Salute 26 Settembre 2019

Amianto, Bologna (M5S): «Serve Registro Tumori in tutte le Regioni. Ci batteremo per bonus nel Def»

Bonus amianto per incentivare le bonifiche e Registro Tumori per mappare lo stato di salute dei cittadini, sono i due pilastri dell’azione di governo prospettata dalla deputata del M5S, Fabiola Bologna

Sono stati rilevati 96mila siti «ma molti altri sono ancora da mappare». Questa è la geografia della presenza di amianto in Italia. Numeri che sono emersi durante il Convegno Nazionale “Amianto: gestione del sistema e tutela della salute”, organizzato da Consiglio Nazionale dei Geologi e la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), presso il CNR di Roma. A partecipare ai lavori, anche l’onorevole Fabiola Bologna, esponente del Movimento 5 Stelle.

«Il Ministro Costa con la scorsa legge di bilancio ha messo il bonus amianto, per cui le aziende che decidono di smaltire il loro amianto hanno il 50% di sgravio, – spiega ai microfoni di Sanità Informazione la deputata Cinque Stelle – questo secondo noi è molto importante. È anche vero che oggi smaltire l’amianto costa tanto e quindi noi ci affidiamo ai nostri ricercatori, affinché presto possano trovare delle metodologie per la famosa circolarità dell’amianto, in modo che si possa rendere inerte e riutilizzare».

«Dal mio punto di vista, – prosegue Fabiola Bologna – come Commissione Sanità, posso dire che la nostra più grande soddisfazione è stata quella di aver approvato il Registro Tumori e il referto epidemiologico, questo ci consentirà proprio di mappare la salute dei cittadini rispetto alla presenza dell’amianto in un dato luogo, in un dato tempo. Questo ci permetterà ancora meglio di fare sia prevenzione primaria, sia prevenzione secondaria e terziaria. Quindi garantire anche al cittadino che deve essere risarcito una documentazione che possa essergli di supporto, perché finora in questo il cittadino è un po’ lasciato solo. Secondo me il referto epidemiologico sarà veramente un passo avanti enorme e speriamo che tutte le Regioni in Conferenza Stato-Regioni lo portino avanti al più presto, in modo che si renda disponibile a tutti i cittadini»

Tutte le Regioni hanno attivato il Registro Tumori?

«Il 70% delle Regioni lo hanno già attivato, però ovviamente deve essere implementato, perché l’idea di questa legge che noi abbiamo approvato è quello di mettere in comunicazione tutti i registri e tutti i flussi che arrivano dalle Regioni. Attualmente c’è ancora molta strada da fare, però è importante sensibilizzare e informare. La norma adesso gliela abbiamo data, tocca a loro mettersi in regola».

Riguardo il “bonus amianto”, tra qualche settimana sarà licenziata la nota al Def, il documento di Economia e Finanza. Sarà reintrodotto?

«Lo spero vivamente. Noi ci batteremo per questo, perché un incentivo è necessario per continuare su questa strada. Altrimenti, ripeto, i costi di smaltimento sono alti. Ho parlato con tanti sindaci e dicono che si fa molta fatica, per cui è importante che anche il privato venga sollecitato a fare la sua parte».

Articoli correlati
Allattamento al seno, due Ddl per promuoverlo. Mautone (M5S): «Raddoppiare periodo di riposo della madre nei primi sei mesi»
«Il latte materno è unico nel suo genere sottolinea il senatore e pediatra Cinque Stelle -. Per questo bisogna agire su due fronti: promuovere l'importanza di allattare al seno, laddove non vi sono patologie che lo impediscono, e aiutare le mamme a poterlo fare»
Specializzandi, Tuzi (M5S): «In legge di Bilancio al momento non c’è un euro per le borse. Ne servono almeno 4mila»
Il deputato Cinque Stelle, da sempre vicino alle tematiche degli specializzandi, cita anche il problema dei nullaosta delle scuole non accreditate che non arrivano: «Sono professionisti che vogliono formarsi nella scuola migliore possibile. Ho già presentato un’interrogazione al ministero competente, ne presenterò delle altre, perché anche i giudici ci stanno dando ragione»
Caso Avastin-Lucentis, Montevecchi (M5S): «Ministero si costituisca parte in giudizio»
La senatrice M5S sottolinea: «Questa è una vicenda di diritto alla cura, di diritto alla salute che la nostra Costituzione ci chiede di garantire»
Malattie rare, Bologna (M5s): «Colpisce storia del bambino abbandonato a Torino, urgente Ddl che garantisca sostegno ai familiari»
La deputata Cinque Stelle è prima firmataria di un disegno di legge sul tema: «Lo Stato deve fare la sua parte. Servizio sanitario nazionale prenda in carico i pazienti con malattie rare in ogni fase della vita»
Sensibilità chimica multipla, Pisani (M5S): «Riconoscimento malattia sia a livello nazionale, ecco Ddl ad hoc»
Il senatore Cinque Stelle ha ricordato i disagi che vivono i malati di MCS e ha sottolineato: «La tutela offerta ai malati di MCS è differente da regione a regione poiché solo alcune hanno riconosciuto la malattia e hanno creato poliambulatori con equipe specializzate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...