Salute 18 Dicembre 2017

«Affinare pensiero e agire con lungimiranza: la ricetta per la sanità del futuro». Parla Gabriele Pelissero, Presidente Aiop

«La crisi ci obbliga a cercare nuove strade: questo è un impegno che ci deve vedere tutti al lavoro, se ne parlerà il 17 gennaio…» lo dichiara il presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata

«Nel presente bisogna pensare al futuro e sono soprattutto i giovani a dover pensare e agire in questa prospettiva», così Gabriele Pelissero, Presidente Aiop intervenuto al Congresso Le sfide di oggi per la sanità di domani’organizzato da Aiop Giovani.

«Le crisi che abbiamo intorno ci obbligano a dover affinare il nostro pensiero e a trovare nuove strade: questo è un impegno che ci deve vedere tutti al lavoro» prosegue il Presidente annunciando che il 17 gennaio 2018 Aiop terrà un importante incontro in cui si tracceranno bilanci e disegneranno progetti per l’ospedalità privata del futuro.  «Un’iniziativa lodevole – aggiunge – si raccoglieranno materiali utili a tutti gli attori del Sistema Sanitario, un momento importante per le vecchie e le nuove generazioni».

«Questo incontro sarà l’occasione per parlare d’innovazione perché il progresso procede spedito e collegato ad esso avanzano di pari passo politica, economia e tutte quelle realtà che compongono il puzzle del Sistema Sanitario – spiega il Presidente Pelissero -. Su questi aspetti naturalmente le istituzioni dovranno a un certo punto dire la loro, ma è importante che ci arrivino avendo alle spalle un’elaborazione delle proposte, delle idee fondate sull’esperienza e sui dati concreti, questo è il lavoro che la nostra associazione sta facendo e vuole fare sempre di più. Ci affacciamo a una nuova legislatura, vedremo come sarà, ma noi sicuramente saremo lì, come sempre, a fornire spunti e proposte».

«Anche i cambiamenti epidemiologici e demografici esercitano una notevole influenza sulle trasformazioni a cui è sottoposto il Sistema Sanitario Nazionale» interviene Paolo Parente, medico di Sanità pubblica dell’Università Cattolica di Roma -. Dunque è fondamentale tenerne conto nel tracciare il futuro della sanità privata. I cambiamenti richiedono inevitabilmente una maggiore richiesta di risorse che dovranno essere, come i nostri trend confermano, allocate principalmente per quelle di tipologie di servizi che rispondono alle esigenze epidemiologiche crescenti, ovvero di servizi di Long term care e di prestazioni che vadano ad avere un impatto maggiore sul territorio».

«Per riuscire a migliorare sempre di più la qualità è importante anche il gioco di squadra tra privato accreditato e pubblico – aggiunge Parente – entrambi questi attori svolgono nell’ambito dell’erogazione un servizio fondamentale per gestire la crescente complessità della salute della popolazione e del Sistema Sanitario. Il gioco di squadra c’è, ed è un gioco di squadra che deve essere teso al benessere della popolazione».

«Il Sistema Sanitario ha un valore che costituisce qualcosa di cui andare orgogliosi – conclude il Dottore – che è l’universalità delle cure. La garanzia della tutela del diritto alla salute, che è una tutela costituzionale fondamentale. deve essere perseguita in collaborazione con i partner, gli erogatori privati, e attraverso un servizio pubblico che sia di qualità. Quel che manca, e lo dico da giovane medico oltre che da ricercatore, è sicuramente una programmazione tale da evitare nei prossimi anni problemi relativi alla work force. Avremo meno medici che, ripeto, per assenza di programmazione, non potranno far fronte alla complessità del sistema che sarà sempre crescente nei prossimi anni».

Articoli correlati
Lea, Vecchietti (RBM Salute): «Diventino Livelli effettivi di assistenza. Un cittadino su 3 non vi ha avuto accesso»
Il direttore generale e amministratore delegato di RBM Assicurazione Salute: «Più che puntare su un’estensione più ampia possibile della copertura del perimetro pubblico, si miri alla copertura di quelle patologie per le quali la specializzazione, le risorse e gli investimenti del SSN sono fondamentali»
Sanità privata, al Sud vi si accede più che al Nord. Vecchietti (RBM Salute): «Dati che riflettono gli investimenti delle Regioni»
Ancora alti i gap assistenziali tra i diversi Servizi Sanitari Regionali. Ricorso a prestazioni private per il 33,2% nel Sud e nelle isole contro il 22,6% nel Nord-Ovest ed il 20,7% nel Nord-Est
di Lucia Oggianu
Contratto sanità privata, Aiop e Aris: «In Conferenza delle Regioni clima costruttivo ma resta il nodo della deroga ai tetti di spesa»
Il Presidente Aiop Barbara Cittadini e Virginio Bebber dell'Aris auditi questa mattina dal coordinatore Venturi
Innovazione digitale in sanità: White Wall è la start-up vincitrice dell’Open Innovation contest lanciato da Aiop Giovani
Nell’ambito della 55ª Assemblea Generale dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata (Aiop) che si è svolta a Cernobbio, si è tenuta anche la prima edizione di “StartAiop. Alla ricerca di soluzioni innovative per la sanità”, il programma di Open Innovation lanciato da Aiop Giovani e rivolto alle start-up che hanno sviluppato idee all’avanguardia applicabili al settore sanitario. […]
Aiop, a Cernobbio la 55° assemblea: «Ospedalità privata, strumento di miglioramento continuo per il SSN»
Presentato il “Rapporto sulla qualità degli outcome clinici nell’ospedalità privata” alla 55a Assemblea Nazionale di Aiop a Cernobbio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...