Salute 28 Aprile 2021 15:28

Battito alterato, pupille dilatate, sguardo basso e atteggiamento evasivo: bugiardo occasionale, cronico o patologico?

Chi sono i bugiardi, quali sono le cause delle loro menzogne e come mettersi al riparo dalle bugie? In un’intervista a Sanità Informazione risponde Francesca Andronico, psicologa e psicoterapeuta

di Isabella Faggiano

Prima pilota, poi agente segreto, ancora pediatra, avvocato. Così Leonardo di Caprio, nei panni di Frank Jr. protagonista del film “Prova a prendermi”, mente di continuo sulla sua identità, per sfuggire all’FBI o per conquistare la mano della donna di cui, di volta in volta, s’innamora.

«Il personaggio interpretato da Di Caprio nel celebre film del 2002 è lo stereotipo del bugiardo cronico», spiega Francesca Andronico, psicologa, psicoterapeuta, scrittrice e coordinatrice del network territoriale dell’Ordine degli Psicologi del Lazio.
Ma non tutte le bugie sono uguali. «C’è chi mente per preservare la sua immagine ai propri occhi e, soprattutto, a quelli degli altri. Chi, invece, utilizza la menzogna per ottenere dei vantaggi all’interno di una relazione. Nel primo caso – sottolinea la psicoterapeuta – si tratta di bugie cosiddette bianche, nel secondo di bugie manipolatorie».

Bugiardo cronico o patologico?

Se questi atteggiamenti non sono sporadici allora è molto probabile che si tratti di un bugiardo cronico: «È così definito l’atteggiamento di quell’individuo che non limita il mentire ad un unico contesto della sua vita, ma utilizza questa modalità relazionale  per stare al mondo, ovvero ovunque si trovi in contatto con l’altro, che sia il partner, un familiare, un amico, un collega di lavoro o un perfetto sconosciuto».
Essere bugiardi cronici non significa necessariamente avere un atteggiamento patologico. «La bugia – spiega Andronico – può essere definita patologica quando impedisce ad un individuo di conoscere se stesso. In altre parole, un bugiardo è patologico quando non si limita a mentire agli altri, ma mente di continuo anche a se stesso».

Come riconoscere un bugiardo

È possibile che un bugiardo non sappia di esserlo? «Se interpretiamo la bugia come meccanismo di difesa per preservare la propria immagine – risponde l’esperta – è molto probabile che alcune bugie potranno essere del tutto inconsapevoli ed altre sotto il pieno controllo del mentitore. Se, invece, la bugia è utilizzata come modalità relazionale per ottenere dei vantaggi, quasi sicuramente, avremmo di fronte una persona capace di mentire in maniera lucida e finalizzata».

Non sono poche le persone che avrebbero voluto avere, più di una volta nella vita, una macchina della verità tra le mani, in grado di misurare l’affidabilità di una persona. «Esistono degli indicatori fisiologici, come la dilatazione pupillare e alterazione del battito cardiaco, che rappresentano una modalità piuttosto affidabile per distinguere una persona sincera da un bugiardo. Ma non sempre sono attendibili, tanto che anche la macchina della verità, che si basa sui medesimi parametri, può produrre dei falsi positivi. Accanto a questi segni ci sono, poi, dei segnali non verbali, come l’essere evasivo, l’abbassare lo sguardo, il toccarsi i capelli. Ma anche questi – specifica la psicologa – possono essere equivocabili».

Se sono i figli a mentire


Il rapporto tra genitori e figli è sempre molto complesso, poiché si tratta di una relazione asimmetrica. «Il genitore dispensa amore e soddisfa le esigenze del bambino ma, contemporaneamente, ha anche il compito di svolgere una funzione normativa, di imporre delle regole. Il bambino può quindi mentire – dice Andronico – per disobbedire o per ricercare una forma di autodeterminazione. Ne consegue, che l’ importante non è capire se un figlio mente, quanto scoprire piuttosto gli argomenti delle sue menzogne. Ci sono delle regole concordate in famiglia e queste non vanno infrante. Al contrario, invece, può essere del tutto normale che un adolescente utilizzi una bugia per conquistare uno spazio privato per il proprio sé, per la propria autonomia. Finché non si raggiungerà una maturità tale che permetta al giovane di esternare i propri bisogni e pensieri, senza la paura di compromettere la relazione con il proprio genitore, è probabile che continuerà a ricorrere alla bugia per gestire questo rapporto».

Uno scudo contro le bugie

Restare lucidi e aver ben chiare le idee sui propri bisogni sono i principali presupposti per difendersi da un bugiardo: «Cambiare le abitudini di una persona che mente di consueto è un’impresa quasi impossibile – dice la psicoterapeuta -. Per questo, soprattutto quando si è coinvolti a livello affettivo o sentimentale è bene essere in grado di distinguere l’utilizzo della bugia in modalità fraudolenta, da una modalità di relazione di conquista dell’altro. In una relazione è piuttosto normale avere la tendenza a non voler vedere alcuni aspetti negativi dell’altro e metterli da parte può essere un atteggiamento naturale. Ma attenzione – conclude -, non dimenticare mai di mettere un limite tra le richieste dell’altro e i propri bisogni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Stabilizzazione, aumenti salariali e riconoscimento della professione». Le richieste degli infermieri al Circo Massimo
«Siamo oltre duemila», comunica Nursing Up che ha convocato la piazza romana degli infermieri. Al centro della vertenza la richiesta di un comparto contrattuale autonomo. E il Ministero promette l'apertura dell'istruttoria
di Tommaso Caldarelli
Spalle al palazzo e via il camice, la protesta degli specializzandi a Montecitorio: «Troppe poche borse, si rischia un esercito di camici grigi»
Sit-in di un centinaio di giovani medici davanti la Camera dei deputati a cui hanno aderito 11 sigle. Di Silverio (Anaao): «Pronto ad incatenarmi se non si risolve l’imbuto formativo». Solidarietà e vicinanza dai parlamentari di tutti i partiti, in piazza anche gli ex ministri Lorenzin e Grillo
Contratto medici, l’Intersindacale annuncia lo stop alle trattative e lo stato d’agitazione: a ottobre scioperi e manifestazioni
Oltre al mancato finanziamento del contratto della categoria, sono le notizie (non buone) che arrivano dal Governo per il Def ed il momento critico per il SSN, «che rischia di inabissarsi» ad aver portato i sindacati sulla strada della protesta. L'annuncio del Ministro Grillo: «Per il 2019 il Fondo Sanitario Nazionale sarà incrementato di un miliardo»
Fondazione Ime, il 25 luglio manifestazione Cgil, Cisl, Uil e Anaoo al Ministero della Salute
In piazza per protestare contro l’ingiustificabile chiusura dell’Istituto mediterraneo di ematologia e per costringere i ministeri soci della Fondazione (Ministero della Salute, Ministero degli Esteri e Mef) e la Regione Lazio a trovare una collocazione ai 41 dipendenti dell’Ime. Il 25 luglio prossimo i lavoratori protesteranno con le categorie della funzione pubblica e dei medici […]
Contratto, infermieri Nursing Up: “Incontro all’Aran una pantomima”
Si è concluso con un niente di fatto l’incontro all’Aran per discutere sul rinnovo del Ccnl del comparto Sanità: a nulla sono servite le quattro ore di confronto tra le parti. Ѐquanto rende noto il sindacato degli infermieri Nursing Up, che ha proclamato lo sciopero nazionale per il 23 febbraio con una grande manifestazione in forma […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 163.642.990 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.390.316 i decessi. Ad oggi, oltre 1,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...