Salute 10 Febbraio 2023 17:05

Almeno tre scenari per il futuro del nostro SSN

di Cesare Buquicchio | Si intitola “Chi ci curerà” il libro firmato dalla giornalista Rosanna Magnano e dal medico e divulgatore Paolo Nucci, in edicola dal’11 febbraio edito dal Sole24Ore

Almeno tre scenari per il futuro del nostro SSN

“Universalità, uguaglianza ed equità delle cure sono concetti di destra o di sinistra? La salute della popolazione italiana nella sua interezza è una risorsa o un costo ormai insostenibile? Il “nostro” Servizio sanitario nazionale, con le sue liste d’attesa mostruose e le sue mille imperfezioni, con le eccellenze che il mondo ci invidia, con un pediatra per ogni bambino, anche per il figlio di immigrati irregolari, con un pronto soccorso che salva la vita a chiunque si presenti a prescindere dalla dichiarazione dei redditi, dalla nazionalità e dalla fedina penale, che non controlla se una polizza assicurativa copre le spese del paziente prima di disporre un intervento. Questa cosa incredibile che l’Italia si ritrova… va riformata, cambiata, buttata via, sostituita da un sistema più selettivo, per censo, per pochi, per chi può?”.

Sono queste solo alcune delle mille domande che Rosanna Magnano, attenta e curiosa giornalista del Sole24Ore, da sempre immersa nel mare della sanità italiana, si fa nel libro in edicola dal’11 febbraio, e presto anche in libreria, insieme a Paolo Nucci, medico oculista, professore e divulgatore d’eccellenza. Nel loro camminare domandando nei tanti pregi e difetti della nostra sanità incontrano personaggi di spicco come l’ex ministro dell’università, Maria Cristina Messa, che ragiona con loro sul valore della “ricerca parola chiave delle cure pubbliche”, oppure Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, o ancora, il grande esperto di salute mentale Fabrizio Starace, che apre scenari decisivi su uno dei grandi temi del nostro presente che allarga, o dovrebbe allargare, ogni nostro approccio al concetto di salute universale coinvolgendo i temi dell’equità e della giustizia sociale.

Il viaggio inizia dall’articolo 32 della Costituzione e passa dai tagli degli anni ’80 e ’90, dalla “regionalizzazione” della sanità e dalla conseguente mobilità dei pazienti da un territorio all’altro, dal rapporto sempre delicato tra politica e autonomia, dall’importanza di puntare sulla formazione, fino all’attualissimo tema della carenza di medici, specialisti e professionisti sanitari che ci affligge oggi. È un viaggio ricco di dati, spunti e qualche provocazione che fa riflettere. La pandemia di Covid-19 ha fatto capire a tutti l’importanza del nostro SSN, questo libro ci fa comprendere quale potrebbe essere il suo futuro.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...