Salute 22 Maggio 2019 16:40

Ambiente, cinque gradi in più entro fine secolo. Luca Mercalli: «Eventi estremi incideranno sulla nostra salute. Ecco cosa si può fare»

Il noto meteorologo, ospite di Milano Taking care, lancia la sua ricetta per fermare il surriscaldamento climatico: «Più energia rinnovabile, meno sprechi, case ben isolate per usare poca energia, cibo locale e stagionale, poca carne e meno viaggi aerei»

di Federica Bosco
Ambiente, cinque gradi in più entro fine secolo. Luca Mercalli: «Eventi estremi incideranno sulla nostra salute. Ecco cosa si può fare»

Il Pianeta è malato. A lanciare il grido d’allarme è Luca Mercalli, noto meteorologo che durante Milano taking care, l’evento che si è svolto lo scorso weekend, ha posto l’accento sulla salute del pianeta da cui dipende anche la salute dell’uomo. «Il nostro pianeta è come se avesse la febbre, quindi è passato da 37 a 38 gradi, questa febbre è destinata ad aumentare in relazione alla nostra dieta, soprattutto energetica che emette troppa CO2 fossile – ha spiegato lo studioso torinese – ed è la ragione dell’aumento della temperatura del cosiddetto riscaldamento globale».

Cosa fare?

«Davanti a noi abbiamo la scelta di diminuire la febbre o di farla aumentare. L’aumento sarebbe drammatico soprattutto per le generazioni future. Si rischia di arrivare anche a 5 gradi in più a fine secolo che sarebbe come proporre un pianeta ostile ai nostri figli e ai nostri nipoti. Questo ha poi a che fare anche con la produzione alimentare, con gli eventi estremi che si riflettono anche sulla nostra salute, come il colpo di calore che ci uccide semplicemente quando la temperatura diventa superiore ai 40 gradi con caldo umido, oppure dall’altro lato con le nuove malattie portate dagli insetti tropicali. Dobbiamo pensare che possiamo ridurre questo aumento di temperatura, mantenendolo sotto i due gradi a fine secolo, passando ad una economia sostenibile».

LEGGI ANCHE: L’INQUINAMENTO PEGGIORA LA NOSTRA SALUTE. ECCO LE ‘AZIONI DEL CAMBIAMENTO’ DA COMPIERE OGNI GIORNO

Quali sono le regole da seguire per arrivare a questo risultato?

«Più energia rinnovabile, meno sprechi, case ben isolate per usare poca energia, cibo locale e stagionale, poca carne perché l’allevamento bovino in particolare produce ingenti emissioni di gas effetto serra, meno viaggi aerei, più mezzi pubblici, più auto elettriche, e meno rifiuti, potrebbero essere queste semplici regole di stile di vita per non far salire la febbre del pianeta che poi si riflette sul nostro benessere».

I nuovi strumenti tecnologici dai telefoni ai pc fino agli iPad quanto incidono in questo malessere globale del pianeta e come fare per ridurre il consumo?

«Sono gli oggetti che più di altri possono in realtà contribuire anche alla cura. È vero che, se li usiamo male per trasmettere fesserie, hanno la loro colpa e si trasformano in rifiuto, ma se li usiamo bene penso che possano essere lo strumento per combattere lo spreco. Attraverso i nostri telefonini possiamo risparmiare energia, conoscere in anticipo le previsioni del tempo, come la nostra impronta ecologica con i calcolatori che ci permette di sapere l’impatto che abbiamo sul pianeta, e possiamo soprattutto accedere all’informazione scientifica, quella buona, che ci spiega cosa sta succedendo alla terra e ci aiuta a capire come rimediare».

Articoli correlati
Inquinamento atmosferico, il killer silenzioso che uccide più del Covid (ma fa meno rumore)
Miani (SIMA): «Ogni anno in Italia circa 80mila persone muoiono prematuramente per inquinamento atmosferico». E i tumori pediatrici aumentano a velocità doppia rispetto alla media UE
«Inquinamento e salute bambini, con cambiamento climatico rischi aumentati». L’allarme della pediatra Reali (ISDE Lazio)
«Un aumento di temperatura cui sono esposti i bambini durante la vita in utero può aumentare il rischio di esiti avversi della gravidanza»
di Francesco Torre
Le carni vegetali sono il miglior investimento per il futuro del clima?
Gli investimenti in proteine alternative, che comprendono anche prodotti derivati dalla fermentazione (microproteine, alghe, proteine del latte prodotte con i batteri) e carni coltivate, sono balzati da 1 miliardo di dollari nel 2019 a 5 miliardi di dollari nel 2021
di Stefano Piazza
PNRR, salute e ambiente collegati. Zolezzi (M5S): «Subito assunzioni nei dipartimenti di prevenzione»
La norma contenuta nel decreto PNRR2 prevede la nascita del Sistema nazionale di protezione della salute (SNPS). «Non ci sono più dubbi su un ruolo causale dell’inquinamento atmosferico nel peggiorare il quadro della malattia, ma va chiarito il meccanismo con cui si determina» spiega il deputato e medico M5S. E l’emergenza idrica può essere un nuovo fronte: «La siccità concentra anche i germi nei corsi d’acqua, non dimentichiamo la legionella»
di Francesco Torre
Oltre 46 mld di mascherine usate in Italia. SIMA: «Tsunami per l’ambiente»
Da quando è iniziata la pandemia sono state usate in Italia oltre 46 miliardi di mascherine. Dalla SIMA allarme per inquinamento mari
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 febbraio 2023, sono 671.739.364 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.844.833 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...