Salute 21 Agosto 2020

Aveva Covid-19 da 126 giorni: negativo e dimesso 49enne lombardo

Milko non riesce a credere di poter tornare finalmente dalla sua famiglia. Aveva Covid dal 16 di aprile, ora il tampone è negativo. Commozione dello staff dell’hub di Linate, dove sono ancora ospitate 20 persone

Immagine articolo

Era positivo al coronavirus Sars-CoV-2 dal 16 aprile, e dal 27 giugno era ospite del centro gestito dal Comitato regionale Lombardia di Croce Rossa Italiana all’interno della base dell’Aeronautica militare di Milano Linate. Milko M., 49 anni, cittadino italiano originario dell’Ecuador, è risultato negativo a Covid-19 dopo il 18esimo e 19esimo tampone. Questa mattina ha potuto lasciare l’hub di Linate.

In quell’hub dalla metà di marzo vengono accolti i pazienti Covid-positivi non gravi che a casa loro non hanno spazi a sufficienza per garantire il non contagio dei familiari durante il periodo di isolamento. Nella mattinata di oggi la notizia, riportata dall’Adn Kronos, della negatività del secondo tampone e la conseguente dimissione.

PARLA MILKO: «ORA HO BISOGNO DI RIABBRACCIARE LA FAMIGLIA»

«So che è stato un periodo intenso, a tratti sconfortante. Ora ti auguro di tornare alla tua vita, alla normalità, con la tua famiglia. Ti auguro davvero ogni bene per tutto il futuro», gli ha detto Sabina Liebschner, presidente del Comitato regionale Lombardia della Cri, in un messaggio vocale. «Grazie di cuore a tutto lo staff di Croce Rossa per quello che avete fatto per me. Ora ho soltanto bisogno di riabbracciare la mia famiglia e tornare alla mia vita», è stata l’immediata risposta.

Telefonata commossa con Mario Tanzi, responsabile della struttura assente in questi giorni da Milano. I due si sono dati appuntamento a settembre per un abbraccio che si erano promessi da tempo. Ad oggi il centro ha accolto 90 ospiti, 20 dei quali sono attualmente presenti mentre gli altri, diventati negativi, sono stati dimessi.

Articoli correlati
Covid, le Regioni accelerano sui tamponi ma i Mmg denunciano criticità nella comunicazione dei risultati
L'allarme della Fimmg in Campania, Lazio e Liguria: con l'aumento dei tamponi ritardi e difficoltà nella certificazione si aggraveranno
«Sono un infermiere e ho lottato contro il Covid-19 a Milano. Ma ora sogno di diventare medico»
Dalle corsie dell’Istituto geriatrico Redaelli alle aule della Statale per il test di Medicina: «Sono curioso ed appassionato della materia, avevo deciso prima del Covid»
di Federica Bosco
La Ue ha firmato un contratto per 300 milioni di dosi del vaccino Sanofi/Gsk
Si tratta del secondo contratto dopo quello con AstraZeneca. L'Ue potrà scegliere di donare dosi del vaccino Sanofi/Gsk a Paesi con reddito medio-basso. Per Von der Leyen è un ulteriore passo all'accesso equo a vaccini sicuri
Gli anticorpi monoclonali possono essere il “Game changer”, prima del vaccino?
Gli anticorpi monoclonali possono rappresentare la soluzione più imminente al COVID-19? Attualmente sono 3 i laboratori in fase avanzata, di ampia sperimentazione sull'uomo (cosiddetta Fase 3): la Regeneron/NIAID, con due anticorpi (REGN10933 e REGN10987), la Eli Lilly (con Ly-CoV555), e la Vir Biotechnology (VIR-7831 e VIR-7832)
di Peter D'Angelo
Fatica, dolore e sintomi dopo Covid-19: è malattia cronica?
Paola Pisanti (Ministero della Salute): «Molti rimangono affetti in maniera subacuta, serve un SSN attento alle cronicità»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 settembre, sono 31.032.045 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 960.729 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto