Salute 9 Maggio 2024 13:34

Usa: l’influenza aviaria rischia di diventare endemica nei bovini

Il ceppo H5N1 dell’influenza aviaria rischia di diventare endemico nei bovini USA, aumentando la diffusione tra gli esseri umani. Sono i timori riportati da alcuni scienziati in un articolo pubblicato su Nature

Usa: l’influenza aviaria rischia di diventare endemica nei bovini

Il ceppo H5N1 dell’influenza aviaria rischia di diventare endemico nei bovini USA, aumentando la diffusione tra gli esseri umani. Sono i timori riportati da alcuni scienziati in un articolo pubblicato sulla rivista Nature. Nuovi dati mostrano che il virus può effettuare il salto di specie avanti e indietro tra mucche e uccelli, una caratteristica che potrebbe consentirgli di diffondersi in ampi territori. Inoltre, una singola mucca può ospitare diversi tipi di virus influenzali, che potrebbero, nel tempo, scambiare materiale genetico per generare un ceppo in grado di infettare più facilmente l’uomo. “Alla fine si arriverà inevitabilmente alla combinazione sbagliata di segmenti genetici e mutazioni”, afferma Michael Worobey, biologo evoluzionista dell’Università dell’Arizona a Tucson. “Qualsiasi opportunità avessimo avuto per stroncare il problema sul nascere, l’abbiamo persa a causa di un rilevamento molto lento”, aggiunge

La crescente ubiquità del virus dell’aviaria H5N1 ha messo in allerta gli scienziati

L’H5N1 non è un virus nuovo: varie forme circolano dagli anni ’90. Una variante particolarmente mortale, rilevata per la prima volta nel 1996, ha ucciso milioni di uccelli ed è stata riscontrata in numerose specie di mammiferi, tra cui foche e visoni. Ma fino ad ora le mucche non figuravano tra gli ospiti conosciuti del virus. I funzionari statunitensi hanno annunciato per la prima volta il 25 marzo che il virus H5N1 era stato trovato nei bovini, e le mucche di 36 mandrie in 9 stati sono risultate positive al 7 maggio. I test sul latte pastorizzato non hanno trovato virus viventi. Ma la crescente ubiquità del virus ha messo in allerta gli scienziati. “Ogni volta che arriva una nuova specie ospite di mammiferi, come le mucche, aumenta il rischio di trasmissione umana e diminuisce l’immunità umana”, afferma Jessica Leibler, epidemiologa ambientale presso l’Università di Boston nel Massachusetts.

I dati indicano che il virus è passato da uccelli selvatici ai bovini

I dati genomici stanno iniziando a far luce sulle origini dell’epidemia bovina. In un preprint pubblicato poco tempo fa su bioRxiv, gli scienziati del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti hanno analizzato più di 200 genomi virali prelevati da mucche e hanno scoperto che il virus è passato dagli uccelli selvatici ai bovini alla fine del 2023. Questo risultato corrobora le scoperte di Worobey e altri in un’analisi pubblicata sul forum di discussione virological.org il 3 maggio. Nessuno degli articoli è stato ancora sottoposto a revisione paritaria. Poiché le mucche infettate dal virus H5N1 generalmente non muoiono di influenza, sono “efficaci vasi di miscelazione” in cui i virus possono scambiare materiale genetico con altri virus, afferma Angela Rasmussen, virologa dell’Università del Saskatchewan a Saskatoon, in Canada.

Le mucche potrebbero essere uno dei peggiori serbatoi virali per l’uomo

Ancora peggio, il ceppo attuale sembra infettare ugualmente bene diverse specie. “Se si tratta di un virus che si muove avanti e indietro tra mucche, esseri umani e uccelli, quel virus eserciterà pressioni selettive per crescere in modo efficiente in tutte quelle specie”, afferma. Maggiore è il numero di animali infetti, afferma la Rasmussen, maggiori sono le possibilità che il virus acquisisca mutazioni utili, come la capacità di crescere nel tratto respiratorio superiore, che potrebbero renderlo più trasmissibile tra le persone. Dal punto di vista umano, dice Worobey, le mucche potrebbero essere uno dei peggiori serbatoi possibili di influenza a causa del loro numero e del grado in cui gli esseri umani interagiscono con loro.

Dubbi su come il virus si stia diffondendo tra le mandrie

L’abbattimento del pollame ha frenato precedenti epidemie di influenza aviaria, ma la Rasmussen afferma che non è un’opzione praticabile per il bestiame. Gli animali sono troppo preziosi e, a differenza degli uccelli, non sembrano morire a causa dell’infezione. L’H5N1 potrebbe persino diventare endemico nelle mucche, afferma Gregory Gray, epidemiologo di malattie infettive presso la University of Texas Medical Branch di Galveston. Altri ceppi legati all’H5N1 sono già endemici nei polli e nei maiali in alcune parti del mondo. I ricercatori non sono sicuri di come il virus si stia diffondendo tra le mandrie. Una probabile fonte sono gli uccelli selvatici, che si radunano attorno al mangime del bestiame e defecano nell’acqua delle mucche. “I bovini sono solo una grande mangiatoia per uccelli”, afferma Gray, aggiungendo che gli uccelli possono diffondere le infezioni molto più lontano di quanto possano fare le mucche e sono molto meno controllabili.

Tra le ipotesi al vaglio la vaccinazione delle mucche

Alcune prove suggeriscono che la colpa potrebbe essere delle attrezzature agricole, come le mungitrici, ma diversi scienziati temono che possa essere trasportato dall’aria. “Penso davvero che stia accadendo e non siamo stati in grado di studiarlo”, dice Gray, principalmente perché gli agricoltori sono stati riluttanti a consentire agli ispettori di testare il loro bestiame. È stato scoperto che alcune varianti correlate che infettano i cavalli si diffondono nell’aria per chilometri, il che potrebbe spiegare come l’attuale ceppo si è spostato tra gli allevamenti. Fino a quando non si saprà di più sulla via di trasmissione del virus, afferma Worobey, sarà difficile determinare il modo migliore per contenerlo. Se il virus è diffuso nell’aria, dice Gray, vaccinare le mucche potrebbe essere un’opzione. I vaccini H5N1 non sono ancora stati utilizzati nei bovini statunitensi. Ma i vaccini antinfluenzali si sono rivelati efficaci nei suini e nel pollame, e i ricercatori stanno iniziando a testarli contro il ceppo H5N1 che infetta gli allevamenti da latte.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni

La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferich...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...