Salute 18 Settembre 2020 10:20

Al Meyer bimba positiva al Covid-19 con grave leucemia riceve trapianto di cellule staminali

Una storia di grande coraggio da parte dell’equipe dell’ospedale fiorentino, che andava incontro a un caso senza precedenti in Italia. La bimba era positiva a Covid da marzo e ha ricevuto un trapianto di cellule staminali dal padre

Al Meyer bimba positiva al Covid-19 con grave leucemia riceve trapianto di cellule staminali

Era positiva al coronavirus da mesi e aveva bisogno di un trapianto per cui non si poteva più aspettare. Così i suoi medici dell’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze hanno deciso di eseguire comunque l’operazione in un caso che non ha precedenti in Italia. È la storia di una bambina di un anno e cinque mesi, affetta da una forma di leucemia mieloide ad altissimo rischio. Il team del nosocomio fiorentino l’ha sottoposta a un trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche molto delicato.

Da mesi la piccola, risultata positiva a Covid-19, continuava a registrare lo stesso risultato nei tamponi naso-faringei. Il virus era lì a separarla da un intervento che avrebbe potuto salvarle la vita. «Non avevamo scelta, perciò abbiamo preso il coraggio a quattro mani e abbiamo deciso di andare avanti», spiega Veronica Tintori, responsabile della sezione trapianti ematopoietici del Centro di Eccellenza di oncologia ed ematologia, diretto da Claudio Favre. Ora, a un mese di distanza dal trattamento, si può dire che la scelta si è rivelata giusta: la bambina ha avuto un recupero molto rapido e ha potuto fare ritorno a casa, finalmente anche negativizzata. Dovrà seguire un percorso di cure e controlli, ma il buon esito della procedura lascia ben sperare.

LA STORIA DALLA DIAGNOSI AL TRAPIANTO

A fine dicembre la diagnosi, quando la bimba aveva solo nove mesi. Subito dopo il ricovero al Centro di eccellenza di oncologia ed ematologia pediatrica e l’inizio di alcuni cicli di chemioterapia. A marzo l’infezione da Sars-CoV-2 che, per fortuna, ha sulla bambina un decorso lieve senza complicazioni. La negativizzazione però non arriva, nonostante i tentativi dei medici, ricorsi anche a due trattamenti di plasma iperimmune.

Con l’arrivo dell’estate la decisione: il trapianto va fatto. La malattia era troppo aggressiva e c’era il rischio di un ulteriore peggioramento. Il donatore è stato suo padre, aploidentico cioè compatibile al 50%. L’equipe messa in campo toccava tutte le discipline: infettivologi, immunologi, reparto trapianti, oncoematologi, pediatri e il servizio immuno-trasfusionale.

Il trattamento è stato effettuato il 19 agosto scorso, in locali dell’area Covid adeguatamente attrezzati per tutelare sia la paziente, immunodepressa, che gli operatori. Il trapianto di cellule staminali, come detto, ha avuto esito positivo. Le cellule, donate dal padre, hanno attecchito e non si sono verificate, al momento, complicanze particolari. Dopo circa un mese di degenza protetta la bambina ha potuto fare ritorno a casa. E, dopo tanti mesi di attesa, finalmente è arrivato anche il tanto sospirato tampone negativo.

MAI SUCCESSO PRIMA

«La peculiarità di questo trapianto – conclude Favre – è stata l’averlo iniziato con la piccola ancora positiva al Covid-19 e in assenza di una risposta immunitaria di guarigione. Ci trovavamo a iniziare la procedura trapiantologica in una condizione clinica paragonabile a una brutta influenza: in questi casi il trapianto viene solitamente rinviato. Trattandosi di Covid-19 il rischio di complicanze gravi era di gran lunga superiore. Una decisione quindi molto sofferta e discussa più volte da tutto il nostro gruppo di oncoematologi del Meyer. In letteratura, almeno da quanto ci risulta, non erano descritti casi di questo tipo e non sapevamo come avrebbe potuto reagire la bambina».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sclerosi multipla: trapianto di staminali cerebrali sicuro e duraturo
Il trapianto di cellule staminali cerebrali in pazienti affetti da sclerosi multipla secondaria progressiva è sicuro, molto ben tollerato e con possibili effetti duraturi e protettivi da ulteriori danni al cervello dei pazienti. È questo quanto emerge dallo studio coordinato dall’Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo e ideato da Angelo Vescovi dell’Università di Milano – Bicocca. I risultati di questa sperimentazione clinica di fase 1 sono stati pubblicati in copertina sulla rivista Cell Stem Cell
Midollo osseo, la guerra non ferma i trapianti: 5 donazioni tra Italia, Israele e Ucraina
I conflitti in Medio Oriente e in Ucraina non fermano le donazioni e i trapianti di midollo osseo. Sono stati ben cinque i prelievi di cellule-salva vita coordinati dal nostro paese nonostante le difficoltà logistiche connesse alle crisi internazionali
di V.A.
Sclerosi multipla, la terapia con cellule staminali può rallentare la progressione della malattia recidivante
Un gruppo di ricercatori svedesi ha valutata la sicurezza e l’efficacia della terapia con cellule staminali quando utilizzata come trattamento di routine piuttosto che in condizioni di sperimentazione clinica. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry
Un trapianto di cellule polmonari potrebbe «curare» la BPCO
Per la prima volta, i ricercatori hanno dimostrato che è possibile riparare il tessuto polmonare danneggiato nei pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) utilizzando le cellule polmonari degli stessi pazienti
Trapianto: nuovo dispositivo monitora i primi segni di rigetto
È più piccolo di una moneta, ma ha enormi potenzialità per coloro che subiscono un trapianto. Si tratta del primo dispositivo elettronico, messo a punto dai ricercatori della Northwestern University, che è in grado di monitorare in modo continuo la salute degli organi trapiantati in tempo reale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...