Salute 21 Febbraio 2019

Blockchain, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Tecnologia utile anche per farmacovigilanza e ricerca staminali»

Il Presidente degli industriali farmaceutici al convegno in Senato promosso dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e da realtà come Consulcesi Tech. «È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale. Bene anche l’uso per la ricerca come quella sulle cellule staminali», sottolinea a Sanità Informazione

Indagini sanitarie, cartelle cliniche, sicurezza della filiera farmaceutica e ricerca. Sono alcuni degli ambiti di applicazione della blockchain nel settore della sanità e che riguarda da vicino anche il settore della farmaceutica, come ha confermato a Sanità Informazione il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi. Di questo e di altri temi si è parlato al convegno “Blockchain in sanità: opportunità e prospettive” organizzato dal Presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri e da alcune realtà protagoniste della rivoluzione Blockchain come la Consulcesi Tech di Massimo Tortorella e la Link Campus University presieduta da Vincenzo Scotti. Al convegno presente anche il vicepresidente del Parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo. La Blockchain inizia ad essere usata anche per contrastare la contraffazione dei farmaci, una piaga che mette a repentaglio la salute degli utenti e che costa milioni di euro alle aziende del settore. Per il leader di Farmindustria il settore farmaceutico è un’area di applicazione importante per una tecnologia che ha come mission principale quella di garantire la sicurezza: «Noi non operiamo in un ambito di business qualsiasi, operiamo in un ambito che si chiama salute e quindi dobbiamo garantire la salute dei cittadini e per garantire la salute dei cittadini lo dobbiamo fare attraverso un’accuratezza».

Presidente, quanto è importante questa nuova tecnologia per il vostro settore?

«Credo che parlare di blockchain sia molto importante, in un momento in cui il mondo si sta digitalizzando, siamo entrati nell’era digitale – ha sottolineato Massimo Scaccabarozzi – Il digitale deve essere garantito, assicurato e protetto. Io credo che sia un segnale importante che qui in un’aula prestigiosa come questa si cominci a parlare di queste modalità informatiche che possano garantire tutto quanto. Il farmaceutico credo che sia un’area di applicazione importante perché noi non operiamo in un ambito di business qualsiasi, operiamo in un ambito che si chiama salute e quindi dobbiamo garantire la salute dei cittadini e per garantire la salute dei cittadini lo dobbiamo fare attraverso un’accuratezza, come facciamo sempre, che non va trascurata affatto perché con la salute non si scherza. Il digitale sta dando una grossa mano. È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale e quindi la garanzia che ci dà questa tecnologia dev’essere una garanzia per noi importante».

Sicurezza del dato ma anche applicazioni potenziali per la ricerca, sentivamo qui una sperimentazione già in atto sulle staminali…

«Assolutamente sì. I campi di applicazione sono tanti, a partire dalla ricerca. Abbiamo visto alcuni esempi di aziende che stanno già abbracciando questa tecnologia. Si parte dalla ricerca e arriva fino alla fase matura del prodotto, quindi, perché no, anche alla farmacovigilanza. Credo sia una cosa importante e quindi un plauso al senatore Sileri perché sta cominciando a portare avanti questo tipo di discussione intorno a un problema che poi riguarderà la salute di tutti i cittadini».

 

Articoli correlati
Obesità, la ricetta di Pierpaolo Sileri: «Educazione nelle scuole e approccio multidisciplinare per contrastarla. In futuro valutare l’ingresso nei LEA»
Il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha organizzato un incontro in Senato con società scientifiche e associazioni dei pazienti dal titolo “L’obesità, una malattia da prevenire e curare”
Assunzioni SSN, l’annuncio del Ministro Grillo: «Trovato accordo, tetto di spesa per il personale sarà superato»
Dal 2019 la spesa per il personale non potrà superare il valore del 2018 maggiorato del 5%. Ora la norma, che varrà in tutta Italia, è all’esame delle Regioni
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Farmaci contraffatti, Lusi (NAS): «Lotta dura ma siamo sempre più attrezzati con nuove tecnologie contro traffici illeciti»
Dalla blockchain alla bollinatura, sono tanti gli strumenti messi in campo dalle forze dell’ordine per contrastare il fenomeno: «Ormai bisogna essere veramente esperti per riuscire a contraffare una confezione. Purtroppo però di casi ce ne sono ancora…»
di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone