Salute 22 Febbraio 2021 11:20

All’ospedale Niguarda rivoluzione digitale in neurochirurgia, arriva l’esoscopio

Portata in Italia dal professor Cenzato, la nuova tecnologia permette, attraverso appositi occhiali, di visualizzare un campo operatorio di un centimetro su un monitor di 55 pollici senza perdita di risoluzione

di Federica Bosco

Rivoluzione digitale nella neurochirurgia del Niguarda. In sala operatoria il microscopio lascia il passo all’esoscopio, un sistema di visione in 3D che permette al chirurgo di visualizzare attraverso appositi occhiali un campo operatorio di 1 cm su un monitor da 55 pollici senza perdita di risoluzione. Autore di questo primato è il professor Marco Cenzato, Direttore della Neurochirurgia e primo specialista ad aver acquisito e testato il sistema in Italia.

Un braccio meccanico che permette più profondità e precisione

«Il valore aggiunto di questa tecnologia è una telecamera con uno zoom ottico simile a quello di una macchina fotografica. Il principio su cui si basa è lo stesso per cui con un telefonino oggi possiamo fotografare al buio, grazie alla tecnologia digitale – spiega il professor Cenzato -. Con questo strumento noi riusciamo a vedere in profondità con una luminosità ad altissima risoluzione. Un secondo vantaggio è dato dalla flessibilità della macchina che permette di gestire l’intervento dinnanzi ad uno schermo tridimensionale grande un metro e quaranta anche per ore, senza dispendio eccessivo di energie».

Primo intervento per la correzione di una MAV su una bambina di dieci anni

Lo strumento, ideato negli Stati Uniti e portato in Italia dal professor Cenzato, è stato impiegato per la correzione di una MAV- malformazione arterovenosa– su una bambina di dieci anni. «L’intervento, unico in Italia, è perfettamente riuscito – puntualizza il direttore della Neurochirurgia del Niguarda -. La bambina è tornata a casa e questo risultato ci apre le porte per nuove sfide. Per intenderci, operazioni come ernia del disco, tumore, aneurisma vanno in quella direzione: richiedono una capacità di ingrandimento e di profondità che l’esoscopio può dare loro. Questo significa la possibilità di avere meno complicanze per il paziente e una fase post-intervento più rapida».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Protesi, Mazzone (chirurgo della mano): «Un bastoncino di silicone contro artrite, traumi e malformazioni delle dita»
Vincent Joseph Mazzone è stato il primo, già nel 1991, a sperimentare una nuova tecnica di accesso laterale per la chirurgia protesica delle articolazioni delle dita, metodologia che solo negli ultimi 5 anni si è consolidata, diventando una pratica chirurgica diffusa
di Isabella Faggiano
La chirurgia robotica per protesi compie 10 anni
Piergiuseppe Perazzini, primo chirurgo ad aver portato la tecnica in Italia: «Era il 27 gennaio 2011 e il primo intervento venne fatto al ginocchio. In dieci anni abbiamo prodotto numeri, perfezionato tecnologie e permesso di raggiungere traguardi importanti. Il futuro? Adottare questa tecnica per tutte le articolazioni umane»
di Federica Bosco
Dall’incidente alla rinascita: la storia di Marco Dolfin, il chirurgo paraplegico diventato campione di nuoto
Nel 2011 un terribile incidente lo ha costretto sulla sedia a rotelle. Oggi Marco Dolfin è un plurimedagliato campione di nuoto e continua ad operare al San Giovanni Bosco di Torino. Cruciale l’incontro con il chirurgo Paolo Anibaldi, paraplegico dall’età di 17 anni. La storia raccontata dal fratello Alberto nel libro “Iron Mark”
Niguarda di Milano: come a marzo, raccolta fondi per tute e mascherine
Siamo di nuovo in emergenza e servono armi contro il Covid 19 al Cardiocenter dell’Ospedale Niguarda di Milano. Per questo, la Fondazione De Gasperis ha promosso una nuova raccolta fondi online. In primavera, ha affiancato l’attività del Cardiocenter finanziando l’acquisto di 26.000 mascherine FFP2/FFP3 e 600 tute protettive riutilizzabili. «La Fondazione A. De Gasperis – commenta Massimo Torre, […]
Roma, al San Camillo chirurgia a rischio imbuto. Accomando (Cisl Medici): «Ospedali periferici ci diano una mano»
L'intervista a Eugenio Accomando, chirurgo ortopedico del San Camillo e delegato territoriale Cisl Medici Lazio
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...