Salute 2 Luglio 2024 15:39

Aviaria, orso positivo morto in Alaska: uno studio indaga sull’aumento dei rischi per i mammiferi

I ricercatori: “La scoperta dell’Hpai-H5N1 in un orso polare indica la capacità del virus di diffondersi in varie specie di mammiferi e sottolinea la necessità di un monitoraggio vigile”

di I.F.
Aviaria, orso positivo morto in Alaska: uno studio indaga sull’aumento dei rischi per i mammiferi

Il virus H5N1 è una minaccia crescente anche tra i mammiferi? È per rispondere a questa domanda che i ricercatori del  North Slope Borough Department of Wildlife Management (Nsb Dwm) dell’Alaska, che effettua ricerche sulla salute della fauna selvatica compresi gli orsi polari, ha deciso di indagare sulle cause del decesso con un esame post-mortem dell’orso polare maschio positivo al virus Hpai (Highly pathogenic avian influenza)-H5N1. A far scattare il primo all’allarme di un’epidemia di aviaria tra i mammiferi sono state le positività al virus riscontrate tra le mucche degli allevamenti americani e, successivamente, il caso dell’orso polare. La ricerca condotta in Alaska è stata pubblicata su ‘Emerging Infectious Diseases’. L’orso, un giovane maschio, è stato sottoposto ad un esame macroscopico, i campioni di tessuto sono stati raccolti e sottoposti poi ad analisi istopatologiche. L’orso ha avuto una polmonite con un edema polmonare. L’analisi molecolare ha identificato il genotipo A3 del virus Hpai-H5N1.

Le conclusioni dei ricercatori

“La scoperta dell’Hpai-H5N1 in un orso polare indica la capacità del virus di diffondersi in varie specie di mammiferi“, un punto che secondo i ricercatori “sottolinea la necessità di un monitoraggio vigile (sia a livello di comunità che di cacciatori) della salute della fauna selvatica per individuare precocemente i patogeni emergenti”. L’aver scoperto questo decesso indica l’importanza di avere “sistemi di sorveglianza integrati per il monitoraggio e nella risposta ai problemi di salute della fauna selvatica”. Inoltre, “gli orsi polari e altri animali selvatici sono parte integrante dello stile di vita di sussistenza e della sicurezza alimentare delle comunità indigene nell’Artico – evidenzia la ricerca – Il rilevamento dell’Hpai-H5N1 evidenzia potenziali rischi zoonotici. Ciò richiede strategie per mitigare l’impatto sulle fonti alimentari tradizionali e salvaguardare la salute pubblica”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...