Salute 11 giugno 2018

Aggressioni, Ilde Coiro (S. Giovanni): «Il panico può diventare violenza. Serve rete comunicazione tra medico-paziente e accompagnatore»

Un triangolo in cui l’informazione giunga a tutti e tre i vertici. Questa è la priorità per la Direttrice dell’Ospedale capitolino che aggiunge: «Quando un parente arriva al Pronto Soccorso deve conoscere lo stato di salute del malato, altrimenti la paura prende il sopravvento»

Immagine articolo

L’Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma è una delle strutture assistenziali più grandi del centro Italia. Organizzare più di cinquanta reparti operativi è un sistema complesso soprattutto quando c’è da fare i conti anche con le aggressioni al personale medico e sanitario in aumento costante. «La rete di comunicazione è fondamentale: un parente che non ha notizie dell’assistito può innervosirsi, questo bisogna cercare di evitarlo» lo dichiara Ilde Coiro, Direttore Generale del San Giovanni da circa quattro anni.

«Per ovviare a questo problema – prosegue la Direttrice – la nostra struttura ha sviluppato una rete di comunicazione per cui l’accompagnatore viene informato di ogni fase relativa all’assistenza del paziente. Questo monitoraggio continuo permette al parente di tranquillizzarsi e non farsi prendere dal panico che delle volte può portare a reazioni incontrollate».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, LA REAZIONE AL POST TRAUMA È LA SINDROME DI BURNOUT. LANGONE (PSICOLOGA): «BISOGNA CURARE I LUOGHI DI CURA»

A proposito di violenza, di recente, proprio al San Giovanni si è verificato un gravissimo caso di aggressione finito su tutte le pagine della cronaca nazionale. «Una coppia si è presentata al Pronto Soccorso – racconta la Direttrice -, lei accusava dei dolori e la dottoressa di turno ha chiesto all’accompagnatore di allontanarsi per poter ricoverare la paziente. L’accompagnatore ha avuto una reazione esagerata: ha tirato fuori un coltello puntandolo alla gola della dottoressa, dopo di che si è auto lesionato davanti a lei».

«Sicuramente sono contraria alla soluzione delle armi – commenta la Direttrice -. Per quanto possa essere rassicurante un posto di blocco (quello del San Giovanni è stato smantellato per carenza di organico) ritengo che gli aspetti più importanti da risolvere siano quelli della comunicazione, informazione e prevenzione».

«Un problema a cui bisognerebbe porre rimedio è la cattiva formazione – continua -. Mi spiego meglio: i mezzi d’informazione dovrebbero darci sostegno anziché esasperare gli animi parlando sempre male della sanità. Questo atteggiamento contribuisce a far sì che le persone accedano alle nostre strutture già mal predisposte nei confronti degli operatori».

Per contrastare il fenomeno delle aggressioni al personale medico, la FNOMCeO ha proposto l’avvio di una Commissione parlamentare sulla violenza che possa avanzare una proposta di Legge per parificare il reato a quello di violenza a pubblico ufficiale, rendendolo sempre perseguibile d’ufficio e non su querela di parte. «Questa è un’iniziativa che trova sostegno da parte di tutti coloro che fanno parte del mondo sanitario. Un concreto supporto arriva soprattutto da parte della Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (FIASO), di cui faccio parte come membro – aggiunge – e che ha molto a cuore la questione della violenza e ha interesse a trovare delle soluzioni che possano dare più garanzia di sicurezza a medici e operatori».

 

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, Nursing Up : «Ora basta, chiediamo presidi h24». Appello a Salvini: «Tuteli ordine pubblico»
Il sindacato degli infermieri Nursing Up ha espresso la sua opinione sulle violenze avvenute ieri all’ospedale di Boscotrecase, in provincia di Napoli, ai danni del personale sanitario da parte di alcuni familiari di una paziente deceduta nel nosocomio. «L’aggressione ai sanitari nell’ospedale di Boscotrecase, accompagnata dalle scene di devastazione del Pronto Soccorso, è un episodio gravissimo che condanniamo […]
La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»
«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo scusa, ma la colpa non è mia»
Aggressioni, a Gallarate paziente si suicida e parenti danno in escandescenza. Infermiera presa a pugni
L'episodio avvenuto all’ospedale Sant’Antonio Abate di Gallarate, in provincia di Varese. Il giovane era seguito dal Servizio per le Tossicodipendenze (SerT)
Tribunale della Salute, Foad Aodi (OMCeO Roma) aderisce alla petizione: «Proposta coraggiosa. Più il medico lavora in serenità più è tutelato il diritto alla salute»
Il presidente di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) sottolinea: «I medici italiani sono considerati tra i migliori, non permettiamo di macchiarne l’immagine e la credibilità». Intanto la raccolta firme ha superato le 12mila adesioni
Aggressioni, FNOMCeO in audizione al Senato: «Minate le basi del SSN, serve decreto legge»
«La situazione dei nostri medici, infermieri e operatori rappresenta una vera emergenza di sanità pubblica. C’è necessità di un intervento legislativo immediato», così il presidente della Federazione Filippo Anelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...