Salute 22 Marzo 2018

Ore in palestra e infiniti allenamenti sfiancanti? In realtà per stare bene bastano meno di 10 minuti

Una ricerca pubblicata sul Journal of the American Heart Association dimostra che anche spalmare pochi minuti di attività fisica in diversi momenti della giornata assicura importanti benefici per la salute e riduce il rischio di malattie

Per più di 30 anni ci è stato continuamente detto che svolgere attività fisica fa bene alla salute solo se vi si dedicano almeno 10 minuti continuativi. In realtà non è così. Come dimostra una ricerca pubblicata sul Journal of the American Heart Association, anche spalmare pochi minuti di attività fisica in diversi momenti della giornata assicura importanti benefici per la salute e riduce il rischio di malattie. Il risultato sarà infatti lo stesso di un allenamento moderato o intensivo, dove per moderato si intende una camminata veloce che  impedisce di parlare normalmente ed intensivo coincide con una bella corsetta.

Inutile quindi sudare in modo esagerato e stremare muscoli che il giorno dopo ci presenteranno inevitabilmente il conto; via libera invece al salire e scendere brevi tratti di scale più volte al giorno, abolire l’ascensore per arrivare al primo o al secondo piano e parcheggiare la macchina più lontano possibile da casa e dall’ufficio per sforzarsi di camminare un po’ di più.

Ovviamente, più esercizio si fa maggiori saranno i benefici per la salute e minore sarà il rischio di morte prematura. Lo studio ha analizzato i dati dei 4840 statunitensi ultraquarantenni che tra il 2003 ed il 2006 hanno partecipato ad un sondaggio nazionale sulla salute e la nutrizione indossando degli accelerometri che quantificavano la loro attività fisica. Ne è emerso che coloro che ogni giorno accumulavano meno di 20 minuti di attività correvano maggiori rischi; chi faceva esercizi per un’ora al giorno riduceva del 57% il rischio di morte prematura, fino ad arrivare ad una riduzione del 76% per almeno 100 minuti di movimento.

«I risultati della ricerca sono un’ottima notizia per tutti – commenta William E. Kraus, autore dello studio e Professore presso la Facoltà di Medicina della Duke University (North Carolina) -: accumulare una mezz’oretta di attività fisica in diversi momenti della giornata è sicuramente più semplice e comodo rispetto a trovare 30 minuti liberi da dedicare esclusivamente all’esercizio».

Le linee guida attualmente in vigore negli Stati Uniti, approvate nel 2008, raccomandano almeno 150 minuti di esercizio moderato o 75 minuti di allenamento intensivo a settimana, possibilmente spalmati in diversi giorni. Ma entro la fine dell’anno verranno pubblicate le linee guida aggiornate. E se verranno tenuti in considerazione i risultati di questo studio, potremo esser certi che anche i più piccoli gesti che ci sforziamo di fare nonostante la pigrizia saranno ricompensati.

LEGGI ANCHE: «CHI FA SPORT VIVE PIÙ’ A LUNGO, MA SERVE “RICETTA” PERSONALIZZATA: 3 KM TRE VOLTE A SETTIMANA» COSI’ IL PROFESSOR GAITA, CARDIOLOGIA UNIVERSITÀ’ TORINO

Articoli correlati
Disturbi dell’alimentazione, all’Ini controlli gratuiti. Ecco i sintomi che devono allarmare
Colloqui gratuiti a Roma per coloro che hanno disturbi dell’alimentazione. In occasione della Giornata del Fiocchetto Lilla, il 15 Marzo, per sensibilizzare sui disturbi dell’alimentazione, gli esperti del Gruppo INI saranno a disposizione delle persone che abbiano deciso di affrontare un percorso per risolvere il proprio disturbo alimentare. In Italia circa 3 milioni di persone sono costrette a convivere […]
LA STORIA | «Disabile dopo un incidente in moto, ora sono campione del motociclismo italiano ed internazionale»
Maurizio Castelli, 26 anni, la ricetta del suo successo: «Prima per la riabilitazione, poi per l’allenamento fuori pista, ho scelto l’elettromiostimolazione, una tecnica che permette di allenare in profondità oltre 300 muscoli, attraverso degli esercizi a corpo libero effettuati con degli elettrodi, in soli 20 minuti a settimana»
di Isabella Faggiano
Epatologia, AISF: «Attività fisica e corretta alimentazione fondamentali per buona salute del fegato. Ecco perché». Il convegno alla Sapienza
Le nuove sfide per l’epatologo, sempre più attento alla medicina preventiva, al centro del meeting precongressuale “Lifestyle and the Liver” organizzato dall’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato AISF ed in corso presso l’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma. EPATOLOGI: VECCHIE E NUOVE SFIDE Il panorama delle malattie del fegato è in continua evoluzione […]
Bullismo e cyberbullismo, lo sport è una cura. Giovanni Malagò (Coni): «Campioni italiani siano esempio per i nostri giovani»
Il 77% delle vittime, è obeso o in sovrappeso. Massaccesi (Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping): «Prima si giocava nel cortile di casa, oggi si gioca nel cortile del web. Lo sport è uno strumento fondamentale per spingere i ragazzi ad avere una vita attiva»
di Isabella Faggiano
Salute, tra gli “Sport Ambassadors” Zentiva Italia anche Domenico Criscito
Sulla scia dell’importanza dello sport come alleato della salute, Domenico Criscito, difensore della Nazionale Italiana e capitano del Genoa CFC,  prende parte al Team Zentiva Italia come “Sport Ambassadors” di cui fa già parte Michela Moioli, primo Oro Olimpico Italiano e campionessa del mondo di Snowboard Cross. Domenico Criscito, classe 1986, ha esordito in serie A nel Genoa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone