Salute 30 Dicembre 2019

Ambulatorio infermieristico per la gestione delle cronicità, l’esperimento dell’Asl di Bari

«Rafforzata l’attenzione sul territorio» ha spiegato Antonio Sanguedolce, direttore generale dell’Asl di Bari ai microfoni di Sanità Informazione. Protagonisti infermieri e medici di medicina generale: «Stiamo sperimentando un nuovo approccio»

Immagine articolo

Riuscire a gestire efficacemente le cronicità dei pazienti è un cruccio che investe anche le Asl territoriali. Lo sa bene Antonio Sanguedolce, direttore generale dell’Asl di Bari, che ne ha parlato a margine del 14esimo Forum Risk Management promosso dalla Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP e dalla Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica.

«Stiamo rafforzando l’attenzione sul territorio» ha spiegato Sanguedolce ai microfoni di Sanità Informazione. «Laddove c’erano delle strutture che erano ex ospedali, riconvertiti per un riordino della rete ospedaliera, abbiamo creato e stiamo potenziando i presidi territoriali di assistenza. In questi presidi stiamo portando, oltre alla diagnostica e alla specialistica ambulatoriale, soprattutto l’incontro con i medici di medicina generale, che fanno da perno a questi PTA». In che modo? «Vi trasferiscono gli studi per trasformarli in case della salute in stretto rapporto con l’attività ospedaliera. Questo – sottolinea il direttore generale – sta dando nel corso degli ultimi mesi ottimi risultati in termini di deospedalizzazione, ma soprattutto abbiamo ottimi riscontri di natura clinica».

Anche gli infermieri rivestono un ruolo da protagonisti in questa riorganizzazione del territorio: «Stiamo sperimentando un nuovo approccio anche a totale gestione infermieristica, denominato da noi ‘ambulatorio infermieristico’. Ovviamente – precisa Sanguedolce – lavorando in raccordo con i medici di medicina generale che impostano la terapia. Credo che gli infermieri, oltre a tutte le capacità che già conosciamo, abbiano nei confronti dell’utente, e soprattutto dei cittadini anziani con pluri-patologie, la capacità di essere più efficaci sia per quanto riguarda l’educazione alla salute, perché stanno più a contatto con il paziente, sia per aderenza alla terapia».

LEGGI: INFERMIERE DI FAMIGLIA, ACETI (FNOPI): «FIGURA CENTRALE, DIVENTERÀ STRUTTURALE IN PROSSIMO PATTO PER LA SALUTE»

Articoli correlati
Coronavirus, Nursing Up a Sileri: «Autorizzate gli infermieri a fare il tampone orale o Drive Thru»
Si fanno pochi test per il personale sanitario, tra cui si contano 6.205 contagiati, e monta la rabbia degli infermieri impegnati in trincea contro il Coronavirus, che avrebbero diritto a controlli continui per sentirsi meno a rischio e svolgere con serenità i loro compiti di presa in carico e cura dei pazienti. Per questo il […]
Coronavirus, online il bando della Protezione civile per reclutare 500 infermieri
La task force “Infermieri per COVID” è destinata alle Regioni più in difficoltà. Possono partecipare al bando infermieri dipendenti del Ssn, di strutture non accreditate e liberi professionisti. Mangiacavalli (Fnopi): «Ora serve la grande risposta degli infermieri»
Coronavirus, lo psicologo: «L’incubo peggiore di chi lavora in ospedale è contagiare i propri cari»
Piero Gaspa cura il progetto di sostegno psicologico per il personale sanitario in prima linea nell'emergenza al San Giovanni Addolorata di Roma: «Non c’è stato sentore di una crisi, ma serve a prevenire e ovviare al sovraccarico emotivo. Medici e professionisti sanitari soffrono un accumulo di tensione, lavoriamo per evitare che diventi patologico»
Infermiera suicida al San Gerardo di Monza. Fnopi: «COVID-19 colpisce anche così»
La Federazione degli infermieri piange la scomparsa di una giovane collega: «L’episodio terribile, purtroppo, non è il primo dall’inizio dell’emergenza. È sotto gli occhi di tutti la condizione e lo stress a cui i nostri professionisti sono sottoposti. Ne riparleremo quando l’emergenza sarà passata»
«Proviamo rabbia, stanchezza, delusione e paura». Lettere di tre infermiere ai tempi del Coronavirus
«Covid-19 è l’ennesimo squalo di turno a cui dare in pasto gli infermieri come carne da macello. Non saranno le ore interminabili di lavoro o l’impossibilità di bere o di andare in bagno durante il turno ad ucciderci, ma la superficialità delle Istituzioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...