Salute 8 Febbraio 2019

Allattamento al seno: carente la formazione per il personale. Vicario (FNOPO): «Promuovere percorsi adeguati per professionisti di ogni ordine e grado»

«Sostenere l’allattamento materno significa garantire personale sanitario preparato, necessari percorsi formativi e una rete locale di professionisti competenti», ha affermato la presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica

di Lucia Oggianu

Promuovere e supportare l’allattamento al seno richiede personale sanitario adeguatamente preparato, che sappia guidare e sostenere madre e famiglia durante tutto il percorso. La formazione però non riguarda solamente il personale specifico bensì tutte le categorie di operatori sanitari: dal medico di famiglia al pediatra passando per ogni categoria specialistica. Ce ne parla Maria Vicario, presidente della Federazione nazionale degli Ordini della professione ostetrica – FNOPO.

Presidente, quanto è importante la formazione del personale sanitario sui temi dell’allattamento materno al seno e quanto ancora bisogna lavorarci?

«La formazione è determinante perché si traduce in conoscenza e abilità. Una donna che si approccia al processo di allattamento materno lo fa perché è un alimento specie specifico, cioè in qualunque momento il bambino ha bisogno di quell’alimento, la mammella è capace di produrlo. Non solo, è un alimento a costo zero, a Km 0, compatibile con l’ambiente e si traduce nel benessere del bambino, della famiglia e della comunità. La formazione risulta carente perché i dati dimostrano ancora una volta che se la formazione, quella adeguata e specifica, non viene fatta nella forma pre-service si rischia di mettere sul mercato personale sanitario non adeguatamente preparato o non totalmente competente e questo va ad incidere sulla presa di coscienza di responsabilizzazione di ciò che si dice e di ciò che si traferisce alla donna e alla famiglia. Questo però riguarda tutti i professionisti sanitari, di ogni ordine e grado: medici specialisti, medici di famiglia e personale sanitario tout court. Per questo la Federazione nazionale degli ordini della professione ostetrica promuove moduli specifici per la formazione di base all’interno dei corsi di laurea triennale, che abbiano proprio il compito di dare la competenza di base, e si preoccupa anche della formazione post base, quella che si costruisce attraverso i master di I livello».

LEGGI ANCHE: ALLATTAMENTO MATERNO, VITALE PER LA SALUTE DEI BAMBINI. GRILLO: «E’ IMPORTANTE MA DEVE ESSERE FATTO ALL’INTERNO DI UN PERCORSO DI SOSTEGNO»

Cosa ci dice della possibilità di istituire una ostetrica di comunità a livello territoriale come figura di sostegno in questo percorso?

«Ci fa piacere che il Ministro Grillo abbia citato ben tre volte questo modello organizzativo territoriale. A questo la Federazione aveva già pensato dal 2015 attivando e promuovendo percorsi formativi post base ma ancor di più sperimentando presso il consultorio del Quadraro, a Roma, un servizio dove le ostetriche affiancano i medici specialisti, di medicina generale e pediatri»

 

 

Articoli correlati
Circoncisione, FNOPO: «Necessario regolamentare la pratica all’interno del SSN»
FNOPO: «Quanto accaduto evidenzia la necessità di regolamentare questa pratica all’interno del Sistema sanitario nazionale ed evitare così esiti infausti, nei quali le vittime sono piccole vite»
Responsabilità sanitaria, Fnopo: «Giornata storica la firma dell’Accordo con il Consiglio Superiore Magistratura e il Consiglio Nazionale Forense»
«La firma dell’accordo con il CSM e il CNF è un risultato che potremmo definire quasi storico – commentano i vertici FNOPO - . Sono stati mesi di confronto attento e incessante che ha avuto sempre un solo obiettivo: garantire al sistema giudiziario, ai professionisti coinvolti in contenziosi e ai cittadini che reputano di aver subìto un danno, la migliore assistenza di qualità e imparzialità»
Autonomia differenziata, Vicario (FNOPO): «Nascere al Nord o al Sud ha già esiti diversi. Non peggioriamo le cose»
La presidente delle ostetriche sulle prossime battaglie dell’Ordine: «Con l’ostetrica di famiglia e di comunità evitiamo che in ospedale arrivino bisogni di salute che possono essere trattati sul territorio»
FNOPO e TSRM PSTRP presentano accordo con il CSM su albi periti e consulenti tecnici
Il prossimo 12 marzo la Federazione degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) e la Federazione degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (FNO TSRM PSTRP) firmeranno l’Accordo con il Consiglio Superiore della Magistratura e il Consiglio Nazionale Forense per l’armonizzazione dei criteri e delle procedure di formazione […]
Cittadinanzattiva, Tonino Aceti lascia il coordinamento del Tribunale per i diritti del malato
Tonino Aceti lascia Cittadinzattiva e diventa il Portavoce della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI). Aceti ha ricoperto finora il ruolo di Coordinatore Nazionale del Tribunale per i diritti del malato e di Responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici di Cittadinanzattiva. È stato membro dell’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità presso il ministero […]