Salute 18 Dicembre 2017

«Affinare pensiero e agire con lungimiranza: la ricetta per la sanità del futuro». Parla Gabriele Pelissero, Presidente Aiop

«La crisi ci obbliga a cercare nuove strade: questo è un impegno che ci deve vedere tutti al lavoro, se ne parlerà il 17 gennaio…» lo dichiara il presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata

«Nel presente bisogna pensare al futuro e sono soprattutto i giovani a dover pensare e agire in questa prospettiva», così Gabriele Pelissero, Presidente Aiop intervenuto al Congresso Le sfide di oggi per la sanità di domani’organizzato da Aiop Giovani.

«Le crisi che abbiamo intorno ci obbligano a dover affinare il nostro pensiero e a trovare nuove strade: questo è un impegno che ci deve vedere tutti al lavoro» prosegue il Presidente annunciando che il 17 gennaio 2018 Aiop terrà un importante incontro in cui si tracceranno bilanci e disegneranno progetti per l’ospedalità privata del futuro.  «Un’iniziativa lodevole – aggiunge – si raccoglieranno materiali utili a tutti gli attori del Sistema Sanitario, un momento importante per le vecchie e le nuove generazioni».

«Questo incontro sarà l’occasione per parlare d’innovazione perché il progresso procede spedito e collegato ad esso avanzano di pari passo politica, economia e tutte quelle realtà che compongono il puzzle del Sistema Sanitario – spiega il Presidente Pelissero -. Su questi aspetti naturalmente le istituzioni dovranno a un certo punto dire la loro, ma è importante che ci arrivino avendo alle spalle un’elaborazione delle proposte, delle idee fondate sull’esperienza e sui dati concreti, questo è il lavoro che la nostra associazione sta facendo e vuole fare sempre di più. Ci affacciamo a una nuova legislatura, vedremo come sarà, ma noi sicuramente saremo lì, come sempre, a fornire spunti e proposte».

«Anche i cambiamenti epidemiologici e demografici esercitano una notevole influenza sulle trasformazioni a cui è sottoposto il Sistema Sanitario Nazionale» interviene Paolo Parente, medico di Sanità pubblica dell’Università Cattolica di Roma -. Dunque è fondamentale tenerne conto nel tracciare il futuro della sanità privata. I cambiamenti richiedono inevitabilmente una maggiore richiesta di risorse che dovranno essere, come i nostri trend confermano, allocate principalmente per quelle di tipologie di servizi che rispondono alle esigenze epidemiologiche crescenti, ovvero di servizi di Long term care e di prestazioni che vadano ad avere un impatto maggiore sul territorio».

«Per riuscire a migliorare sempre di più la qualità è importante anche il gioco di squadra tra privato accreditato e pubblico – aggiunge Parente – entrambi questi attori svolgono nell’ambito dell’erogazione un servizio fondamentale per gestire la crescente complessità della salute della popolazione e del Sistema Sanitario. Il gioco di squadra c’è, ed è un gioco di squadra che deve essere teso al benessere della popolazione».

«Il Sistema Sanitario ha un valore che costituisce qualcosa di cui andare orgogliosi – conclude il Dottore – che è l’universalità delle cure. La garanzia della tutela del diritto alla salute, che è una tutela costituzionale fondamentale. deve essere perseguita in collaborazione con i partner, gli erogatori privati, e attraverso un servizio pubblico che sia di qualità. Quel che manca, e lo dico da giovane medico oltre che da ricercatore, è sicuramente una programmazione tale da evitare nei prossimi anni problemi relativi alla work force. Avremo meno medici che, ripeto, per assenza di programmazione, non potranno far fronte alla complessità del sistema che sarà sempre crescente nei prossimi anni».

Articoli correlati
Sanità pubblica e sanità privata, quale futuro per l’Italia?
Cicchetti (Altems): «Il privato si differenzi dal pubblico. Investimenti in sanità dopo il Covid? Non supereranno il 6,8-6,9% del Pil»
di Peter D'Angelo
Sanità privata, contratto firmato: per 100mila lavoratori +154 euro al mese
Il contratto, relativo al triennio 2016-2018, su fronte salariale stabilisce un incremento del 4,21% e un’una tantum di mille euro per tutti i lavoratori
Medici sanità privata, Aris rinnova contratto: qualifica dirigenziale e aumento retribuzioni del 25%
Firmato a Roma presso la sede Aris, Associazione religiosa Istituti Socio-Sanitari, il contratto dei medici della sanitò privata. De Rango e Bebber: «Istituzioni non ci hanno aiutato». Il contratto sarà applicabile nelle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali
Sanità privata, Aris e Aiop dicono sì al rinnovo del contratto. Sindacati: «Ora firma definitiva»
Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl: «Vigileremo su applicazione di tutte le previsioni del nuovo Ccnl». Ministro Speranza: «Persone risorsa più importante per Ssn»
Sanità privata in sciopero: «Mancato rinnovo contratto è schiaffo a dignità». Il 25 settembre assemblea Aiop
Manifestazione sotto la sede Aiop a Roma di un centinaio di operatori della sanità. Cittadini (Aiop): «Siamo in attesa che tutte le regioni varino delibera per erogare i fondi pubblici necessari». Anche Cimop e Ugl hanno incrociato le braccia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli