Salute 25 Giugno 2019

Caregiver sempre più centrale nell’assistenza al paziente. Grigioni (ISS): «Con welfare technology alcune attività diventano semplici»

«La tecnologia può supportare il malato e chi lo assiste. Necessario renderne effettivo l’uso e la sua accettazione anche in contesti sociali e organizzativi» così l’ingegner Mauro Grigioni, direttore del centro TISP all’ISS, in occasione del Convegno ‘La figura del caregiver: tecnologie e ausili per migliorare la qualità della vita’ tenutosi all’Istituto Superiore di Sanità

di Lucia Oggianu

In Italia sono il 17.4% della popolazione (dati Istat). Parliamo dei caregiver, professionisti o familiari che si prendono cura di pazienti fragili con disabilità, infermità o malattia. Un lavoro non facile, che richiede molta dedizione, cui si affiancano diverse tecnologie in grado di supportare il difficile compito. Ma quali sono le tecnologie in grado di dare sostegno al paziente e al caregiver? Ne abbiamo parlato con l’ingegner Mauro Grigioni, direttore del centro TISP all’ISS, in occasione del Convegno ‘La figura del caregiver: tecnologie e ausili per migliorare la qualità della vita’ tenutosi all’Istituto Superiore di Sanità.

«Negli ultimi anni – ha spiegato Grigioni – è stato riconosciuto che il pieno coinvolgimento del caregiver nell’assistenza favorisce l’inclusione del paziente e ne migliora la qualità di vita, tanto che la sua figura è stata riconosciuta dal punto di vista legislativo: la legge di bilancio 2018 ha, infatti, istituito un fondo di 20 milioni di euro l’anno per il triennio 2018-2010. Dobbiamo poi renderci conto che siamo in un momento di trasformazione digitale di tutta la società, non soltanto del SSN, e la Welfare technology, un concetto che viene dal nord Europa che si sta espandendo anche con i programmi comunitari della Comunità Europea, ci permetterà di mettere in rete alcune tecnologie e servizi che renderanno alcune attività dei caregiver fluide e semplici senza disuguaglianze».

Un tipo di personalizzazione che si può ottenere grazie agli algoritmi di intelligenza artificiale, che già sono stati inseriti in alcune piattaforme di ricerca della Comunità Europea. «Va detto che questa trasformazione digitale – ha aggiunto Grigioni – l’abbiamo imparata tutti attraverso i nostri smartphone, un complemento digitale alla nostra comunicazione che ci permette di avere accesso ad abilità anche laddove non le abbiamo o non abbiamo le competenze. Lo sviluppo di competenze e abilità in qualunque persona con qualunque condizione, nel particolare contesto in cui si trova, permetterà di superare molte disuguaglianze che hanno i pazienti fragili o disabili rispetto a chi fa vita attiva a 360°».

Non è più soltanto un problema di persone anziane ma di tutte quelle persone che perdono o non hanno delle competenze a causa di malattia o dalla nascita. Si pone necessaria dunque un’operazione di sistema per integrare la tecnologia in contesti sociali e organizzativi. Qualche esempio? «Sicuramente lo smartphone – ha risposto Grigioni – che è in grado di permettere a una persona non vedente di indicargli dove ci sono gradini grazie a una mappa del luogo oppure può indicare come arrivare a uno sportello di un edificio pubblico. Questo è già possibile con alcune applicazioni. Un altro esempio è il monitoraggio delle condizioni di vita. Non tutti i braccialetti che sono in commercio sono dispositivi medici ma comunque danno informazioni sul battito, sull’attività motoria. Questo permette un monitoraggio di una persona cui si deve prestare sorveglianza. Non parliamo, poi, dei sistemi per far aderire una terapia farmacologica quindi prendere la medicina alla giusta ora. Si potrà fare molto di più aiutando anche i caregiver a superare alcune fatiche sia per quanto riguarda alcune barriere fisiche, come ad esempio il peso, sia alcune difficoltà psicologiche legate ad interventi continui e ripetitivi che possono essere sostituiti da macchine facendo salva la relazione umana con la persona assistita».

Articoli correlati
Giornata Mondiale della zanzara, l’insetto da 700mila morti l’anno: 10 regole per difendersi
L’OMS stima che le Malattie Trasmesse da Vettori come la zanzara rappresentano il 17% di tutte le malattie infettive causando oltre 700mila decessi l’anno. La sola malaria ne causa da sola 400mila
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Utilizzare il cellulare non aumenta il rischio di tumori: i risultati del Rapporto ISS
L'uso del cellulare non risulta associato all’incidenza di neoplasie nelle aree più esposte alle radiofrequenze. A dirlo, il Rapporto ISTISAN 'Esposizione a radiofrequenze e tumori: sintesi delle evidenze scientifiche' pubblicato sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Telemedicina e cooperazione: la sfida, vinta, dalla Onlus GHT di Michelangelo Bartolo
GHT è un servizio di teleconsulto multi-specialistico e gratuito attivo in 15 paesi, curato da un pool di specialisti europei che nasce per rispondere ai quesiti medici che arrivano dai luoghi più disagiati del mondo. Ci spiega tutto il medico fondatore Bartolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone