Salute 17 Settembre 2019 15:42

Sicilia, la Regione pensa a neolaureati nei Ps. Amato (OMCeO Palermo): «Bene tamponare emergenza ma…»

Il presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo: «Capiamo che l’assessore debba fare qualcosa per far fronte alle deficienze accumulate negli anni passati, ma ci sono criticità nell’impiegare neolaureati in aree di emergenza dove in pochi minuti si deve essere in grado di salvare una vita»

Sicilia, la Regione pensa a neolaureati nei Ps. Amato (OMCeO Palermo): «Bene tamponare emergenza ma…»

Anche la Sicilia pensa di assumere neolaureati nei Pronto soccorso per far fronte alla carenza di specialisti. Sembra essere la soluzione più gettonata dalle Regioni, questa, per mettere una toppa ad una situazione che si fa di settimana in settimana più preoccupante. Se è unanime la convinzione di dover aumentare i posti nelle scuole di specializzazione, sono diverse le posizioni sulle possibili soluzioni da mettere in campo nell’immediato.

Il provvedimento prevede che i medici svolgano un corso di circa 360 ore che costerà intorno ai duemila euro presso il Cefpas, l’ente di formazione sanitaria della Regione, poi saranno impiegati per due anni con un contratto a tempo determinato dal valore di 22mila euro lordi all’anno. Cgil Medici e Fials si sono espresse a favore dell’iniziativa, mentre Cimo e Siaarti si sono schierate contro. Intermedia la posizione del presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo Toti Amato, che ai nostri microfoni racconta di essersi confrontato sul tema con l’assessore alla Salute Ruggero Razza: «Bisogna comprendere perché siamo arrivati a questo punto. Le Regioni stanno prendendo queste decisioni perché sono costrette a tamponare adesso le deficienze accumulate negli anni passati. E forse già è troppo tardi. Quindi reputiamo positivo il fatto che venga loro almeno offerta la possibilità di frequentare dei corsi di formazione presso l’ente della Regione, ma evidenziamo comunque le criticità legate all’impiego di neolaureati nei Pronto soccorso e nelle aree di emergenza dove, tra l’altro, in pochi minuti un medico deve saper salvare una vita».

«Come spesso accade in Italia – prosegue Toti Amato – bisogna trovarsi dinanzi alle urgenze per pensare ai rimedi. Gli interventi devono essere invece fatti in maniera organica, pensando al futuro. Serve quindi una rete formativa qualificata, in cui le università svolgano un ruolo importante. Anche perché non sappiamo se il cittadino che si trovi dinanzi un giovane medico senza un curriculum formativo adeguato possa sentirsi sicuro», conclude il presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo.

Articoli correlati
Tumori e ambiente, lo studio ISS – Regione Sicilia: «Incidenza aumentata in siti di lavorazione petrolchimici e ex amianto»
Il Dipartimento attività sanitarie ed osservatorio epidemiologico Regione Sicilia: «I dati dell’indagine a supporto dei necessari interventi in materia ambientale e sanitaria»
Riparte il confronto Fnopi-Regioni: «Aumentare gli infermieri nel corpo docente delle università»
Le Regioni hanno accolto le proposte della Federazione: fabbisogno formativo, specializzazioni e contratto i temi discussi
Test Specializzazioni, restano non assegnate le borse per Urgenza e Rianimazione
Nonostante due anni di pandemia, i giovani medici non scelgono volentieri Pronto Soccorso e Rianimazione come specializzazioni. 456 e 166 i posti vacanti nelle due discipline, anche se si attende lo scorrimento. Perché? Si lavora tanto, non si fa carriera e si rischiano aggressioni
La Sicilia rischia la zona gialla da lunedì, superata soglia massima dei ricoveri
Alla Sicilia il triste primato di essere la prima Regione italiana a poter tornare in zona gialla: già dal 23 agosto potrebbero tornare la mascherina obbligatoria all'aperto e i limiti nei ristoranti. I ricoveri superano il 15% in area medica e il 10% in rianimazione. Si avvicinano al limite anche Calabria e Basilicata
Entro il 2023 38mila nuovi specialisti. Di Silverio (Anaao): «Regioni chiariscano criteri per fabbisogno o rischiamo disoccupati di lusso»
La Conferenza Stato-Regioni ha stanziato quasi 39mila borse di specializzazione in tre anni. Supereremo così l'imbuto formativo? Di Silverio (Anaao Giovani) si rallegra ma esprime i suoi dubbi: «Come sono stati calcolati?»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...