Salute 1 Marzo 2019 12:51

Assistenti sociali, Gianmario Gazzi (Cnoas) «Assistenza continua non garantita a tutti, troppo divario Nord-Sud»

«Noi pensiamo che vadano considerate le specificità di ogni territorio: una regione alpina non è uguale a una regione padana, per restare al Nord, ma certamente questo non significa rinunciare all’universalismo e alla garanzia di solidarietà tra regioni» così il Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Assistenti sociali, Gianmario Gazzi (Cnoas) «Assistenza continua non garantita a tutti, troppo divario Nord-Sud»

«Un cittadino della Calabria ha a disposizione per la spesa sociale 22 euro all’anno, uno del Trentino 220. Dieci volte tanto». Secondo Gianmario Gazzi, il Presidente Cnoas (Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali) il Sistema socio-sanitario nazionale italiano non sempre assicura l’uguaglianza dei cittadini italiani. Gazzi, a margine dell’Assemblea delle professioni sanitarie e sociali al teatro Argentina di Roma, ha invitato tutti i rappresentanti delle professioni a lavorare insieme, a concordare una strategia di azione da proporre a Governo e Regioni costruendo un fronte comune per cambiare le cose.

Gli assistenti sociali insieme alle professioni sanitarie riunite per lanciare un messaggio di unione e chiedere di consultarvi sempre per il futuro della sanità italiana

«Assolutamente. La salute ha una componente importantissima che è quella sociale. L’assistente sociale si occupa della persona nella sua globalità, quindi considera il rapporto con il territorio in cui vive nella costruzione di percorsi ad hoc. Spesso usiamo dire che noi siamo i sarti dell’intervento socio-sanitario, quelli che mettono in connessione tutte le risorse disponibili, anche personali, di ogni individuo. Si pensi ad esempio agli interventi con le persone con disabilità, non c’è solo l’acuzie, esiste anche la necessità di una assistenza continua. Ecco, questo oggi nel nostro Paese non è sempre garantito. Noi sappiamo che il divario di spesa sociale tra una Regione del nord e una del Sud Italia può arrivare a dieci volte tanto. Una cittadina del Sud Italia non sempre può avere gli stessi diritti di una cittadina del Nord Italia. Penso sempre alla differenza di spesa sociale tra Calabria e Trentino: è appunto di 10 volte tanto. Da 22 euro a 220 euro pro capite annui».

Il Presidente Fnomceo Anelli ha lanciato un allarme sul regionalismo differenziato, voi cosa pensate?

«Noi pensiamo che vadano considerate le specificità di ogni territorio: una regione alpina non è uguale a una regione padana, per restare al Nord, ma certamente questo non significa rinunciare all’universalismo e alla garanzia di solidarietà tra regioni. I processi di regionalismo devono essere concordati con i territori ma anche con i professionisti che sono esperti tecnici e assolutamente competenti nel dare le soluzioni più adeguate a garantire l’universalismo che oggi è il grande pregio del nostro sistema sanitario nazionale».

Come assistenti sociali qual è la prima richiesta che fate al Governo?

«Innanzitutto, un dialogo. Era importante trovarsi tutti insieme, è necessario costruire un dialogo costruttivo insieme al Governo ma anche alle regioni per creare quei percorsi integrati che diano diritti alle persone. Oggi i diritti sociali, e in parte anche i diritti sanitari, non sono garantiti a tutti nello stesso modo e questo è un problema».

Articoli correlati
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
Congresso Fimp, Biasci: «Troppi casi di violenza e violazioni dei diritti dei più piccoli. Porre un argine forte»
I pediatri di famiglia lanciano la carta dei diritti del bambino e adolescente. «È importante che i bimbi siano condotti con regolarità ai controlli periodici»
Ottobre mese prevenzione dentale, visite gratuite e massima attenzione a giovani e anziani
Recenti ricerche universitarie mostrano, su un campione di 30mila italiani, che è in atto un peggioramento delle condizioni di salute del cavo orale
«L’Italia riparta da volontariato e Terzo Settore». L’appello di AIL per una sanità a misura d’uomo
Al Convegno a Roma presenti le principali realtà associazionistiche nel campo della salute. Focus sulla tossicità finanziaria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?