Salute 21 Febbraio 2019

Blockchain, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Tecnologia utile anche per farmacovigilanza e ricerca staminali»

Il Presidente degli industriali farmaceutici al convegno in Senato promosso dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e da realtà come Consulcesi Tech. «È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale. Bene anche l’uso per la ricerca come quella sulle cellule staminali», sottolinea a Sanità Informazione

Indagini sanitarie, cartelle cliniche, sicurezza della filiera farmaceutica e ricerca. Sono alcuni degli ambiti di applicazione della blockchain nel settore della sanità e che riguarda da vicino anche il settore della farmaceutica, come ha confermato a Sanità Informazione il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi. Di questo e di altri temi si è parlato al convegno “Blockchain in sanità: opportunità e prospettive” organizzato dal Presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri e da alcune realtà protagoniste della rivoluzione Blockchain come la Consulcesi Tech di Massimo Tortorella e la Link Campus University presieduta da Vincenzo Scotti. Al convegno presente anche il vicepresidente del Parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo. La Blockchain inizia ad essere usata anche per contrastare la contraffazione dei farmaci, una piaga che mette a repentaglio la salute degli utenti e che costa milioni di euro alle aziende del settore. Per il leader di Farmindustria il settore farmaceutico è un’area di applicazione importante per una tecnologia che ha come mission principale quella di garantire la sicurezza: «Noi non operiamo in un ambito di business qualsiasi, operiamo in un ambito che si chiama salute e quindi dobbiamo garantire la salute dei cittadini e per garantire la salute dei cittadini lo dobbiamo fare attraverso un’accuratezza».

Presidente, quanto è importante questa nuova tecnologia per il vostro settore?

«Credo che parlare di blockchain sia molto importante, in un momento in cui il mondo si sta digitalizzando, siamo entrati nell’era digitale – ha sottolineato Massimo Scaccabarozzi – Il digitale deve essere garantito, assicurato e protetto. Io credo che sia un segnale importante che qui in un’aula prestigiosa come questa si cominci a parlare di queste modalità informatiche che possano garantire tutto quanto. Il farmaceutico credo che sia un’area di applicazione importante perché noi non operiamo in un ambito di business qualsiasi, operiamo in un ambito che si chiama salute e quindi dobbiamo garantire la salute dei cittadini e per garantire la salute dei cittadini lo dobbiamo fare attraverso un’accuratezza, come facciamo sempre, che non va trascurata affatto perché con la salute non si scherza. Il digitale sta dando una grossa mano. È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale e quindi la garanzia che ci dà questa tecnologia dev’essere una garanzia per noi importante».

Sicurezza del dato ma anche applicazioni potenziali per la ricerca, sentivamo qui una sperimentazione già in atto sulle staminali…

«Assolutamente sì. I campi di applicazione sono tanti, a partire dalla ricerca. Abbiamo visto alcuni esempi di aziende che stanno già abbracciando questa tecnologia. Si parte dalla ricerca e arriva fino alla fase matura del prodotto, quindi, perché no, anche alla farmacovigilanza. Credo sia una cosa importante e quindi un plauso al senatore Sileri perché sta cominciando a portare avanti questo tipo di discussione intorno a un problema che poi riguarderà la salute di tutti i cittadini».

 

Articoli correlati
ECM, Pensionati Cisl: «Perché il Sistema sanitario non investe in questo ambito?»
Emilio Didone, segretario dell’associazione pensionati della Cisl Lombardia, sottolinea come i pazienti non si sentano adeguatamente tutelati: «Ad una richiesta, lecita, di aggiornamento, non è seguito un investimento delle strutture nella formazione, mentre i medici in organico sono sempre meno...»
di Federica Bosco
Ex specializzandi, Consulcesi: «Elezioni europee saranno decisive. Ecco le adesioni al ‘contratto bipartisan’ per risolvere la vertenza»
A pochi giorni dalle elezioni europee, oltre 1,5 milioni di camici bianchi italiani si interrogano su chi porterà ai vertici delle istituzioni comunitarie le istanze di coloro che lavorano per la salute di tutti. Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi: «Molti candidati si sono confrontati con la nostra realtà per tastare il polso della categoria: il Presidente del Parlamento UE Tajani, i vice-presidenti Sassoli e Castaldo oltre al professor Rinaldi lavoreranno per i medici. Hanno siglato con noi un contratto bipartisan, votateli per non disperdere un voto utile alla causa degli ex specializzandi»
Europee, Battiston (Pd): «Ogni anno via dall’Italia 300mila giovani. Fermare ‘fuga dei cervelli’»
Come? «Imitiamo gli altri paesi europei», ne è convinto l’ex presidente dell’Agenzia spaziale italiana in corsa alle Europee per il Partito democratico nella circoscrizione Nord est. «Nel prossimo programma quadro, il nono, 110 miliardi di euro, il 10% del totale del programma è destinato a ricerca e innovazione L’Italia può portare nel proprio sistema più soldi di quanto investe in alcuni settori»
Formazione, Cimo diffida strutture sanitarie: troppi medici costretti a rinunciare a ECM per coprire turni e carenze
«Le aziende - sottolinea il Presidente CIMO Guido Quici - impegnano sempre meno risorse per la formazione, tanto che tra il 2010 e il 2016 la spesa delle aziende sanitarie e ospedaliere è diminuita del 32,55% passando da 147,8 mln a 99,7 mln di euro». Il sindacato chiede che entro 30 giorni siano attivati o ripristinati gli strumenti e i tempi a disposizione dei medici da dedicare ad un effettivo aggiornamento professionale nell’ambito delle ore lavorative istituzionali
Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici
Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui principali temi del mondo medico emerse nel confronto promosso da Consulcesi. Diverse le proposte ma i candidati sembrano uniti nella battaglia sui diritti negati ai medici ex specializzandi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...