Salute 8 Febbraio 2019

Allattamento al seno: carente la formazione per il personale. Vicario (FNOPO): «Promuovere percorsi adeguati per professionisti di ogni ordine e grado»

«Sostenere l’allattamento materno significa garantire personale sanitario preparato, necessari percorsi formativi e una rete locale di professionisti competenti», ha affermato la presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica

di Lucia Oggianu

Promuovere e supportare l’allattamento al seno richiede personale sanitario adeguatamente preparato, che sappia guidare e sostenere madre e famiglia durante tutto il percorso. La formazione però non riguarda solamente il personale specifico bensì tutte le categorie di operatori sanitari: dal medico di famiglia al pediatra passando per ogni categoria specialistica. Ce ne parla Maria Vicario, presidente della Federazione nazionale degli Ordini della professione ostetrica – FNOPO.

Presidente, quanto è importante la formazione del personale sanitario sui temi dell’allattamento materno al seno e quanto ancora bisogna lavorarci?

«La formazione è determinante perché si traduce in conoscenza e abilità. Una donna che si approccia al processo di allattamento materno lo fa perché è un alimento specie specifico, cioè in qualunque momento il bambino ha bisogno di quell’alimento, la mammella è capace di produrlo. Non solo, è un alimento a costo zero, a Km 0, compatibile con l’ambiente e si traduce nel benessere del bambino, della famiglia e della comunità. La formazione risulta carente perché i dati dimostrano ancora una volta che se la formazione, quella adeguata e specifica, non viene fatta nella forma pre-service si rischia di mettere sul mercato personale sanitario non adeguatamente preparato o non totalmente competente e questo va ad incidere sulla presa di coscienza di responsabilizzazione di ciò che si dice e di ciò che si traferisce alla donna e alla famiglia. Questo però riguarda tutti i professionisti sanitari, di ogni ordine e grado: medici specialisti, medici di famiglia e personale sanitario tout court. Per questo la Federazione nazionale degli ordini della professione ostetrica promuove moduli specifici per la formazione di base all’interno dei corsi di laurea triennale, che abbiano proprio il compito di dare la competenza di base, e si preoccupa anche della formazione post base, quella che si costruisce attraverso i master di I livello».

LEGGI ANCHE: ALLATTAMENTO MATERNO, VITALE PER LA SALUTE DEI BAMBINI. GRILLO: «E’ IMPORTANTE MA DEVE ESSERE FATTO ALL’INTERNO DI UN PERCORSO DI SOSTEGNO»

Cosa ci dice della possibilità di istituire una ostetrica di comunità a livello territoriale come figura di sostegno in questo percorso?

«Ci fa piacere che il Ministro Grillo abbia citato ben tre volte questo modello organizzativo territoriale. A questo la Federazione aveva già pensato dal 2015 attivando e promuovendo percorsi formativi post base ma ancor di più sperimentando presso il consultorio del Quadraro, a Roma, un servizio dove le ostetriche affiancano i medici specialisti, di medicina generale e pediatri»

 

 

Articoli correlati
Fnopo su legge 251/2000: «Norma sia applicata a tutte le aree di professioni sanitarie e sociosanitarie»
A 20 anni dalla promulgazione della legge 251/2000, Maria Vicario (presidente Fnopo): «Urgente rivisitazione politica e sindacale»
Recovery Fund, Fnopo: «Evento storico. Implementare ostetrica di famiglia e di comunità»
«D’ora in poi non sarà più possibile, né credibile, rimandare la realizzazione di progetti di riforma della rete assistenziale portando a motivazione la mancanza di fondi adeguati» precisa la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO)
Ostetriche. Vaccari (FNOPO): «Necessarie 20mila assunzioni nei consultori»
La vice presidente della Federazione Nazionale: «Dotare le ostetriche del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza. Altrimenti la donna sarà sempre costretta a migrare verso altri professionisti»
di Isabella Faggiano
Decreto Rilancio, FNOPO: «Buon inizio, ma occorre fare di più»
«Gli emendamenti al Decreto Rilancio, approvati dalla Commissione Bilancio della Camera, rappresentano un buon inizio per sanare le troppe discriminazioni operate dalla politica in era Covid-19 in tutti i provvedimenti finora adottati, e in via di adozione come il Decreto Rilancio, a danno della categoria Ostetrica, al pari di altre professioni sanitarie e sociosanitarie», commentano […]
FNOPO incontra Speranza: «Implementare modelli di ostetrica di famiglia e di comunità»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica: «L'obiettivo è migliorare la presa in carico delle donne sul territorio e in ospedale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...