Salute 1 Marzo 2019

Assistenti sociali, Gianmario Gazzi (Cnoas) «Assistenza continua non garantita a tutti, troppo divario Nord-Sud»

«Noi pensiamo che vadano considerate le specificità di ogni territorio: una regione alpina non è uguale a una regione padana, per restare al Nord, ma certamente questo non significa rinunciare all’universalismo e alla garanzia di solidarietà tra regioni» così il Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

«Un cittadino della Calabria ha a disposizione per la spesa sociale 22 euro all’anno, uno del Trentino 220. Dieci volte tanto». Secondo Gianmario Gazzi, il Presidente Cnoas (Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali) il Sistema socio-sanitario nazionale italiano non sempre assicura l’uguaglianza dei cittadini italiani. Gazzi, a margine dell’Assemblea delle professioni sanitarie e sociali al teatro Argentina di Roma, ha invitato tutti i rappresentanti delle professioni a lavorare insieme, a concordare una strategia di azione da proporre a Governo e Regioni costruendo un fronte comune per cambiare le cose.

Gli assistenti sociali insieme alle professioni sanitarie riunite per lanciare un messaggio di unione e chiedere di consultarvi sempre per il futuro della sanità italiana

«Assolutamente. La salute ha una componente importantissima che è quella sociale. L’assistente sociale si occupa della persona nella sua globalità, quindi considera il rapporto con il territorio in cui vive nella costruzione di percorsi ad hoc. Spesso usiamo dire che noi siamo i sarti dell’intervento socio-sanitario, quelli che mettono in connessione tutte le risorse disponibili, anche personali, di ogni individuo. Si pensi ad esempio agli interventi con le persone con disabilità, non c’è solo l’acuzie, esiste anche la necessità di una assistenza continua. Ecco, questo oggi nel nostro Paese non è sempre garantito. Noi sappiamo che il divario di spesa sociale tra una Regione del nord e una del Sud Italia può arrivare a dieci volte tanto. Una cittadina del Sud Italia non sempre può avere gli stessi diritti di una cittadina del Nord Italia. Penso sempre alla differenza di spesa sociale tra Calabria e Trentino: è appunto di 10 volte tanto. Da 22 euro a 220 euro pro capite annui».

Il Presidente Fnomceo Anelli ha lanciato un allarme sul regionalismo differenziato, voi cosa pensate?

«Noi pensiamo che vadano considerate le specificità di ogni territorio: una regione alpina non è uguale a una regione padana, per restare al Nord, ma certamente questo non significa rinunciare all’universalismo e alla garanzia di solidarietà tra regioni. I processi di regionalismo devono essere concordati con i territori ma anche con i professionisti che sono esperti tecnici e assolutamente competenti nel dare le soluzioni più adeguate a garantire l’universalismo che oggi è il grande pregio del nostro sistema sanitario nazionale».

Come assistenti sociali qual è la prima richiesta che fate al Governo?

«Innanzitutto, un dialogo. Era importante trovarsi tutti insieme, è necessario costruire un dialogo costruttivo insieme al Governo ma anche alle regioni per creare quei percorsi integrati che diano diritti alle persone. Oggi i diritti sociali, e in parte anche i diritti sanitari, non sono garantiti a tutti nello stesso modo e questo è un problema».

Articoli correlati
Salute maschile, gli endocrinologi: «Attenzione alle patologie “femminili” che colpiscono anche gli uomini»
Tra le malattie nascoste l’anoressia, l’osteoporosi e la pubertà precoce. 1 uomo su 4 soffre di anoressia, 1 su 10 di osteoporosi
«Un unico modello virtuoso per tutte le Regioni». La ricetta del viceministro Sileri per il SSN
«Se c’è un modello di cardiologia, di chirurgia o di governance che funziona, quel modello va copiato e trasmesso in tutta Italia. Così supereremo le diseguaglianze»
Cellulare e tumore, per i giudici il nesso c’è. L’otorino: «Sicuramente causa cambiamenti fisiologici»
Accolto dalla Corte d'Appello di Torino il ricorso di un lavoratore che ha utilizzato il telefono aziendale per anni e ha sviluppato poi una forma tumorale. L’Inail dovrà corrispondere un vitalizio, ma la scienza sul tema continua ad essere divisa. Il dottor Attanasio: «È vero che non ci sono evidenze scientifiche ma non si può escludere che un’esposizione continua a radiofrequenze non faccia danni»
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
Ictus cerebrale, la storia del giornalista Rai Andrea Vianello. «Non riuscivo più a parlare»
«Il 2 febbraio dello scorso anno ho avuto un ictus, ho subito un’operazione d’urgenza, e quando mi sono risvegliato non riuscivo più a parlare. Proprio io, che sapevo solo parlare: non potevo dire nemmeno i nomi dei miei figli». Ha affidato a Twitter il racconto dell’evento drammatico che lo ha colpito il giornalista Rai Andrea […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...