anni.

Case di comunità e case della salute

Le case di comunità, uno dei punti di forza che il Governo vuole mettere in campo con il Recovery Plan per migliorare l’assistenza territoriale, dovrebbero sorgere proprio per aiutare la signora Rosa e tutti quei soggetti ugualmente fragili, che vivono dal nord al sud dell’Italia, isole comprese. Per la loro condizione avrebbero bisogno di un’assistenza, se non domiciliare, almeno prossima alla propria abitazione.

Un obiettivo che già si era tentano di raggiungere attraverso le case della salute, il cui flop, a oltre 10 anni dalla loro istituzione, è stato evidenziato, già nei mesi scorsi, dalla ricerca del Crea Sanità per la Fp Cgil sulle ‘Case della Salute’ in Italia.

«Che le case della salute non siano state utili a migliorare l’assistenza territoriale credo sia sotto gli occhi di tutti –  commenta Domenico Crisarà, vicesegretario nazionale della Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg) -. L’emergenza Covid è stata un giudice imparziale sull’organizzazione della medicina territoriale, evidenziando e amplificando criticità preesistenti».

«Non è assistenza prossima alle case delle famiglie italiane»

Le case di comunità, attualmente proposte con il Recovery Plan, non sembrano differire molto dal precedente e fallimentare progetto. «Soprattutto – spiega Crisarà -, ancora una volta, non si propone un modello di assistenza territoriale realmente prossimo alle case delle famiglie italiane. È prevista l’istituzione di una casa di comunità ogni 24.500 abitanti che, tradotto in strutture operative sul territorio, significherebbe una ogni 90 kmq in Veneto, ogni 191 in Calabria, fino ai  360 kmq della Sardegna e i 435 della Basilicata».

La casa più vicina potrebbe trovarsi ad un’ora di distanza

Per fare chiarezza, torniamo alla situazione in cui si trova la signora Rosa, la cui storia è solo un verosimile esempio della condizione in cui vivono molti pazienti fragili nel nostro Paese. Calcolatrice alla mano, 435 kmq (area in cui si prevede l’istituzione di una sola casa di comunità) si traducono in un percorso lineare di poco più di 20 km, la distanza che separa, ad esempio, Pietrapertosa (il paese di Rosa) da Albano Lucania, comune dove ipotizziamo possa sorgere una casa di comunità.

Da Pietrapertosa ad Albano Lucania ci vogliono circa 37 minuti  in auto (calcolo effettuato utilizzando Google Maps), almeno  il doppio del tempo in autobus. È molto probabile, quindi, che anche con l’apertura delle case di comunità la signora Rosa, e tutti gli italiani che vivono in situazioni simili, continueranno a rinunciare alle cure. «Non è un problema che riguarda solo i paesi montani – sottolinea Crisarà – ma anche quelli situati in pianure vaste e poco popolose o in piccole isole».

«Ecco la medicina territoriale che vorremmo»

Eppure una soluzione ci sarebbe. E la stessa Fimmg l’ha messa nero su bianco e presentata durante l’ultima audizione alla Camera dei Deputati in commissione Affari Sociali. «Il nostro scopo – continua il vicesegretario nazionale Fimmg – è portare la medicina generale il più vicino possibile alle case degli italiani. Innanzitutto, le case di comunità non devono essere istituite in base al numero di abitanti, ma devono tener conto della densità di popolazione. Basandoci su questo parametro, la nostra Federazione ha proposto un progetto flessibile, che prevede l’adozione di tre diversi modelli».

Dalla sede unica alle strutture periferiche fino ai piccoli punti di riferimento

«Il primo, con sede unica (che può essere rappresentata anche da una casa della salute o di comunità) – spiega il vicesegretario nazionale della Fimmg – è adatto a territori con densità abitativa alta (più di 100 ab/kmq). Questa struttura deve garantire un’apertura di 10 ore giornaliere e la copresenza di medico, personale infermieristico e amministrativo».

Il secondo modello, indicato per territori a media densità abitativa (50 ab/kmq), oltre alla sede unica deve prevedere degli ambulatori periferici. «L’apertura di tutte le sedi – aggiunge Crisarà – deve essere garantita sempre per 10 ore al giorno e la struttura centrale dovrà avere le stesse funzioni previste nel primo modello, con l’aggiunta di adeguate tecnologie informatiche che consentano la gestione degli ambulatori periferici».

Poi, nei territori a bassa densità (meno di 50 ab/kmq) sarebbe utile prevedere esclusivamente ambulatori locali, utilizzando anche gli studi dei medici di medicina generale. «La burocrazia deve essere sbrigata per via telematica, così come tutta la gestione amministrativa dovrà essere gestita con sistemi informatici. Gli operatori sanitari – dice l’esponente Fimmg – non presteranno servizio in una sede unica, ma lavoreranno a rotazione periodica, muovendosi all’interno di tutto il territorio, coadiuvando il medico di medicina generale, che è stanziale, presso il suo studio o al domicilio dei pazienti. Questo terzo modello potrebbe essere replicato anche nelle metropoli dove, a causa delle difficoltà di spostamento da una parte all’altra della città, non è pensabile allontanare gli studi dei medici di medicina generale dalle case dei pazienti, soprattutto dei più anziani e fragili».

Infine, qualunque sia il modello adottato, sarà necessario dotare le strutture di strumentazione di primo livello: «Spirometri, ecografi, POCT (tutti quei test eseguibili vicino al paziente o nel luogo nel quale viene fornita l’assistenza sanitaria, per diagnosi di laboratorio, ndr). Non dovranno mancare nemmeno gli  strumenti di telemedicina, mezzi di supporto utili ma – conclude Crisarà – che mai potranno sostituire il rapporto vis à vis tra il medico e il suo paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Campania Digital Summit, così cambia (in meglio) la sanità regionale
Dal cambio di passo segnato dall’avvento della piattaforma unica ai big data per prevedere l’impatto della pandemia: ecco come la Campania sta rimontando uno storico gap
Vaccino anti-Covid dal medico di famiglia, dopo l’accordo nazionale ecco come verrà attuato il piano nelle Regioni
In Campania si parte a breve anche negli studi, nel Lazio la fornitura è a macchia di leopardo, l’Emilia Romagna marcia a ritmi sostenuti con il personale sanitario
Bozza intesa per vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Le reazioni dei sindacati
Fimmg: «Vanno omogeneizzati percorsi e procedure per garantire cittadini e operatori». Snami: «No alle nozze con i fichi secchi»
Controlli dei NAS alle guardie mediche: 99 strutture con locali inadeguati e farmaci scaduti
Tommasa Maio (Fimmg): «Una verità che denunciamo da anni, chiediamo un incontro urgente con il ministro Speranza»
Un software per le vaccinazioni. Scotti (FIMMG): «Strumento gratuito per medici e istituzioni. Mmg pronti a fare la propria parte»
Si tratta di un algoritmo in grado di elaborare le banche dati e di definire, grazie all’intelligenza artificiale, quali sono i pazienti da vaccinare prioritariamente perché legati ad una prognosi a rischio nel caso di infezione da SARS-CoV-2
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...