Salute 1 Marzo 2019

Assistenti sociali, Gianmario Gazzi (Cnoas) «Assistenza continua non garantita a tutti, troppo divario Nord-Sud»

«Noi pensiamo che vadano considerate le specificità di ogni territorio: una regione alpina non è uguale a una regione padana, per restare al Nord, ma certamente questo non significa rinunciare all’universalismo e alla garanzia di solidarietà tra regioni» così il Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

«Un cittadino della Calabria ha a disposizione per la spesa sociale 22 euro all’anno, uno del Trentino 220. Dieci volte tanto». Secondo Gianmario Gazzi, il Presidente Cnoas (Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali) il Sistema socio-sanitario nazionale italiano non sempre assicura l’uguaglianza dei cittadini italiani. Gazzi, a margine dell’Assemblea delle professioni sanitarie e sociali al teatro Argentina di Roma, ha invitato tutti i rappresentanti delle professioni a lavorare insieme, a concordare una strategia di azione da proporre a Governo e Regioni costruendo un fronte comune per cambiare le cose.

Gli assistenti sociali insieme alle professioni sanitarie riunite per lanciare un messaggio di unione e chiedere di consultarvi sempre per il futuro della sanità italiana

«Assolutamente. La salute ha una componente importantissima che è quella sociale. L’assistente sociale si occupa della persona nella sua globalità, quindi considera il rapporto con il territorio in cui vive nella costruzione di percorsi ad hoc. Spesso usiamo dire che noi siamo i sarti dell’intervento socio-sanitario, quelli che mettono in connessione tutte le risorse disponibili, anche personali, di ogni individuo. Si pensi ad esempio agli interventi con le persone con disabilità, non c’è solo l’acuzie, esiste anche la necessità di una assistenza continua. Ecco, questo oggi nel nostro Paese non è sempre garantito. Noi sappiamo che il divario di spesa sociale tra una Regione del nord e una del Sud Italia può arrivare a dieci volte tanto. Una cittadina del Sud Italia non sempre può avere gli stessi diritti di una cittadina del Nord Italia. Penso sempre alla differenza di spesa sociale tra Calabria e Trentino: è appunto di 10 volte tanto. Da 22 euro a 220 euro pro capite annui».

Il Presidente Fnomceo Anelli ha lanciato un allarme sul regionalismo differenziato, voi cosa pensate?

«Noi pensiamo che vadano considerate le specificità di ogni territorio: una regione alpina non è uguale a una regione padana, per restare al Nord, ma certamente questo non significa rinunciare all’universalismo e alla garanzia di solidarietà tra regioni. I processi di regionalismo devono essere concordati con i territori ma anche con i professionisti che sono esperti tecnici e assolutamente competenti nel dare le soluzioni più adeguate a garantire l’universalismo che oggi è il grande pregio del nostro sistema sanitario nazionale».

Come assistenti sociali qual è la prima richiesta che fate al Governo?

«Innanzitutto, un dialogo. Era importante trovarsi tutti insieme, è necessario costruire un dialogo costruttivo insieme al Governo ma anche alle regioni per creare quei percorsi integrati che diano diritti alle persone. Oggi i diritti sociali, e in parte anche i diritti sanitari, non sono garantiti a tutti nello stesso modo e questo è un problema».

Articoli correlati
Inps, presentato Osservatorio per la disabilità psichiatrica e psicosociale
Lo scopo è valutare e monitorare l’impatto che tali patologie generano sul “sistema Paese” e coinvolgere Centri di ricerca universitari, Istituzioni del settore sanitario e sociale e i principali stakeholder nazionali
Il software intelligente che monitora la salute per tornare in ufficio in sicurezza
Ideato e promosso da un gruppo di aziende sotto il coordinamento di Technogenetics, il kit prevede test sierologico rapido e software per rilevare temperatura, saturazione dell’ossigeno e battito cardiaco
di Federica Bosco
Salute, benessere e stili di vita: nasce Senior News, il Tg di Senior Italia FederAnziani
Senior news sarà pubblicato ogni giorno alle ore 14:30 sul canale YouTube di Senior Italia FederAnziani e sulle pagine Facebook della federazione e sarà distribuito via Whatsapp a tutti gli aderenti
Emicrania, studio italiano svela i meccanismi dell’allodinia e vince il “Wolff Award”
La scoperta dei neurologi italiani riceve il premio più prestigioso al mondo nell’ambito delle cefalee
Cisl medici Lazio: «Garantire l’assistenza e la cura per le patologie acute e croniche è la priorità»
La Cisl Medici Lazio «continuerà a fare la propria parte nella difesa del Sistema Sanitario pubblico soprattutto in questo momento così difficile per la salute degli italiani».  Così il sindacato in una nota. «Siamo sempre pronti al dialogo con l’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio – spiegano il dottor Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)