Salute 19 Giugno 2023 07:07

Anziani: in Veneto si allungano le liste d’attesa per RSA, cresce il numero dei cronici e non si trovano OSS

Anziani sempre più malati cronici. Cresce il numero di non autosufficienti nelle RSA dove la permanenza media scende a tre mesi. Per sopperire alla mancanza di Oss, nasce un tavolo di lavoro tra Regione Veneto e Uneba per reclutarli dall’estero con un unico visto di formazione e lavoro

Anziani: in Veneto si allungano le liste d’attesa per RSA, cresce il numero dei cronici e non si trovano OSS

Cresce il numero degli anziani residenti in Veneto che necessitano di assistenza. Secondo le stime della Regione i non autosufficienti  a fine 2022 erano 30.753, mentre gli over 65 seguiti a domicilio con ADI 137.466. L’assistenza domiciliare integrata è il servizio gratuito realizzato dall’Asl a domicilio con l’ausilio di medici, fisioterapisti, psicologi, farmacisti, infermieri e operatori sociosanitari. «Numeri destinati a crescere nei prossimi decenni. Oggi sono oltre 200  mila gli anziani che hanno bisogno di assistenza mentre i posti letto nelle RSA sono 33 mila e nei prossimi anni arriveranno a 300 mila», fa notare a Sanità Informazione Francesco Facci, Presidente di Uneba Veneto, all’indomani dell’incontro tra Uneba Veneto e Regione per analizzare il mondo  degli anziani e definire le nuove linee di programmazione per far fronte ai loro bisogni.

Anziani sempre più cronici

Il lockdown e la necessità di mantenere le distanze durante il Covid ha fatto sì che molti  anziani anche gravi rimanessero a casa, soli. «La pandemia ha messo in luce due criticità: da un lato un aumento del numero dei cronici tra gli anziani e dall’altra la crescente difficoltà di reperire sul mercato del lavoro personale afferente alla sfera sociosanitaria», spiega il Presidente di Uneba Veneto. Ad aggravare ancor più la situazione oggi un numero non più sufficiente di RSA, che per molto tempo hanno fatto anche da parafulmine alla sanità pubblica, andando a sopperire alle carenze degli ospedali per i lungo degenti., ma che oggi non bastano più. «Dopo il Covid è aumentata anche la mortalità (faccio l’esempio del Centro Servizi per Anziani che ha circa 200 posti: siamo passati da una media di 80 decessi all’anno prima del Covid, a 160 all’anno oggi). Prima la permanenza media di un anziano in RSA era di un anno e mezzo oggi è di tre mesi.  Siamo in grande difficoltà sia per quanto riguarda gli infermieri, ma soprattutto per gli operatori sociosanitari», puntualizza Facci.

In Veneto come negli Stati Uniti, i bisogni si avvertono prima

Sarà un caso, o perché il sistema produttivo in Veneto funziona, sta di fatto che le criticità lì si avvertono prima. Un sentore che poi a cascata si diffonde in tutto il resto del Paese. Lo sanno bene imprenditori, dirigenti e associazioni. Un paradigma a cui non si sottrae neppure il mondo sociosanitario impegnato nella gestione degli anziani. «Si tratta di un sistema che riguarda tutti gli ambiti produttivi, non solo la sanità – afferma Facci –, perché in Europa mancano cento milioni di lavoratori nel sistema produttivo, mentre più in generale la popolazione mondiale è aumentata di due miliardi.  Questo significa necessità di reperire forza lavoro in altri paesi, compresi gli operatori sociosanitari. Quindi il nostro compito è di costruire rapporti virtuosi con altre comunità già presenti in Italia, in modo tale da garantire l’integrazione. Come? Per cominciare facendo studiare la lingua a chi desidera lavorare come OSS in Italia. Un sistema già in vigore in altri paesi europei, come la Germania che ha consolidato una partnership con il Vietnam  per cui nell’ultimo anno alla scuola di infermieri in Vietnam si studia il tedesco».

RSA: liste d’attesa sempre più lunghe, gli anziani si assistono a domicilio

In questo nuovo schema più aperto verso il mercato  internazionale, dunque, l’RSA può diventare il perno del sistema di assistenza agli anziani, anche a domicilio. «Con la logica di RSA aperta – prosegue – tutto può migliorare e noi come associazione stiamo proprio lavorando in quella direzione perché siamo presenti 7 giorni su 7 e 24 ore al giorno, con personale che si occupa di ogni aspetto: dalla somministrazione dei pasti, alle iniezioni, dalla fisioterapia, alle terapie». Oltre alla formazione complementare agli OSS già in atto con Regione Veneto; a breve sarà istituito un tavolo di lavoro per studiare una formula tale da poter importare risorse dall’estero, formarle e poi farle subito lavorare».

Si studia un reclutamento massivo di Oss dal Sud America

Brasile, Argentina, Cile e Paraguay sono i paesi candidati a fornire le risorse al settore sociosanitario veneto  per i prossimi dieci anni. Questo è quanto auspica Francesco Facci:  «Come Uneba stiamo cercando di organizzare un reclutamento massivo dal Sud America di infermieri tecnici, simili ai nostri OSS». Un impegno per il quale Regione Veneto e Uneba stanno cercando di dare corso applicando il decreto Cutro (decreto legge 20/2023) secondo il quale è possibile accogliere una  persona con un permesso di studio e poi  trasformarlo in permesso di lavoro, a prescindere dai flussi migratori. «Fino ad oggi, chi ottiene un permesso di soggiorno per studio, dopo il diploma, deve tornare nel paese di origine  e richiedere un nuovo permesso, questa volta di lavoro, per essere assunto poi in Italia. Noi vogliamo superare questo limite», conclude il Presidente di Uneba Veneto.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...