Salute 24 Aprile 2024 12:40

Anziani a 71 o anche a 74 anni d’età. La percezione della “vecchiaia” si è posticipata

La percezione della “vecchiaia” è cambiata con l’aumento dell’aspettativa di vita. Le persone oggi tendono infatti a sentirsi “vecchi” più avanti negli anni rispetto a qualche decennio fa. Lo evidenzia uno studio i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Psychology and Aging

Anziani a 71 o anche a 74 anni d’età. La percezione della “vecchiaia” si è posticipata

La percezione della “vecchiaia” è cambiata con l’aumento dell’aspettativa di vita. Le persone oggi tendono infatti a sentirsi “vecchi” più avanti negli anni rispetto a qualche decennio fa. Lo evidenzia uno studio condotto dagli scienziati dell’Università Humboldt di Berlino, dell’Università di Stanford, dell’Università del Lussemburgo e dell’Università di Greifswald. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Psychology and Aging. “L’aspettativa di vita è aumentata notevolmente negli ultimi decenni – spiega Markus Wettstein, lo scienziato che ha coordinato lo studio – il che potrebbe contribuire a una visione più tardiva della vecchiaia. Allo stesso tempo, alcuni aspetti della salute sono migliorati, tanto che le persone di una certa età che in passato erano ritenute anziane oggi potrebbero non essere più considerate tali”.

A 65 anni si è convinti che la “vecchiaia” inizi al 71esimo anno di vita

Il gruppo di ricerca ha esaminato i dati raccolti da 14.056 partecipanti al German Aging Survey, un’indagine longitudinale che comprende abitanti tedeschi nati tra il 1911 e il 1974. I volontari hanno risposto a domande fino a otto volte nell’arco di 25 anni. Nel periodo di studio relativo alle generazioni successive, sono stati reclutati ulteriori partecipanti. Tra le domande del sondaggio, i ricercatori chiedevano a che età una persona potrebbe essere considerata anziana. Il confronto tra i questionari ha rivelato che all’età di 65 anni, in media, i nati nel 1911 fissavano l’inizio della vecchiaia a 71 anni, mentre i nati nel 1956 a 74 anni. “La tendenza a posticipare la vecchiaia non è lineare – commenta Wettstein – abbiamo anche scoperto che la percezione della vecchiaia tendeva a spostarsi anche con l’aumento dell’età delle persone”. Compiuti i 74 anni, i partecipanti indicavano l’inizio dell’età della vecchiaia a 76,8 anni.

Le donne tendono a posticipare la “vecchiaia” più degli uomini

Gli esperti hanno esaminato se e quanto le caratteristiche individuali, come il genere e lo stato di salute, contribuissero alle differenze nella percezione dell’inizio della vecchiaia. In media, riportano gli scienziati, le donne tendevano a considerare le persone anziane due anni dopo rispetto all’idea delle controparti maschili. Le persone più sole, con condizioni di salute peggiore, indicavano l’inizio della vecchiaia prima di quanto riferito dai coetanei più in forma. Questi risultati, commentano gli autori, potrebbero avere implicazioni su quando e come le persone si preparano al proprio invecchiamento, nonché su come la società percepisce gli anziani in generale. “Non è chiaro in che misura la tendenza a posticipare la vecchiaia rifletta una tendenza verso visioni più positive su questo particolare periodo della vita”, dice Wettstein. “I prossimi studi dovrebbero esaminare più approfonditamente questi aspetti, considerando le opinioni di altre comunità – continua – e campioni più ampi e diversificati. Tali prospettive potrebbero ricostruire il modo in cui la percezione dell’invecchiamento sia legata a fattori culturali”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...