Salute 28 Marzo 2019

La storia di Anezka, 25 anni: «Il pacemaker mi ha offerto una seconda possibilità di vita»

Intervenuta alla sessione “Meet my patient” del congresso EHRA a Lisbona, Anezka Gombosova, di Praga, ha spiegato ai cardiologi cosa significa convivere con il pacemaker. Poi li ha esortati: «Dovete imparare dai vostri pazienti»

Da piccola disegnava sempre cuori. Ancora non sapeva che il suo, di cuore, era sbagliato. Le hanno diagnosticato la trasposizione delle grandi arterie, difetto del setto intraventricolare e stenosi polmonare. A nove anni, il primo trapianto di pacemaker. Oggi ne ha 25, è fisioterapista e riesce a condurre una vita normale. Da Praga, dove vive, ha volato fino a Lisbona, dove è stata protagonista della sessione “Meet my patient” del congresso della European Heart Rhythm Association. Lì, ha raccontato ai cardiologi presenti in sala che cosa significa, per una giovane ragazza, convivere con un pacemaker.

All’inizio le trema la voce, ad Anezka Gombosova. Poi si fa forza e racconta la sua storia. Tacchi a spillo e uno zainetto sulle spalle, voce ferma e un inglese con cui è più difficile pronunciare i nomi dei difetti cardiaci congeniti che le hanno diagnosticato. «Non credo che avere un pacemaker abbia conseguenze particolarmente negative sulla qualità della mia vita – racconta a Sanità Informazione -. Senza parlare del fatto che mi ha salvato la vita, alla fine è questione di abitudine, poi sembrerà di averlo da sempre. Devi aspettare un po’ di più ai controlli di sicurezza all’aeroporto o non puoi utilizzare alcuni device a causa degli effetti dell’elettromagnetismo, ma alla fine la mia vita è come quella di tutti i miei coetanei».

LEGGI ANCHE: CARDIOLOGIA, IMPIANTATO IL PRIMO CUORE ARTIFICIALE WIRELESS. MASSETTI (GEMELLI): «L’ALIMENTAZIONE SENZA FILI RICARICA IL CUORE IN DUE ORE E RIDUCE IL RISCHIO DI INFEZIONI»

Anezka sottolinea più volte, nel suo discorso rivolto ai cardiologi, l’importanza della collaborazione tra medici e pazienti, che l’ha aiutata molto a gestire la sua diagnosi: «Sapere di potermi affidare al mio medico, potergli chiedere qualunque cosa mi passi per la testa, è stato fondamentale per me. Non mi sono mai sentita una paziente, una malata, un numero, ma sempre un essere umano, con un nome e una storia. Io e il mio medico siamo sempre stati una squadra, anche da adolescente, e così ho mantenuto il controllo della mia vita nelle mie mani».

Poi Anezka si rivolge direttamente ai medici: «Potete e dovete imparare molto dai pazienti, perché a noi vengono in mente delle domande che non verrebbero mai a voi, e possiamo aiutarvi. E vorrei ringraziarvi, perché so che senza di voi non sarei qui. Mi avete regalato un secondo biglietto di ingresso, una seconda possibilità per la mia vita».

Articoli correlati
Cure ospedaliere domiciliari, a Milano arriva il Virtual Hospital per seguire i pazienti da remoto
L’ideatore del progetto, il Preside della facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Statale, Gian Vincenzo Zuccotti, spiega: «Piattaforma per ospedali e medici di base per garantire visite specialistiche a tutti i pazienti da remoto. Modalità semplice, due sms e una tele visita. Al termine il referto viene inserito nel fascicolo sanitario elettronico»
di Federica Bosco
Al via la seconda edizione del corso per diventare Paziente Esperto EUPATI
Dieci mesi di alta formazione suddivisi in sei moduli, per un totale di 220 ore di lezione. Obiettivo: far arrivare ad oltre 100 il numero di Pazienti Esperti EUPATI in Italia
Un pacemaker elettronico di gomma flessibile? Perrone Filardi (SIC): «Dispositivo innovativo, è la strada giusta»
Un team americano rilancia lo studio sui materiali in cardiologia, il presidente della Società di Cardiologia: «Monitoraggio in remoto è il futuro»
di Tommaso Caldarelli
Ospedale San Camillo: «Nessuna chiusura di cardiologia a causa di operatori positivi Covid-19»
La dichiarazione del Direttore generale dell'ospedale romano Fabrizio d'Alba: «Titolo sparato per diffondere fake news»
Colesterolo, le linee guida per i pazienti ad alto rischio cardiovascolare
Il professor Calabrò (cardiologo): «I livelli di colesterolo LDL per queste categorie di pazienti devono essere inferiori ai 55 mg/dl. Ci aspettiamo grandi risultati dai nuovi farmaci»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli