Salute 17 Ottobre 2019 15:32

Big Data, Frittelli (Federsanità ANCI): «Fondamentali per progettare politiche del benessere. Dobbiamo trasformarci in ‘manager della salute’»

«Avere determinanti di salute che possono servire ad attuare politiche del benessere della popolazione a tutto campo e soprattutto per la prevenzione sugli stili di vita è davvero il futuro» sottolinea la Presidente di Federsanità ANCI

di Giovanni Cedrone e Viviana Franzellitti

«La nostra categoria, quella dei direttori generali della sanità, deve passare dall’idea di manager della sanità a manager della salute: bisogna attuare una politica che tenga conto dei big data di fare una serie di politiche ambientali e di benessere». Tiziana Frittelli, Direttore generale del Policlinico Tor Vergata e Presidente di Federsanità ANCI, ha le idee chiare sull’importanza dei big data, cioè l’analisi di quantità incredibilmente grandi di informazioni che provengono dai moderni strumenti tecnologici e non solo, strumenti che potrebbero avere un campo di applicazione importante sulla salute e sull’ambiente, come è emerso dalla conferenza Big Data in Health 2019 che si è svolta a Roma dal 2 al 4 ottobre scorso organizzata dalla Big Data in Health Society con la collaborazione del Cnr, dell’Istituto Superiore di Sanità, del Campus Biomedico e dall’Università di Salerno con Sanità Informazione come media partner.

I big data possono davvero avere un ruolo cruciale anche nel determinare stili di vita più o meno salutare, comportamenti che possono essere decisivi nella prevenzione: «Per Federsanità è particolarmente importante l’integrazione dei dati per passare da un concetto di sanità a un concetto di salute in particolare per quel che riguarda la presa in carico socio-assistenziale del paziente fragile per il quale è importante incrociare i dati della sanità con i dati sociali che sono soprattutto in possesso delle amministrazioni locali» aggiunge Frittelli.

Presidente, parliamo dei big data in abito sanitario. Quali sono le opportunità che ci offrono?

«Le opportunità sono notevoli perché la sanità italiana è un ambito nel quale esistono molti dati che vanno innanzitutto collegati tra loro e non possono essere utilizzati solo per silos ma appunto interpretati. Per interpretarli occorre anche una formazione specifica affinchè dal dato si passi all’informazione. Per Federsanità è particolarmente importante l’integrazione dei dati per passare da un concetto di sanità a un concetto di salute sia sotto il versante della presa in carico socio-assistenziale del paziente fragile per il quale è importante incrociare i dati della sanità con i dati sociali che sono soprattutto in possesso delle amministrazioni locali. Questa è la mission specifica di Federsanità, avere determinanti di salute che possono servire a politiche del benessere della popolazione a tutto campo e soprattutto per la prevenzione sugli stili di vita che è davvero il futuro del nostro Paese anche perché proprio sulla base di questi dati sarà possibile effettuare politiche non solo in ambito sanitario ma anche in ambito industriale, in ambito agricolo, in quello che oggi viene definito anche dalla nuova bozza di Patto della Salute, One Health, salute della popolazione, salute degli animali, ma soprattutto salubrità degli ambienti di vita».

LEGGI ANCHE: BIG DATA IN HEALTH, ANTONIO SCALA (CNR): «I DATI SULLO STILE DI VITA DECISIVI PER LA NOSTRA SALUTE»

Sono tante le infrazioni che la Commissione europea contesta all’Italia sulle tematiche ambientali, dai rifiuti all’Ilva di Taranto e alla terra dei fuochi. C’è ancora molto da fare su questo…

«Sì, c’è ancora molto da fare. Questa è una tematica delicata anche perché lo stesso nostro Codice civile fino a un certo punto della sua storia è stato interpretato come una sorta di contemperamento tra interessi produttivi e interessi della salute. Oggi tutto il mondo sta dicendo che questo contemperamento può avvenire soltanto a favore della salute della popolazione perché sarebbe piuttosto triste in realtà salvaguardare posti di lavoro anziché riconvertirli per poi offrire a quelle famiglie, a quei lavoratori che hanno conservato il posto di lavoro un ambiente non salubre che quindi si paga in termini di qualità di salute e di vita. In realtà c’è molto da fare perché è una società che ormai va progettata green. Proprio per questo servono i dati. Senza i dati integrati sullo stato di benessere, di salute della popolazione e dati produttivi certamente non siamo in grado di mettere a disposizione dei politici i dati per poter poi fare scelte politiche integrali che non guardino solo ad un aspetto o ad un altro. Io dico sempre che la nostra categoria, io rappresento i direttori generali, deve passare lei stessa dall’idea di manager della sanità a manager della salute e così allargando il discorso dobbiamo avere non un occhio strabico, ma una politica che tenga conto attraverso un intreccio organico e corretto dei big data che ci consenta di fare una serie di politiche ambientali e di benessere».

Articoli correlati
IV Congresso Big Data in Health, tra salute collettiva e rispetto della privacy
L’avvocato Luca Bolognini: «Necessario un bilanciamento per supportare la spinta all’innovazione senza perdere di vista l’etica del trattamento dati»
Risk Management in sanità, ecco le priorità nel post pandemia
Nel webinar organizzato da Big Data in Health Society emerge l’esigenza di promuovere consapevolezza sull’importanza dei dati nella gestione del rischio
Accordo Ministero Salute-Cineca su intelligenza artificiale e Big Data
Zampa: «Il primo ambito nel quale si esplicita la collaborazione è la popolazione over 65 e 0-18 anni». Vannozzi (Cineca): «Una svolta nella gestione dei dati per la salute degli italiani»
Salute e Big data, i problemi principali? Li possono causare le App
Dario Roccatello e Simone Baldovino (Registro malattie rare Piemonte e Valle d’Aosta): «Ecco l’esperienza del nostro database, leader in Italia»
di Tommaso Caldarelli
Rsa e Covid-19, le 3 diverse strategie adottate dalle regioni italiane
Da un'indagine di Federsanità - ANCI Toscana una prima fotografia della reazione delle Regioni all'emergenza Covid-19. L'83% all'inizio lamentava mancanza di dispositivi di protezione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...