Salute 16 Luglio 2019 18:24

Carenza medici, Luca Zaia: «Concorsi deserti in Veneto, problema grave». Marini (Acoi): «Parole di verità, noi pronti a piano straordinario»

Il presidente dell’Associazione nazionale dei chirurghi ospedalieri commenta le parole di Luca Zaia: «Pronti a fornire il nostro contributo alle Regioni così come al Ministero per mettere in campo azioni urgenti che evitino che si superi il livello di guardia e accelerare i tempi di una indispensabile e seria riforma della formazione professionale»

«L’allarme lanciato dal presidente del Veneto Luca Zaia contiene principi di verità e non deve essere sottovalutato. L’Associazione dei chirurghi ospedalieri italiani da anni è in prima linea nella denuncia dei rischi che corre il nostro Servizio sanitario nazionale e che oggi è in codice rosso». Il presidente di ACOI, l’Associazione nazionale dei chirurghi ospedalieri, professor Pierluigi Marini, commenta così le parole del governatore del Veneto Luca Zaia che aveva parlato della carenza di medici in regione: «Abbiamo il grosso problema della mancanza di medici: in Veneto stiamo parlando di 1.380 medici che mancano. Nell’ultimo concorso per i posti in Pronto soccorso abbiamo bandito un concorso per 81 posti, e si sono presentati in tre», ha detto Zaia a margine dell’inaugurazione di una nuova struttura sanitaria dell’Azienda Zero a Padova che poi ha sottolineato la necessità di retribuire di più i medici.

«Nel rispetto dei ruoli e delle competenze, ACOI si mette a disposizione per un piano straordinario relativo agli specialisti e a fornire il proprio contributo alle Regioni così come al Ministero per mettere in campo azioni urgenti che evitino che si superi il livello di guardia e – conclude Marini – accelerare i tempi di una indispensabile e seria riforma della formazione professionale».

Articoli correlati
Interventi chirurgici e screening saltati, Marini (ACOI): «Piano Marshall sanitario o non li recupereremo mai»
Intervista al presidente dell’ Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani: «Faccio appello al premier Draghi e al ministro Speranza: vi prego non lasciate soli milioni di italiani perché gli effetti negativi di questi ritardi si mostreranno nel tempo »
di Peter D'Angelo
Governo, da Marini (Acoi) appello al Parlamento: «Fate presto»
Il Presidente ACOI Marini: «Il Sistema sanitario nazionale non può andare in lista d’attesa». Lanciato sui social hashtag #FatePresto»
Carenza anestesisti, Canino (ASST Cremona): «Al bando per 6 posti arrivate 5 domande. Così non ce la facciamo»
Il direttore sanitario dell'ospedale di Cremona: «C’è una carenza strutturale, fondamentale aumentare le borse di studio e fare una programmazione corretta»
di Federica Bosco
TSO a chi rifiuta di curarsi da Covid-19, perché se ne parla?
Dopo il caso dell'imprenditore in Veneto che ha rifiutato le cure, si parla di Trattamento Sanitario Obbligatorio (TSO) per chi rifiuta di seguire le regole dopo il tampone positivo. Il ministero della Salute vaglia le possibilità
Carenza medici, Odg di Tiramani (Lega): «Garantire accesso a SSN a medici abilitati privi di diploma di specializzazione»
«È necessario che delle figure non specializzate, come avviene già in diverse regioni d'Italia e per certi servizi, come il 118, possano svolgere anche mansioni di guardia medica nel Pronto soccorso ed in medicina generale» sottolinea il deputato leghista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 aprile, sono 142.964.759 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.044.492 i decessi. Ad oggi, oltre 919,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...