Salute 26 Novembre 2019

Attacco respiratorio acuto, Scala (San Donato Arezzo): «Mortale nel 15% dei casi, mancano le unità specializzate»

Ospite del XX Congresso Nazionale di Pneumologia organizzata da AIPO il direttore dell’Unità Operativa di Pneumologia dell’Ospedale San Donato di Arezzo, Raffaele Scala spiega quanto sia importante riconoscere questa patologia: «In assenza di un trattamento questo attacco può mettere in pericolo di vita il paziente»

Poco conosciuto, l’attacco respiratorio acuto ha una mortalità superiore all’infarto. «Si calcola che mentre l’attacco cardiaco acuto ha una mortalità sotto il 5% quello polmonare sfiora il 10-15%, indipendentemente dal tipo di patologia» avverte Raffaele Scala, direttore dell’Unità Operativa di Pneumologia dell’Ospedale San Donato di Arezzo, intervistato da Sanità Informazione in occasione del XX Congresso Nazionale di Pneumologia organizzata da AIPO tenutosi a Firenze.

«Quando parliamo di attacco respiratorio acuto, dobbiamo intendere una difficoltà improvvisa, rapida e severa di una persona che ha una malattia respiratoria. In assenza di un trattamento questo attacco può mettere in pericolo di vita il paziente. Le malattie che possono determinare un attacco respiratorio acuto – spiega ancora lo pneumologo – sono numerose. Alcune sono note, come la broncopneumopatia cronico ostruttiva e l’attacco asmatico acuto; altre sono malattie meno note, ad esempio quelle del sistema neuro-muscolare, come le distrofie e la sclerosi laterale amiotrofica; oppure malattie di interesse non respiratorio, come ad esempio l’edema polmonare cardiaco, lo scompenso del cuore che può portare ad un riflesso sul polmone».

Quali sono oggi i trattamenti a disposizione? «La persona che sviluppa questo attacco si trova nella difficoltà di dover supportare il proprio respiro e ha bisogno di un aiuto. L’aiuto ci deriva dalle medicine, ma anche dai supporti respiratorio che noi specialisti implementiamo in maniera non invasiva. Oltre l’ossigeno-terapia tradizionale, cioè la ventilazione in maschera e sistemi di erogazione di aria con alto flusso. In questo modo riusciamo a controllare l’attacco respiratorio acuto così da poter evitare il peggioramento e il ricovero nell’unità di terapia intensiva».

Una patologia che deve essere trattata in strutture specializzate, come l’Unità di terapia intensiva pneumologica. «Lo scopo è proprio di accogliere i pazienti con gravi crisi respiratoria, laddove possiamo implementare tutti i sistemi di assistenza, soprattutto respiratoria non invasiva e portare il paziente alla risoluzione. C’è anche purtroppo da dire che è un numero ancora insufficiente rispetto alle esigenze dei nostri cittadini. I numeri sono in incremento, perché riusciamo fortunatamente a controllare molto bene queste malattie croniche con i farmaci e portiamo la storia naturale della malattia avanti. Però purtroppo questo porta ad un esaurimento funzionale del polmone. Consideriamo poi che anche questo impatta molto sull’uso delle risorse sanitarie, quindi sulle ospedalizzazioni e purtroppo anche sulla vita del paziente».

LEGGI: DAL CUORE AI DENTI, COME INFLUISCE LO ‘STATO DI SALUTE’ DEI POLMONI SUL NOSTRO ORGANISMO

Articoli correlati
Covid-19, Aipo: «Pneumologia italiana allertata e pronta»
L’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri: «Un’importante sfida per il nostro SSN che si è pienamente dimostrato all’altezza nel rispondere a questa complessa e difficile situazione»
Dal cuore ai denti, come influisce lo ‘stato di salute’ dei polmoni sul nostro organismo
Le ultime ricerche sono state presentate al XX Congresso Nazionale di Pneumologia organizzata da AIPO tenutosi a Firenze
Giornata mondiale BPCO, Rogliani (Tor Vergata): «Aderenza alla terapia tra le maggiori criticità»
In Italia la Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva colpisce tra il 5 e il 10% della popolazione adulta di età superiore ai 40 anni. Ancora poco conosciuta, la BPCO può portare una consistente riduzione della capacità respiratoria. Prof.ssa Paola Rogliani: «Quando il sintomo è palese, il danno è già abbastanza esteso»
Malattie polmonari, Tommasetti (AIPO): «Donne più a rischio, ma sono in arrivo nuovi farmaci e terapie personalizzate»
In arrivo nuovi medicinali per la fibrosi polmonare idiopatica, la linfangioleiomiomatosi, le istiocitosi. «La risposta alle terapie è influenzata dal genere ed esistono anche in ambito polmonare malattie di genere che colpiscono esclusivamente donne in età fertile» sottolinea la pneumologa dell’Ospedale Morgagni di Forlì
di Federica Bosco
BPCO, parte la campagna di sensibilizzazione AIPO “ABCDEF”. Vitacca (Maugeri): «Esenzioni e accesso a percorsi di riabilitazione respiratoria»
«Il manifesto che abbiamo realizzato spiega con degli acronimi “ABCDEF” di ricordare ai pazienti e ai curanti quelli che sono i capisaldi dei diritti e dei doveri che ogni paziente dovrebbe avere su questa patologia» sottolinea Responsabile del Dipartimento di Pneumologia Riabilitativa degli Istituti Clinici Scientifici Maugeri di Pavia
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 31 marzo, sono 786.291 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 37.820 i decessi e 166.088 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...