Salute 10 Dicembre 2019

Biotestamento, via libera alle DAT. Speranza: «Firmato decreto. Da oggi una libertà di scelta in più»

La legge sul Testamento Biologico è stata approvata lo scorso 22 dicembre, ma l’assenza di una banca dati nazionale non aveva finora permesso la piena attuazione della legge

Immagine articolo

«Ho appena firmato il decreto sulla banca dati nazionale per le Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT)» lo ha annunciato il ministro della Salute, Roberto Speranza attraverso un post Facebook. «Con questo atto – spiega il ministro – la legge sul biotestamento approvata dal Parlamento è pienamente operativa e ciascuno di noi ha una libertà di scelta in più».

La legge sul Testamento Biologico approvata lo scorso 22 dicembre “stabilisce che nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata, tranne che nei casi espressamente previsti dalla legge”. Attraverso le DAT, cioè le disposizioni anticipate di trattamento, è possibile esprimere le proprie volontà rispetto ai trattamenti sanitari a cui si verrà sottoposti nel caso eventuale e futuro in cui non si fosse più in grado di farlo. Tuttavia, l’assenza di una banca dati nazionale non aveva finora permesso la piena attuazione della legge. In mancanza di questa, i medici non avevano la possibilità di conoscere le decisioni prese in anticipo dal paziente non in grado di esprimersi.

LEGGI: DAL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO ALLA REVISIONE DELLE NORME SUI CONCORSI, SPERANZA DETTA IL PROGRAMMA DURANTE IL QUESTION TIME

«Dopo 17 mesi di violazione della legge da parte del Ministero della Salute, siamo ora lieti di poter ringraziare il ministro Ministro Speranza per la firma del decreto istitutivo della Banca dati nazionale delle Dat, uno strumento utile per rendere pienamente applicativi i testamenti biologici su tutto il territorio nazionale». E’ il commento dell’associazione Luca Coscioni. «Le DAT depositate presso i Comuni o i notai saranno finalmente immediatamente consultabili dai medici in caso di bisogno, – ha dichiarato il segretario Filomena Gallo – in qualsiasi struttura sanitaria del territorio nazionale. Per completare l’applicazione della legge 219/2017, ora il Ministero della Salute, le Regioni e le aziende sanitarie rispettino l’articolo 4 comma 8 della legge 219, laddove indica che questi devono provvedere “a informare della possibilità di redigere le DAT».

Articoli correlati
Sicurezza personale sanitario, sindacati e Speranza firmano Protocollo: «Dpi e tamponi a chi è esposto»
Istituito un ‘Comitato Nazionale’ cui parteciperanno le organizzazioni sindacali per il continuo monitoraggio delle varie situazioni. Nursing Up: «Assurda assenza dei sindacati degli infermieri»
Coronavirus, l’ordinanza di Speranza: chiusi i parchi, sì all’attività motoria vicino casa
Chiusi bar e ristoranti all'interno delle stazioni ferroviarie e delle aree di servizio. Vietato andare nelle seconde case in prossimità del week-end
Coronavirus, ricetta medica via email o con messaggio sul telefono
Il Ministro Speranza: «Un passo avanti tecnologico che rende più efficiente tutto il sistema sanitario nazionale»
Coronavirus, Di Maio alla stampa estera: «Coinvolto lo 0,089% dei Comuni. Italia sicura per turisti e imprenditori»
Stop a tamponi a pazienti asintomatici. Speranza: «Eseguiti 10mila test, ma non possiamo essere puniti per aver fatto più controlli degli altri Paesi»
Coronavirus, Walter Ricciardi coordinerà relazioni con organismi internazionali. Speranza: «No a scelte unilaterali»
«La nostra risposta è rapida ed efficace ed il SSN all'altezza della situazione. Paese sia unito» ha detto il ministro della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 marzo, sono 723.740 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 34.018 i decessi e 152.042 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...