Salute 25 Febbraio 2020

«Allarme esagerato» o «meglio non rischiare»? I commenti dei milanesi, tra psicosi e normalità

La città meneghina ancora semideserta dopo l’esplodere dell’emergenza Covid-2019. Molte aziende si stanno attrezzando per fornire mascherine e disinfettante ai dipendenti. E molti dicono: «Mai vista Milano così». In aumento le richieste di soccorso: ambulanze spesso fuori anche solo per una “febbre alta” scambiata per coronavirus

Immagine articolo

Prove di ripartenza a Milano dopo il primo lunedì con l’emergenza coronavirus in Lombardia. Il paradosso, quasi un contrappasso, è che il centro della città meneghina è pieno soprattutto di comitive di turisti orientali, tutti regolarmente muniti di mascherine: quasi divertiti, non si fanno sfuggire un selfie in Galleria Vittorio Emanuele II.

La leggera foschia che ammanta il centro città richiama la familiarità della nebbia per i milanesi, che per il momento però continuano a lavorare in grande maggioranza da casa. «A me hanno chiesto di venire al lavoro munito di mascherina» afferma un signore sulla quarantina, uno dei pochi italiani che attraversa piazza Duomo, dove impazzano i reporter delle televisioni estere a caccia di persone da intervistare. «La gran parte degli impiegati della nostra azienda lavora da casa – sottolinea una signora -. In azienda, inoltre, hanno sospeso la formazione per evitare che entrino persone esterne. Ma a me sembra tutto un po’ esagerato. C’è un’isteria mai vista, speriamo finisca presto». Ma non sempre la situazione è così tranquilla: «In ufficio l’aria è tesa – racconta una ragazza – oggi hanno comunicato che ci faranno avere mascherina e gel disinfettante. Ma gran parte di noi vorrebbe stare a casa».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, TECNOLOGIA E FORMAZIONE A DISTANZA PER SUPERARE L’IMMOBILISMO DA PSICOSI

Treni e metro sono semivuoti anche negli orari di punta e la preoccupazione traspare dal volto di quei pochi pendolari che continuano ad andare a lavoro. «Ho viaggiato in un vagone della metro con in tutto tre persone – racconta una ragazza –, vedere Milano così deserta anche nelle ore di punta fa un certo effetto». Qualcuno si copre goffamente il volto con la sciarpa, quasi a cercare una improbabile protezione contro un nemico invisibile e quantomai subdolo. Altri addirittura, oltre alla mascherina, indossano anche guanti monouso. Intanto Trenord, la compagnia che gestisce la rete ferroviaria lombarda, ha annunciato una riduzione delle corse per effettuare interventi di sanificazione.

Deserte anche le scuole che resteranno chiuse almeno fino al primo marzo, salvo ulteriori comunicazioni. Sulle chat scolastiche si fanno congetture sui tempi di riapertura, mentre gli insegnanti si dividono: c’è chi vorrebbe che gli studenti raccontassero, come compito per le vacanze, questi giorni di misure eccezionali di emergenza coronavirus e chi, invece, pensa che sia meglio non richiamare la paura dell’epidemia nei ragazzi.

Tra psicosi e voglia di normalità resta alta però la soglia di attenzione: nell’hinterland milanese e nelle province limitrofe stanno aumentando le richieste di soccorso e anche i falsi allarme. E spesso, come sottolineano alcuni volontari della Croce Bianca, le ambulanze sono costrette a fare gli straordinari per segnalazioni che, nonostante il filtro del medico, poi si rivelano essere semplici sindromi influenzali o casi di febbre alta. Un altro degli ‘effetti collaterali’ del coronavirus.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 294.932 (1.907 in più rispetto a ieri). 99.839 i […]
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Ritorno a scuola, a Milano test sierologici per 6000 studenti dai 3 ai 18 anni
Test pungidito analizzati al Buzzi per fotografare la situazione epidemiologica nelle scuole. In caso di esito positivo, immediato il tampone. Presto camper per esaminare anche studenti con sintomi influenzali. Il progetto pilota dell’ASST Fatebenefratelli Sacco con la collaborazione del Provveditorato agli studi e dell’Università Statale
di Federica Bosco
Coronavirus e cariche virali: a dieci anni resta positivo (e in isolamento) per tre mesi con pochissimi sintomi
Due studi dell’Istituto Villa Santa Maria di Como, pubblicati sul Journal of Infection, approfondiscono casi asintomatici fra bambini e adolescenti dimostrando che possono risultare positivi al tampone per lunghi periodi a causa della cariche virali alte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»