Salute 29 Ottobre 2020 11:36

Cancro, Iannelli (Favo): «Interventi di tutela economica per i pazienti non reiterati, malati a rischio»

La richiesta di Favo è quella di approvare il prima possibile il Piano oncologico nazionale. Così potenziare l’aiuto del territorio ai malati di cancro, senza dimenticare gli interventi di tutela economica non ripetuti dalla prima fase

La pandemia ha influito in maniera rilevante sulla condizione di più di 3 milioni di persone che hanno avuto una diagnosi di cancro e vivono in Italia. «Specie su quelli (1 milione) che sono in una fascia di età lavorativa, perché si tratta di persone in condizione di fragilità e questo ha ripercussioni anche sull’ambito sociale e lavorativo». Elisabetta Iannelli, segretario Favo (Federazione delle associazioni di volontariato in oncologia) ne sottolinea il problema a Sanità Informazione.

CANCRO, DISAGI ECONOMICI E INTERVENTI GOVERNATIVI

«Da un’indagine che abbiamo fatto già prima della pandemia – spiega – circa il 70% delle persone con cancro intervistate ci diceva di aver avuto grossi problemi in ambito lavorativo, fino a perdere il lavoro e il sostentamento economico. Dopo l’emergenza, in cui siamo ancora immersi, la situazione è ovviamente peggiorata».

«Si sono resi necessari degli interventi – aggiunge – che nella prima fase il governo Conte ha messo in atto per tutelare i lavoratori fragili dipendenti, concedendo permessi e congedi ulteriori per non rischiare di essere infettati da Sars-CoV-2 e incentivi per i lavoratori a partita Iva. Al momento questi interventi non sono stati reiterati e questo rende la situazione dei malati oncologici pericolosamente a rischio».

PIANO NAZIONALE ONCOLOGICO: SFRUTTARE L’EPIDEMIA PER RIPARTIRE

Lo scorso 23 ottobre, in occasione della Giornata nazionale del malato oncologico, Favo ha richiesto con forza l’approvazione del Piano oncologico nazionale. «Una richiesta – spiega Iannelli – contenuta anche nel rapporto dell’Osservatorio sulla “Condizione assistenziale del malato oncologico”, perché si possa innovare l’oncologia basandosi sull’esperienza emergenziale della pandemia di Covid-19».

Tra le necessità campeggia per prima quella di potenziare la medicina territoriale. «Per i malati oncologici in condizioni di cronicità il territorio può essere una risposta importante e adeguata – delinea il segretario Favo -. Significa potenziare la presenza dell’infermiere di famiglia e di comunità sempre sul territorio, come ausilio al medico di medicina generale e al medico oncologo. Così come potenziare la sanità digitale e la telemedicina, come integrazione rispetto alle visite dirette in persona».

Dal Parlamento c’è stata grande attenzione alle richieste. La Camera grazie all’onorevole Carnevali ha presentato una risoluzione che verrà discussa prossimamente in Commissione e così ha fatto l’onorevole Binetti in Senato. «In queste mozioni sono conservati tutti i punti perché possa ripartire l’oncologia e per evitare che questa emergenza epidemica provochi sia un aumento dei casi di cancro diagnosticato in ritardo, quindi con maggiori difficoltà di cura, sia il rischio di aumento delle persone che moriranno per cancro», prosegue Iannelli. «Questo è bene che si sappia: purtroppo il cancro non aspetta che il Covid finisca, quindi ci dobbiamo muovere subito».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cancro e sessualità, un progetto per rompere i tabù attraverso scienza e arte
Sex and the cancer nasce per promuovere consapevolezza intorno a un problema di cui troppo poco si parla: i disturbi della sfera sessuale a seguito delle terapie oncologiche
Scoperto meccanismo che permette alle cellule tumorali di resistere alla chemioterapia
Uno studio dell’Università Statale di Milano e dello IEO, coordinato dal professor Stefano Santaguida, ha definito come la variazione del numero dei cromosomi presenti nei tumori sia alla base del meccanismo con cui la cellula tumorale riesce a costruire una barriera che blocca l’azione dei farmaci anticancro
di Federica Bosco
Con il Bullone e Cicatrici i B. Liver combattono la malattia e diventano grandi
Sono giovani tra i 14 e i 35 anni costretti a lottare contro il cancro, l’Hiv, l’anoressia. Hanno deciso di farlo con la Fondazione B.Live Onlus e alcuni volontari. Ne è nato un giornale e una mostra d’arte per raccontare storie di chi nella vita ha lasciato un segno e chi non ha paura di far conoscere le proprie fragilità
di Federica Bosco
Tumori cutanei non melanoma, al via il progetto SKINConnecting
I tumori della cute cosiddetti non melanoma skin cancer (NMSC) sono tra le patologie oncologiche più diffuse. Con incidenza in continua crescita, possono colpire soggetti di qualsiasi età, soprattutto avanzata, spesso affetti da altre patologie concomitanti e sono causa di decine di migliaia di interventi chirurgici e decessi ogni anno. In Italia, i non melanoma […]
Piano europeo contro il cancro, Costa: «Paesi siano coordinati e usino budget comune»
Il co-fondatore di Onda e già segretario della scuola europea di Oncologia di Veronesi sarà special adviser della commissaria alla salute per l’attuazione del piano Beating Cancer a cui sono stati destinati 4 miliardi di euro di finanziamento
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco