Salute 17 Gennaio 2017

Alzheimer, ritardo nelle diagnosi. Spadin (Associazione Italiana Malattia Alzheimer): «Più formazione per medici»

La demenza senile è un grave allarme sociale. Patrizia Spadin, Presidente dell’Associazione Italiana Malattia di Alzheimer: «Il sospetto della presenza del morbo può condurre il paziente a fare approfondimenti che, se fatti in tempo, possono determinare una svolta». L’importanza della formazione per medici di base, infermieri e sanitari

L’Alzheimer è una malattia estremamente subdola. I primi sintomi sono difficili da individuare. Infatti, inizialmente, il morbo si manifesta con dei vuoti di memoria e dei momenti di confusione che possono essere ricondotti, ingannevolmente a stress e stanchezza. Oggi l’Alzheimer colpisce circa il 5% delle persone con più di 60 anni di età e in Italia si stimano circa 500mila ammalati. La malattia colpisce la memoria e si ripercuote sulle capacità cognitive, generando cambiamenti di umore e disorientamento spazio-temporale.

Il problema focale relativo al morbo di Alzheimer è il ritardo nella diagnosi. Questo l’elemento più significativo emerso dall’ultimo rapporto sulla malattia realizzato dal King’s College London in collaborazione con la London School of Economics and Political Science, aggiornato a settembre 2016. Un maggior coinvolgimento dei medici di base e in generale delle varie figure deputate alle cure come l’infermiere e il fisioterapista, potrebbe far aumentare i casi diagnosticati e far diminuire il costo delle cure per ogni singolo paziente di oltre il 40%. Dunque, il primo anello della catena per la valutazione preventiva del morbo, è il medico di base. Purtroppo, tutt’ora, come in passato, il medico generico risulta essere poco formato relativamente all’Alzheimer e quindi non sempre in grado di ricoprire efficacemente il ruolo di sentinella che suona il primo campanello di allarme. Sul tema interviene Patrizia Spadin, Presidente AIMA (Associazione Italiana Malattia di Alzheimer).

«Purtroppo il ritardo nella diagnosi è una problematica segnalata da parecchi anni ed effettivamente ostacolo alla lotta contro la malattia», spiega la Presidente Spadin. «Sono consapevole che ci sono stati tentativi di formazione dei medici di famiglia in materia ma evidentemente non sono stati sufficienti. Mi auguro che si possa incontrare una maggiore disponibilità da parte dei medici di base, la cui funzione in questa ottica è davvero fondamentale. Mi rendo conto che i medici generici non sono specialisti ed esperti della malattia, ma anche il sospetto della presenza del morbo può condurre il paziente a fare approfondimenti che, se fatti in tempo, possono determinare una svolta. Il problema della demenza senile ha un impatto molto forte sulle famiglie ed è sia una necessità che un dovere da parte del medico di base occuparsene».

«Occorre inoltre – conclude la Spadin – creare una rete fra medici e famiglie che possa pensare alle necessità dei pazienti e andare incontro a coloro che gli stanno accanto. Per fare questo è indispensabile stanziare delle risorse e collaborare per gestire il problema nel migliore dei modi».

Articoli correlati
ECM, Mazzariol (Eupati): «Noi pazienti ci formiamo per fare rete e stimolare i medici ad aggiornarsi»
Successo per il corso in “Patient Engagement nella Ricerca e Sviluppo dei Farmaci Innovativi” di Eupati. Mazzariol: «Pazienti e medici mai in antitesi ma sempre in stretta sinergia perché devono sempre collaborare con un unico fine, dare il meglio nella gestione della patologia»
Formazione, Cimo diffida strutture sanitarie: troppi medici costretti a rinunciare a ECM per coprire turni e carenze
«Le aziende - sottolinea il Presidente CIMO Guido Quici - impegnano sempre meno risorse per la formazione, tanto che tra il 2010 e il 2016 la spesa delle aziende sanitarie e ospedaliere è diminuita del 32,55% passando da 147,8 mln a 99,7 mln di euro». Il sindacato chiede che entro 30 giorni siano attivati o ripristinati gli strumenti e i tempi a disposizione dei medici da dedicare ad un effettivo aggiornamento professionale nell’ambito delle ore lavorative istituzionali
Olio Extravergine d’Oliva, un alleato nella lotta contro l’Alzheimer. Lo studio della ricercatrice di Airalzh Onlus
Una delle cause della perdita di funzionalità neuronale nella patologia di Alzheimer è la presenza di placche amiloidi e ammassi neurofibrillari riscontrati nel cervello con effetti neurotossici. Il processo di formazione di tali ammassi comprende vari passaggi, in cui più copie di un frammento proteico, detto beta-amiloide (Aβ1-42) si aggregano per formare oligomeri, protofibrille e […]
Giornata della Risata, Cappa (neurologo): «Ridere aiuta a mettersi nei panni degli altri e migliora la nostra qualità di vita»
La Giornata Mondiale della Risata si celebra la prima domenica di maggio di ogni anno ed è stata istituita nel 1995 dal medico indiano Madan Kataria
di Isabella Faggiano
Alzheimer, studio Sapienza identifica nel virus herpes simplex un potenziale fattore di rischio
La ricerca coordinata dal Dipartimento di Sanità pubblica e malattie infettive della Sapienza, in collaborazione con il CNR, l’Università Cattolica del Sacro Cuore e l’IRCCS San Raffaele Pisana, suggerisce l’herpes come fattore di rischio per l’insorgenza della malattia di Alzheimer. Lo studio, che apre la strada a nuove strategie terapeutiche e preventive, è pubblicato sulla […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...