Salute 17 Settembre 2019 15:42

Sicilia, la Regione pensa a neolaureati nei Ps. Amato (OMCeO Palermo): «Bene tamponare emergenza ma…»

Il presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo: «Capiamo che l’assessore debba fare qualcosa per far fronte alle deficienze accumulate negli anni passati, ma ci sono criticità nell’impiegare neolaureati in aree di emergenza dove in pochi minuti si deve essere in grado di salvare una vita»

Sicilia, la Regione pensa a neolaureati nei Ps. Amato (OMCeO Palermo): «Bene tamponare emergenza ma…»

Anche la Sicilia pensa di assumere neolaureati nei Pronto soccorso per far fronte alla carenza di specialisti. Sembra essere la soluzione più gettonata dalle Regioni, questa, per mettere una toppa ad una situazione che si fa di settimana in settimana più preoccupante. Se è unanime la convinzione di dover aumentare i posti nelle scuole di specializzazione, sono diverse le posizioni sulle possibili soluzioni da mettere in campo nell’immediato.

Il provvedimento prevede che i medici svolgano un corso di circa 360 ore che costerà intorno ai duemila euro presso il Cefpas, l’ente di formazione sanitaria della Regione, poi saranno impiegati per due anni con un contratto a tempo determinato dal valore di 22mila euro lordi all’anno. Cgil Medici e Fials si sono espresse a favore dell’iniziativa, mentre Cimo e Siaarti si sono schierate contro. Intermedia la posizione del presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo Toti Amato, che ai nostri microfoni racconta di essersi confrontato sul tema con l’assessore alla Salute Ruggero Razza: «Bisogna comprendere perché siamo arrivati a questo punto. Le Regioni stanno prendendo queste decisioni perché sono costrette a tamponare adesso le deficienze accumulate negli anni passati. E forse già è troppo tardi. Quindi reputiamo positivo il fatto che venga loro almeno offerta la possibilità di frequentare dei corsi di formazione presso l’ente della Regione, ma evidenziamo comunque le criticità legate all’impiego di neolaureati nei Pronto soccorso e nelle aree di emergenza dove, tra l’altro, in pochi minuti un medico deve saper salvare una vita».

«Come spesso accade in Italia – prosegue Toti Amato – bisogna trovarsi dinanzi alle urgenze per pensare ai rimedi. Gli interventi devono essere invece fatti in maniera organica, pensando al futuro. Serve quindi una rete formativa qualificata, in cui le università svolgano un ruolo importante. Anche perché non sappiamo se il cittadino che si trovi dinanzi un giovane medico senza un curriculum formativo adeguato possa sentirsi sicuro», conclude il presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo.

Articoli correlati
Fismu, in Sicilia arriva la stabilizzazione dei precari del 118
Cosentino (Fismu): «Oltre 100 medici erano da anni precari. Un atto di giustizia, peccato si siano persi due anni da quando facemmo alla regione questa stessa proposta che è stata approvata. Ora rinnovo all'accordo di lavoro fermo da 13 anni o sarà sciopero».
Il caos delle scuole di specializzazione in area sanitaria. Cosa sta succedendo
Il Mur spiega che «il Consiglio di Stato, in merito ai ricorsi di taluni candidati al Concorso nazionale per l'accesso dei medici alle Scuole di Specializzazione di area sanitaria per l'a.a. 2019/2020, ha imposto il rinvio della procedura in corso»
Numero chiuso, De Filippo (IV): «Emendamento a legge di Bilancio per far entrare chi ha fatto ricorso»
Tra i provvedimenti allo studio, anche un ulteriore aumento delle borse di specializzazione. Di Maio (IV): «Allargare le possibilità di accesso alla professione medica»
Concorso specializzazione, giovani medici e FNOMCeO: «Sbloccare la graduatoria»
Il presidente Anelli chiede di ammettere tutti i candidati che abbiano superato la prova di selezione. Oggi l’incontro al Mur con i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Ecco le richieste dei giovani medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 marzo, sono 114.461.199 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.539.235 i decessi. Ad oggi, oltre 244,27 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...