Salute 28 Novembre 2019

Aiop redige 1° bilancio sociale aggregato. Cittadini: «Siamo valore aggiunto per i territori»

Il primo bilancio sociale aggregato delle strutture ospedaliere associate Aiop evidenzia il contributo che l’ospedalità di diritto privato apporta al SSN: il 28,4% delle giornate di degenza e il 26,5% delle prestazioni, a fronte di un’incidenza soltanto del 13,5% sulla spesa ospedaliera pubblica

Ricerca, innovazione, sostenibilità sociale ed economico-finanziaria, occupazione e tutela dell’ambiente. Queste sono le macro aree su cui si sono concentrate le imprese sanitarie di diritto privato del SSN con risultati significativi. Con più di 500 strutture presenti in tutt’Italia, la componente di diritto privato rappresentata dall’Associazione italiana Ospedalità Privata (Aiop) si conferma una risorsa indispensabile per la crescita economica e del benessere sociale del Paese con un compito difficile quanto necessario: garantire una risposta puntuale, efficiente, efficace e di qualità alla domanda di salute dei cittadini.

Il 1° “Bilancio sociale aggregato delle strutture ospedaliere associate”, realizzato da BDO Italia S.p.A. per Aiop è stato presentato oggi all’Auditorium dell’Ara Pacis a Roma. «Il bilancio ha rilevato il valore aggiunto che le nostre aziende rappresentano nei territori dove operano – ha affermato Barbara Cittadini, Presidente nazionale AIOP ai nostri microfoni – . Lo siamo rispetto alle problematiche che attengono l’ambiente, la formazione, la ricerca, l’innovazione, la componente femminile e religiosa. In termini di tempo, risorse e beni».

«Il Bilancio sociale è uno straordinario strumento per comprendere lo stato di salute della sanità privata che è un elemento importantissimo per capire anche l’eccellenza della sanità in Italia – ha dichiarato a Sanità Informazione Carlo Luison, Sustainable Innovation Leader di BDO Italia SpA – . Sono 315 gli ospedali privati hanno collaborato all’indagine, oltre il 75% della base associativa. Abbiamo utilizzato standard internazionali per raccogliere le informazioni che vengono direttamente dalle imprese».

Nelle strutture associate Aiop lavorano 70mila addetti, tra medici (12mila), infermieri e tecnici (26mila) e operatori socio-sanitari (32mila). C’è una forte presenza della componente femminile (70% del personale) e un’ampia provenienza locale (il 76% risiede nella provincia in cui lavora). «I dati – ha continuato Luison – dimostrano il ruolo che ha la sanità privata nel supportare il SSN complementare e necessario a dare massima risposta al bisogno di salute nazionale e dà anche un’idea significativa dell’impatto sulla sanità. L’indotto, in termini diretti e indiretti è di sei miliardi e mezzo, sono cifre importanti per il sistema paese» ha concluso.

Infine, la presidente Cittadini è intervenuta anche sul rinnovo del contratto della sanità privata, fermo da 10 anni. Le trattative proseguono: «Sono ottimista, ho ravvisato nelle parole del ministro Speranza la determinazione nel modifica del Dl numero 95 che bloccava il tetto di spesa per le nostre strutture e non consentiva alle regioni di erogare risorse. Non sarà un’abrogazione ma una modifica – ha continuato la Cittadini – per permettere alle regioni di condividere il costo e il rinnovo del contratto. È un passaggio storico – ha specificato la presidente – è la prima volta dalla riforma del Sistema sanitario in cui lo stato interviene per cofinanziare il contratto. Lo fa per senso di responsabilità sociale e perché sa che viviamo in uno stato che da tanti anni ha le tariffe e i tetti di spesa bloccati. Alcune regioni sono in difficoltà e senza l’intervento dello Stato non possono rinnovare il contratto – ha concluso la presidente Cittadini – ma il ministro Speranza ci ha dimostrato la sua tenacia nell’occuparsi di 100mila lavoratori che ogni giorno permettono ai nostri imprenditori di erogare prestazioni per il SSN e di essere orgogliosi delle proprie aziende».

Articoli correlati
Sanità privata chiede ammortizzatori sociali. Cgil Cisl Uil: «Paradossale con pandemia in corso. Regione Lazio ci convochi»
«In queste ore stiamo ricevendo tante richieste di attivazione della cassa integrazione (fis) da parte delle strutture della sanità privata del Lazio. Non possiamo che esprimere il nostro più profondo sconcerto e la nostra rabbia, anche a fronte dell’enorme peso che la pandemia da coronavirus sta riversando sugli operatori sanitari del pubblico e del privato». […]
Coronavirus, AIOP: «Da ospedali privati 1.300 posti letto di terapia intensiva»
Cittadini: «Siamo al lavoro per fronteggiare l’emergenza in tutte le aree del Paese. Il nostro contributo va dalla gestione dei pazienti contagiati, all’assistenza dei pazienti non-Covid»
Coronavirus e sanità privata, Aiop: «Massima disponibilità». Aris: «Pronte case di cura e RSA per liberare ospedali»
«Auspichiamo un piano nazionale condiviso: come seconda “gamba” del SSN abbiamo il dovere morale e professionale di dare risposte puntuali» spiega Barbara Cittadini (Aiop). «Il nostro supporto si realizza secondo i piani ordinati dal Ministero della Salute per un periodo, per ora, di 60 giorni. Siamo tutti pronti a prolungarlo in caso di ulteriore necessità» afferma Padre Virginio Bebber (Aris)
Sanità privata, Cgil Cisl e Uil: «Aiop fa saltare il rinnovo del contratto»
«Chiediamo di bloccare subito gli accreditamenti alle strutture e di essere convocati dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e dal Ministero della Salute. Riparte fin da ora la nostra mobilitazione»
«Non siamo invisibili», il 95% dei medici della sanità privata in sciopero per il mancato rinnovo del contratto
De Rango (Cimop): «Pronti a mobilitazione». Al presidio in piazza Monte Citorio della Confederazione italiana medici ospedalità privata hanno partecipato anche alcune delegazioni parlamentari. Anelli (FNOMCeO): «Siamo al loro fianco, mortificare le giuste istanze dei medici non fa bene a questo paese». Il 31 gennaio il ministro Speranza incontra il sindacato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 aprile, sono 1.016.534 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 53.164 i decessi e 211.856 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollett...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...