Salute 7 Ottobre 2019

Al via il 76° Congresso FIMMG, Scotti: «Investire in personale e velocizzare l’ingresso dei giovani nella professione»

Tra gli argomenti che verranno affrontati nell’arco della settimana ci saranno le malattie croniche, l’aderenza alla terapia, le vaccinazioni, le malattie cardiologiche e respiratorie

Immagine articolo

“Prossimità e organizzazione delle cure: la Medicina Generale di domani tra demografia e cronicità”, è il tema del 76° Congresso nazionale FIMMG-Metis che si svolgerà da oggi al 12 ottobre al Tanka Village – Villasimius (Cagliari). Sono circa 1500 i medici, provenienti da tutte le province italiane, presenti all’appuntamento annuale della Federazione italiana dei medici di medicina generale.

Tra gli argomenti che verranno affrontati nell’arco della settimana ci saranno le malattie croniche, l’aderenza alla terapia, le vaccinazioni, le malattie cardiologiche e respiratorie. Spazio alle tematiche di attualità che interessano da vicino la categoria come le aggressioni agli operatori sanitari, un fenomeno diventato purtroppo ormai all’ordine del giorno, la carenza dei medici e le prospettive per i medici in formazione.

LEGGI: MMG, ANGELO TESTA (SNAMI): «MEDICINA GENERALE SOTTO ATTACCO, VI SPIEGO PERCHÉ»

Molti gli ospiti che prenderanno parte al Congresso come assessori alla salute di varie regioni italiane, rappresentanze delle organizzazioni sindacali dei medici, di Cittadinanzattiva e Federanziani. In programma mercoledì la relazione del segretario nazionale della FIMMG, Silvestro Scotti, e gli interventi del ministro della Salute, Roberto Speranza, del Presidente FNOMCeO, Filippo Anelli e Presidente ENPAM, Alberto Oliveti.

«E’ giunto il tempo che si valorizzino, non solo a parole o isolatamente, le cure territoriali – ha sottolineato Silvestro Scotti, nel suo interventi di apertura del Congresso – i medici di medicina generale rappresentano nell’ambito del SSN un riferimento insostituibile, riuscendo a offrire in modo omogeneo su tutto il territorio italiano la presa in carico delle problematiche sanitarie e assistenziali dei pazienti grazie alla presenza di oltre 65.000 studi medici. E’ necessario che nella prossima legge di Bilancio siano previsti provvedimenti di investimento specifici sulla Medicina Generale che prevedano impegni nei capitoli di spesa su occupazione e innovazione per favorire l’assunzione di personale e l’acquisizione di strumentazione tecnologica (diagnostica, telemedicina, Ict) negli studi dei medici di famiglia. Puntare su questo vuol dire dare anche una risposta non solo alla sostenibilità del SSN e ai bisogni di salute dei cittadini ma anche aumentare la produttività del Paese».

Articoli correlati
Aggressioni, De Luca: «Videosorveglianza sulle ambulanze». La FIMMG torna a chiedere lo status di pubblico ufficiale
Intanto il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato per giovedì 16 gennaio l'Osservatorio permanente, mentre la FNOMCeO progetta un docufilm per sensibilizzare l'utenza
Ancora un’aggressione, a Sassari ambulanza a fuoco per un petardo. FIMMG: «Siamo in trincea»
La preoccupazione del segretario nazionale di FIMMG-Emergenza Sanitaria Territoriale, Francesco Marino: «In media un’aggressione fisica o verbale ogni due giorni»
Campania, al via la riorganizzazione della medicina generale. Ecco tutte le novità
Intervista al segretario provinciale FIMMG Napoli, Luigi Sparano: «Le Aggregazioni Funzionali Territoriali consentiranno una maggiore efficienza nella presa in carica e un abbattimento dei costi derivanti dalle ospedalizzazioni inappropriate»
La Fimmg incontra il ministro Speranza, Scotti: «Legge di Bilancio e Patto per la Salute le basi per chiudere ACN»
«Diamo atto al ministro Speranza di aver tenuto fede a quanto promesso in occasione dell’ultimo congresso nazionale e al tempo stesso gli chiediamo di tenere dritta la barra, per una medicina di famiglia che sempre più sia il perno di un’assistenza domiciliare e di prossimità. I problemi da affrontare sono ancora molti, ma siamo certi […]
Fine triennio ECM, da Nord a Sud l’appello dei Presidenti di Ordine: «Medici, completate i crediti»
Sanità Informazione ha raccolto la voce di tanti Presidenti di OMCeO che stanno sensibilizzando la categoria sul completamento del percorso ECM per il triennio 2017-2019. E molti sottolineano il rischio di sanzioni e contenziosi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...