Salute 22 Febbraio 2021 11:20

All’ospedale Niguarda rivoluzione digitale in neurochirurgia, arriva l’esoscopio

Portata in Italia dal professor Cenzato, la nuova tecnologia permette, attraverso appositi occhiali, di visualizzare un campo operatorio di un centimetro su un monitor di 55 pollici senza perdita di risoluzione

di Federica Bosco

Rivoluzione digitale nella neurochirurgia del Niguarda. In sala operatoria il microscopio lascia il passo all’esoscopio, un sistema di visione in 3D che permette al chirurgo di visualizzare attraverso appositi occhiali un campo operatorio di 1 cm su un monitor da 55 pollici senza perdita di risoluzione. Autore di questo primato è il professor Marco Cenzato, Direttore della Neurochirurgia e primo specialista ad aver acquisito e testato il sistema in Italia.

Un braccio meccanico che permette più profondità e precisione

«Il valore aggiunto di questa tecnologia è una telecamera con uno zoom ottico simile a quello di una macchina fotografica. Il principio su cui si basa è lo stesso per cui con un telefonino oggi possiamo fotografare al buio, grazie alla tecnologia digitale – spiega il professor Cenzato -. Con questo strumento noi riusciamo a vedere in profondità con una luminosità ad altissima risoluzione. Un secondo vantaggio è dato dalla flessibilità della macchina che permette di gestire l’intervento dinnanzi ad uno schermo tridimensionale grande un metro e quaranta anche per ore, senza dispendio eccessivo di energie».

Primo intervento per la correzione di una MAV su una bambina di dieci anni

Lo strumento, ideato negli Stati Uniti e portato in Italia dal professor Cenzato, è stato impiegato per la correzione di una MAV- malformazione arterovenosa– su una bambina di dieci anni. «L’intervento, unico in Italia, è perfettamente riuscito – puntualizza il direttore della Neurochirurgia del Niguarda -. La bambina è tornata a casa e questo risultato ci apre le porte per nuove sfide. Per intenderci, operazioni come ernia del disco, tumore, aneurisma vanno in quella direzione: richiedono una capacità di ingrandimento e di profondità che l’esoscopio può dare loro. Questo significa la possibilità di avere meno complicanze per il paziente e una fase post-intervento più rapida».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina e chirurgia estetica, è boom di richieste in vista dell’estate
D’Andrea (SICPRE): «In forte aumento gli interventi al viso, in particolare le zone scoperte dalla mascherina. Ma non dimentichiamo i percorsi di chirurgia ricostruttiva, fondamentali nella presa in carico dei tumori al seno»
Interventi chirurgici nel post-Covid, studio internazionale rivela aumento di mortalità
Lo specialista nel team di ricerca: «Meglio aspettare sette settimane dopo la guarigione, quando possibile. Altrimenti, valutare attentamente rapporto rischio-beneficio, informando il paziente»
Covid-19, il 98% degli operatori sanitari vaccinati ha anticorpi molto alti
Uno studio clinico realizzato dall’Ospedale Niguarda e dall’Università di Milano su 2497 tra medici e infermieri a 14 giorni dall’inoculazione rivela una risposta immunitaria importante. Scaglione (laboratorio di Analisi chimiche e Microbiologia): «Da quando il personale è vaccinato, non ci sono più stati casi di Covid tra gli operatori sanitari. Ripeteremo le analisi a 3, 6 e 12 mesi»
di Federica Bosco
Interventi chirurgici e screening saltati, Marini (ACOI): «Piano Marshall sanitario o non li recupereremo mai»
Intervista al presidente dell’ Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani: «Faccio appello al premier Draghi e al ministro Speranza: vi prego non lasciate soli milioni di italiani perché gli effetti negativi di questi ritardi si mostreranno nel tempo »
di Peter D'Angelo
Protesi, Mazzone (chirurgo della mano): «Un bastoncino di silicone contro artrite, traumi e malformazioni delle dita»
Vincent Joseph Mazzone è stato il primo, già nel 1991, a sperimentare una nuova tecnica di accesso laterale per la chirurgia protesica delle articolazioni delle dita, metodologia che solo negli ultimi 5 anni si è consolidata, diventando una pratica chirurgica diffusa
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...