Salute 13 Novembre 2019 11:06

Calcio e malattie neurodegenerative, il medico del Milan Mario Brozzi: «Tutta colpa dello stress»

Parla il Direttore sanitario del Milan la correlazione tra calciatori e malattie neurodegenerative sarebbe dovuta allo stress: «Nel momento in cui lo stress tende a diventare sempre più acuto inizia un decadimento delle funzioni fisiologiche nelle 24, 36 e 48 ore successive tanto che il soggetto diventa sempre più vulnerabile»

di Federica Bosco
Calcio e malattie neurodegenerative, il medico del Milan Mario Brozzi: «Tutta colpa dello stress»

Tutta colpa dello stress. La maggiore incidenza di malattie neurodegenerative tra i calciatori professionisti evidenziata in una recente ricerca su 7676 atleti scozzesi, sarebbe determinata non da microtraumi, ma da un eccessivo carico psicologico riscontrabile tra i professionisti e non tra i dilettanti. Ne è convinto Mario Brozzi, Direttore sanitario del Milan, secondo cui la pietra filosofale del calcio sarebbe la capacità di divertirsi, ormai forse irrimediabilmente smarrita.

«Io inizierei ad accendere un focus su questa parola terribile che chi fa il medico, ma non solo, deve iniziare a temere: si chiama stress. L’ansia è un dispositivo meraviglioso per poter reagire in ogni evento e situazione acuta però, dal momento in cui dall’acuto si passa al cronico ed una situazione si ripete nel tempo e dura giorni, mesi ed anni senza la capacità dell’organismo di reagire. In quel caso l’evento si consacra e nasce l’adattamento che non sempre è positivo, ma sul lungo termine, in una biochimica tutt’altro che salutare, porta alla malattia».

Cosa succede nel calciatore stressato?

«Quando un calciatore affronta una gara, sia essa contro la prima o l’ultima squadra in classifica, si genera una situazione di stress. Come si affronta  dipende dalla personalità e dalla capacità di assorbire le dinamiche positive o negative che ci possono essere. Nel momento in cui lo stress tende a diventare sempre più acuto inizia un decadimento delle funzioni fisiologiche nelle 24, 36 e 48 ore successive, con un interessamento del sistema immunitario tanto che il soggetto diventa sempre più vulnerabile. Quando l’atleta gioca ogni 72 ore, il  decadimento non si recupera. Dal momento che non dipende da fatica fisica, ma è indotto da uno stress, dalla sconfitta, dalle pressioni, da quello che succede in campo e sugli spalti, non si supera. E allora cosa si fa?  Il corpo inizia a adattarsi con il cosiddetto over reaching e over training, il primo è un fenomeno che ancora si può correggere, il secondo no e non si riesce più ad uscire.  L’atleta, che ha il testosterone alto e il cortisolo basso, si trova nella condizione per cui non riesce a recuperare sul piano psicofisico e si genera una inversione di tendenza: il testosterone crolla ed il cortisolo va alle stelle, si crea un malato».

LEGGI ANCHE: MALATTIE NEURODEGENERATIVE: CALCIATORI PIÙ COLPITI? TEDESCHI (SIN): «MICROTRAUMI E TOSSINE PRESENTI SULL’ERBA POSSIBILI CAUSE DI ALZHEIMER E SLA»

Si può immunizzare il calciatore di fronte a questo stress logorante?

«Solo recuperando il valore ludico del gioco. Per questo dovremmo dare una cattedra a Francesco Totti. Lui ha sempre avuto il giusto approccio al mondo sportivo:  per lui il gioco del calcio  è sempre stato un divertimento, infatti, benché fosse pagato in maniera scandalosa in questo è sempre rimasto uno splendido dilettante».

 

Articoli correlati
Sla: studio italiano scopre causa comune con invecchiamento, aperta strada a nuove terapie
L'invecchiamento e le malattie neurodegenerative, come la SLA, hanno una base molecolare comune. A individuarla è uno studio italiano co-coordinato dalle università di Cagliari e Sapienza di Roma e pubblicato su Cell Death and Discovery
di V.A.
Intestino e cervello si parlano, il ruolo della dieta mediterranea nella prevenzione delle malattie neurodegenerative
«Il ruolo della dieta nello sviluppo delle disfunzioni correlate all’insorgenza delle malattie infiammatorie croniche, tra cui quelle neuro-infiammatorie, sta diventando, grazie ai numerosi studi clinici condotti negli ultimi anni, sempre più chiaro» sottolinea Annalisa Noce, Professore Associato di Nefrologia presso l'Università degli Studi di Roma, Tor Vergata
Il caffè aiuta a prevenire e a rallentare il Parkinson
Secondo uno studio realizzato dai neurologi della Società italiana di Neurologia e diretto dal professor Giovanni Defazio dell’Università di Cagliari, un consumo moderato di caffè è in grado di ritardare l’esordio della malattia e di indurre una più lenta evoluzione
Italia Sonno 2019, Garbarino (neurologo): «Chi dorme poco si ammala di più»
Si è chiusa l’VIII edizione della Convention dedicata alla medicina del sonno. Di Michele (pneumologa): «L’insonnia è il problema maggiormente diffuso. Tra le parasonnìe le più conosciute sono il sonnambulismo o il parlare durante il sonno. I comportamenti della fase Rem possono anticipare anche di dieci anni la diagnosi di malattie neurodegenerative»
di Isabella Faggiano
Alzheimer, MSD interrompe lo studio sul verubecestat
Ancora un fallimento nella ricerca dei farmaci per il trattamento dell’Alzheimer. Di pochi giorni fa, infatti, è la notizia della sconfitta del programma del candidato BI 409306 di Boehringer Ingelheim. Ed ora, la MSD, azienda farmaceutica leader nel settore della salute consociata italiana di Merck & Co., ha annunciato di voler interrompere lo studio APECS di Fase 3 su verubecestat, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...