Salute 31 Dicembre 2020 10:03

Botti di Capodanno. Manca (Simeu): «Non raccogliere petardi inesplosi. I danni possono essere permanenti»

Festeggiamenti ai tempi del lockdown, il medico di medicina di emergenza-urgenza: «Utilizzare materiale esplosivo all’interno delle abitazioni o in spazi ridotti amplifica il pericolo. A rischio arti superiori, vista e udito»

di Isabella Faggiano

Un giovane morto cadendo in un dirupo nel tentativo di spegnere un principio di incendio nella sterpaglia provocato dall’accensione di fuochi d’artificio. Un 23enne con una mano amputata e il volto sfigurato per aver raccolto un petardo inesploso.  Una ragazza di 18 anni colpita allo stomaco da un proiettile vagante. Sono solo alcune delle 205 vittime dei festeggiamenti dello scorso Capodanno. «Incidenti che pur concentrandosi al sud, accadono in ogni luogo d’Italia, colpendo soprattutto giovani e giovanissimi – dice Salvatore Manca, presidente della Simeu, la Società italiana della medicina di emergenza-urgenza -. La maggior parte degli infortuni avviene dopo la mezzanotte, ma non è inusuale anticipare i festeggiamenti e finire in pronto soccorso già molte ore prima dell’inizio del nuovo anno».

I rischi per la salute

I principali traumi sono causati da petardi inesplosi raccolti per strada: «Non bisogna mai avvicinarsi a materiale che non è esploso, perché questo significa che presenta un difetto di fabbrica e che potrebbe attivarsi anche accidentalmente – sottolinea Manca -. Arti superiori, in particolar modo le mani, gli occhi e le orecchie, sono le parti del corpo più a rischio – continua il presidente Simeu -. Le braccia perché a diretto contatto con il petardo. Gli occhi, invece, possono essere danneggiati da schegge vaganti a seguito di un’esplosione. I danni all’apparato uditivo, caratterizzati da lesioni dell’orecchio esterno con rottura della membrana timpanica o danni più gravi a carico dell’orecchio medio e interno, sono causati dal potente rumore delle detonazioni. Tutti questi traumi possono essere permanenti, con amputazione dell’arto, perdita della vista o della capacità uditiva a causa di deficit neurosensoriali».

Le conseguenze del lockdown

E se questo è il bilancio dei festeggiamenti all’aperto, i danni potrebbero aumentare per chi decidesse di non rinunciare a questa tradizione pur essendo costretto a rimanere in casa. «Se a causa del lockdown il materiale esplosivo dovesse essere utilizzato all’interno delle abitazioni o in spazi ridotti, come piccoli balconi, – aggiunge lo specialista – i danni potrebbero essere amplificati proprio dalle condizioni ambientali non favorevoli».

Tutti i botti sono potenzialmente pericolosi

Traumi che non possono essere evitati nemmeno utilizzando botti fabbricati e venduti regolarmente: «Tutti possono essere potenzialmente pericolosi se non usati correttamente o in luoghi inadatti, non solo il materiale esplosivo smerciato abusivamente. Anche un fuoco con Certificazione Europea può restare inesploso e mettere in pericolo chiunque lo raccolga per strada. Speriamo – conclude Manca – che il divieto di uscire possa evitare questo tipo di incidenti. Almeno per quest’anno».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pronto soccorso, Manca: «File più lunghe di prima. Siamo la risposta alle inefficienze del territorio e dei reparti Covid»
Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Da noi anche pazienti per tamponi o test sierologici e casi sospetti Covid che non trovano posto nei reparti dedicati. Ma in alcune aree d’Italia è stato dismesso il percorso differenziato, quindi in presenza di un solo positivo rischiamo di chiudere tutto il pronto soccorso»
di Isabella Faggiano
Giornata medicina emergenza-urgenza, la campagna internazionale: «Servono più medici, più infermieri, più servizi»
Al via la campagna #Emdaychallenge con le foto di medici e infermieri alla fine del turno. La coordinatrice della Giornata Roberta Petrino: «Dove c’era personale sufficiente e competente e si poteva disporre di attrezzature all’altezza della situazione, l'emergenza coronavirus è stata gestita al meglio e con migliori risultati sulla salute della popolazione»
Italiani di nuovo in fila nei pronto soccorso. Manca (Simeu): «+30% di accessi rispetto alla fase 1»
Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Durante il lockdown, al nord Italia il calo di accessi nei pronto soccorso ha superato il 50%. Al Sud, le richieste di cure negli stessi reparti sono diminuite di 15-30 punti percentuali»
di Isabella Faggiano
Fase 2, Simeu: «Pronto soccorso a rischio caos. Si rischia una nuova emergenza»
La Società Italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Impossibile rispettare le distanze di sicurezza nelle sale d’attesa e negli spazi del Pronto soccorso perché i reparti non ricoverano i malati fino all’esito del tampone»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...