Salute 8 Novembre 2021 11:26

Antibiotico-resistenza: un’emergenza sanitaria mondiale e nazionale

Le dimensioni de problema impongono più cautela nella prescrizione anche per gli antibiotici per uso topico

Antibiotico-resistenza: un’emergenza sanitaria mondiale e nazionale

L’incapacità di un antibiotico, somministrato alle dosi terapeutiche, di ridurre la sopravvivenza o inibire la replicazione di un batterio patogeno. È così che viene definita l’antibiotico-resistenza, un fenomeno che si è notevolmente diffuso e aggravato negli ultimi decenni, tanto da essere considerato uno dei problemi di salute globale più rilevanti. Una delle cause principali della resistenza agli antibiotici è l’enorme uso che si fa di questi farmaci, spesso anche in modo inappropriato [1].

Il problema è particolarmente rilevante in Italia, paese che, insieme alla Grecia, detiene il primato di diffusione di germi resistenti nel contesto europeo. Questo triste primato è correlato all’uso di antibiotici, ancora superiore alla media europea, anche se con un trend in diminuzione negli ultimi anni [1]. La selezione e la diffusione di ceppi di batteri antibiotico-resistenti ha alcune conseguenze sanitarie rilevanti, poiché determina un aumento della morbilità e della mortalità dei pazienti, un aumento dei giorni di degenza ospedaliera, nonché un ritardo nell’applicazione di una terapia antibiotica appropriata [2].

Da rilevare a riguardo che l’antibiotico-resistenza riguarda non solo le terapie antibiotiche sistemiche ma anche quelle topiche, anche se queste ultime hanno il vantaggio, rispetto a quelle sistemiche, di concentrare il principio attivo in elevate concentrazioni solo nel sito d’infezione, senza una significativa tossicità sistemica [3].

La portata di questo problema si può ben comprendere considerando che le infezioni batteriche cutanee sono molto diffuse, e spesso sostenute da batteri Gram-negativi: si stima per esempio che all’origine del 32-47% di tali infezioni vi sia lo Stafiloccus aureus. Meno frequenti sono invece le infezioni da batteri gram positivi, che colpiscono in particolare pazienti diabetici, immunodepressi o con ferite croniche e post-operatorie [3].

Le precedenti considerazioni devono indurre il clinico a un’attenta prescrizione anche dei farmaci antibiotici per uso topico, con una scelta di soluzioni terapeutiche appropriate, da usare per un periodo di tempo limitato, eventualmente facendo ricorso a esami colturali [3].

Considerate queste cautele di utilizzo, tra i trattamenti topici per le infezioni cutanee trova largo impiego gentamicina solfato allo 0,1%, antibiotico ad ampio spettro che si è dimostrato altamente efficace su diversi tipi di batteri, tra cui: Staphylococcus aureus (ceppi coagulasi positivi, coagulasi negativi e produttori di penicillinasi) e i batteri Gram-negativi (Pseudomonas aeruginosa, Aerobacter aerogenes, Escherichia coli, Proteus vulgaris e Klebsiella pneumoniae) [4].

Gentamicina solfato ha mostrato nell’uso clinico anche un profilo di tollerabilità molto favorevole, in virtù di un assorbimento transcutaneo di norma assente e di un basso tasso di sensibilizzazione cutanea [3].

 

Bibliografia

  1. AIFA. L’uso degli antibiotici in Italia – Rapporto Nazionale 2019
  2. Antibiotico-resistenza – Ministero della Salute
  3. Società italiana di Medicina generale (SIMG). Infezioni Cutanee dalla Diagnosi al Trattamento. 2017
  4. Gentalyn – RCP

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Caso Zitromax, Aifa: «Non esistono antibiotici efficaci per il Covid-19»
Dopo il grande clamore suscitato dalla carenza dell’Azitromicina e la segnalazione di Federfarma, arriva la risposta dell’Agenzia Italiana del Farmaco: «Carenza causata da prescrizione del farmaco al di fuori delle indicazioni previste»
Gonfi e stanchi, dieta detox contro la “sindrome post-abbuffate”
Da Serena Missori endocrinologa, nutrizionista e docente della serie Ecm “Gusto è Salute” di Consulcesi consigli utili per rimettersi in carreggiata dopo gli eccessi natalizi
AIFA ha autorizzato due pillole antivirali per il trattamento di Covid-19
Sì dall'Agenzia italiana del Farmaco a molnupiravir e remdesivir, il primo verrà spedito alle Regioni dal 4 gennaio. I dettagli su come si usano
«Esperienza faticosa ma profonda». In “Fango e risate” Muccioli racconta il padre e i “fratelli” di San Patrignano
La presentazione del volume, organizzata dall’associazione Impresa per la Vita, è avvenuta nella clinica Santa Famiglia. Possemato: «Un libro che vuole aiutare a combattere le patologie dell’età evolutiva». Marrocco (Fi): «Proposta di legge per istituire psicologo scolastico»
Covid-19, l’annuncio di Magrini (Aifa): «Due pillole antivirali in Italia da fine gennaio»
Il direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco ha parlato in occasione dell’audizione in Commissione Igiene e Sanità del Senato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre