Salute 30 Dicembre 2019

Ambulatorio infermieristico per la gestione delle cronicità, l’esperimento dell’Asl di Bari

«Rafforzata l’attenzione sul territorio» ha spiegato Antonio Sanguedolce, direttore generale dell’Asl di Bari ai microfoni di Sanità Informazione. Protagonisti infermieri e medici di medicina generale: «Stiamo sperimentando un nuovo approccio»

Immagine articolo

Riuscire a gestire efficacemente le cronicità dei pazienti è un cruccio che investe anche le Asl territoriali. Lo sa bene Antonio Sanguedolce, direttore generale dell’Asl di Bari, che ne ha parlato a margine del 14esimo Forum Risk Management promosso dalla Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP e dalla Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica.

«Stiamo rafforzando l’attenzione sul territorio» ha spiegato Sanguedolce ai microfoni di Sanità Informazione. «Laddove c’erano delle strutture che erano ex ospedali, riconvertiti per un riordino della rete ospedaliera, abbiamo creato e stiamo potenziando i presidi territoriali di assistenza. In questi presidi stiamo portando, oltre alla diagnostica e alla specialistica ambulatoriale, soprattutto l’incontro con i medici di medicina generale, che fanno da perno a questi PTA». In che modo? «Vi trasferiscono gli studi per trasformarli in case della salute in stretto rapporto con l’attività ospedaliera. Questo – sottolinea il direttore generale – sta dando nel corso degli ultimi mesi ottimi risultati in termini di deospedalizzazione, ma soprattutto abbiamo ottimi riscontri di natura clinica».

Anche gli infermieri rivestono un ruolo da protagonisti in questa riorganizzazione del territorio: «Stiamo sperimentando un nuovo approccio anche a totale gestione infermieristica, denominato da noi ‘ambulatorio infermieristico’. Ovviamente – precisa Sanguedolce – lavorando in raccordo con i medici di medicina generale che impostano la terapia. Credo che gli infermieri, oltre a tutte le capacità che già conosciamo, abbiano nei confronti dell’utente, e soprattutto dei cittadini anziani con pluri-patologie, la capacità di essere più efficaci sia per quanto riguarda l’educazione alla salute, perché stanno più a contatto con il paziente, sia per aderenza alla terapia».

LEGGI: INFERMIERE DI FAMIGLIA, ACETI (FNOPI): «FIGURA CENTRALE, DIVENTERÀ STRUTTURALE IN PROSSIMO PATTO PER LA SALUTE»

Articoli correlati
Operatori sanitari ancora vittime di aggressioni. Violenze negli ospedali di Roma, Siracusa e Napoli
Le vittime sono due infermieri, una guardia medica e un chirurgo in servizio al Pronto Soccorso. «C'è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza» ha dichiarato la dottoressa aggredita a Siracusa
In Italia tanti medici ma troppo anziani, l’allarme lanciato dal rapporto “State of Health in the EU”
Nel 2017 più della metà dei medici italiani in attività aveva un'età pari o superiore a 55 anni, la percentuale più elevata di Europa
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
Il 2020 sarà l’anno di infermieri e ostetriche. Oms: «Nel mondo ne serviranno 9 milioni entro il 2030»
Non va meglio in Italia dove la carenza è stimata in oltre 50mila unità. Il 12 maggio 2020 sarà celebrata la giornata internazionale dell’infermiere e il 200º anniversario della nascita di Florence Nightingale
«Con le equipe mobili abbiamo tenuto aperti i reparti. Ora sfida è la cronicità». Parla l’assessore alla Sanità della Sardegna Mario Nieddu
Tra i fronti aperti della sanità sarda la cronica carenza di personale e le poche borse di specializzazione a disposizione. anche quello delle auto medicalizzate: «Con il corso Met per i medici dell’emergenza territoriale contiamo di ridare un po’ di organici alle ambulanze medicalizzate in modo da supplire alle carenze di questo servizio» spiega Nieddu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...