Salute 22 Maggio 2023 11:28

Modello 730: tutte le novità del 2023 per le detrazioni possibili in presenza di soggetti fragili

A Sanità Informazione l’esperto fiscale Marco Petrillo (UNEBA) spiega come detrarre spese sanitarie, rette di RSA e RSD e deduzioni badanti per soggetti fragili.

Modello 730: tutte le novità del 2023 per le detrazioni possibili in presenza di soggetti fragili

Nel modello 730/2023 sono possibili detrazioni per soggetti fragili (anziani e diversamente abili), compresi soggiorni nelle RSA o RSD,  le deduzioni per i contributi di colf e badanti e ulteriori tipologie di spese.

«I costi sostenuti nel 2022 per soggetti fragili danno diritto ad uno sconto IRPEF del 19 percento – spiega a Sanità Informazione Marco Petrillo, commercialista e presidente della commissione fiscale Uneba -. Prima di soffermarci però sulle singole spese, occorre precisare che  alcune voci permettono di beneficiare di deduzioni che fanno scendere il valore dei redditi su cui bisogna poi calcolare le somme. Alla luce di queste considerazioni, è bene seguire le indicazione dell’Agenzia delle Entrate per compilare il modello 730».

Quando si ha diritto a detrazioni per soggetti fragili nel modello 730/2023

Anche per anziani e diversamente abili esiste la franchigia di 129,11 euro.  Il tetto massimo è di 18075,99 euro per l’acquisto di un auto adattata, oppure destinata al trasporto di un soggetto diversamente abile. «Le spese mediche e sanitarie per soggetti fragili sono ammesse solo se effettuate con pagamenti a mezzo bancomat e carta di credito. A meno che si tratti di acquisto di prestazioni sanitarie effettuate in strutture pubbliche o private accreditate al Servizio sanitario nazionale – aggiunge l’esperto -. È importante poi ricordare che la detrazione relativa a spese sanitarie non è legata alla condizione di fragilità della persona, mentre per lo sconto IRPEF per l’assistenza personale è necessaria la condizione di disabilità».

Percentuali di detrazioni per le rette di RSA e RSD

Tra le spese che si possono detrarre ci sono quelle per addetti all’assistenza personale di pazienti non autosufficienti e le rette per le case di riposo.  «A questo proposito – riprende Petrillo- quando il soggetto fragile è ricoverato in un istituto, ai familiari deve essere rilasciato a fine anno per legge una certificazione della spesa sostenuta. All’interno del documento dovranno essere distinte le spese sanitarie dalle spese alberghiere. Solo la quota destinata alle spese sanitarie sarà detraibile».

Ad ogni Regione diverse detrazioni per soggetti fragili

Le percentuali relative a spese sanitarie e alberghiere da alcuni anni sono stabilite dalle Regioni che possono decidere di applicare percentuali di forfettizzazione. «In Lombardia, ad esempio, – prosegue il responsabile della commissione fiscale Uneba – dal 2019 sono state introdotte le percentuali del 58% per gli anziani e 65% per i diversamente abili. Nel caso in cui le regioni non abbiano prodotto la percentuale di forfettizzazione, la struttura può indicare la ripartizione delle spese tra sanitarie e alberghiere oppure, in assenza di ripartizione, si applica la misura del 50%».

Costi detraibili da inserire nel quadro E

I costi sostenuti nel 2022 per spese mediche e sanitarie anche per i soggetti fragili vanno riportati nel riquadro E del modello 730 e si riferiscono a:

  • Prestazioni chirurgiche
  • Analisi, indagini radioscopiche, ricerche e applicazioni
  • Prestazioni specialistiche
  • Acquisto o affitto di protesi sanitarie
  • Prestazioni rese da un medico generico, comprese le prestazioni rese per visite e cure di medicine omeopatiche
  • Ricoveri per operazione chirurgica o degenza in RSA per la parte relativa alla spesa sanitaria
  • Acquisto di medicinali da banco o con ricetta medica, anche omeopatici
  • Acquisto o affitto di dispositivi medici contrassegnati dalla marcatura CE (es apparecchio per aerosol o per misurazione della pressione sanguigna)
  • Spese per trapianto di organi
  • Ticket per prestazioni effettate con il Servizio sanitario nazionale

Costi deducibili nel modello 730/2023 per persone diversamente abili da indicare nel rigo E25 sezione II

Nel 730/2023 è possibile ridurre il valore complessivo del reddito inserendo le spese mediche e di assistenza per persone diversamente abili, purché la disabilità sia riconosciuta da una commissione medica. Pertanto, per avere diritto alle deduzioni è necessario che le persone che beneficiano delle cure abbiamo una disabilità fisica, psichica o sensoriale stabile o progressiva che ne determini uno svantaggio sociale. «Le deduzioni si riferiscono anche a badanti assunte tramite agenzie interinali, purché questa rilasci una certificazione attestante gli importi pagati, gli estremi anagrafici e il codice fiscale del lavoratore», puntualizza Petrillo. Quindi hanno diritto alla deduzione il coniuge, generi e nuore, i figli, suoceri, discendenti dei figli, fratelli e sorelle, genitori compresi quelli adottivi e nonni. I costi vanno inseriti nel rigo E25 della sezione II e l’importo massimo deducibile è pari a 1549,37 euro.

Il termine ultimo per inviare il modello 730 del 2023 è il 2 ottobre.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...