Salute 3 Febbraio 2021 11:00

Deficit di attenzione, in America sbarca la videogioco-terapia

L’hi-tech in Italia, Civitillo (psicoterapeuta): «C’è un trend di grande apertura verso l’utilizzo di dispositivi multimediali pensati per lavorare con persone con deficit di attenzione e iperattività. Circolano software utilizzati per trattare i problemi legati all’apprendimento, altri che hanno lo scopo di favorire forme di socializzazione»

di Isabella Faggiano

“Giocando s’impara” e ci si può curare. Negli Stati Uniti è EndeavorRx, un videogame appunto, l’ultima frontiera per il trattamento della sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Il videogioco, approvato dalla Food and Drug Administration, l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, può essere prescritto come terapia, parte di un programma terapeutico più ampio ed individualizzato, ai bambini affetti da questo disturbo, che abbiamo un’età compresa tra gli 8 e i 12 anni.
«Negli Stati Uniti, sono sempre più forti le voci, supportate da numeri allarmanti, che denunciano un utilizzo eccessivo e in costante crescita di farmaci somministrati a soggetti in età scolare – spiega Andrea Civitillo, psicologo clinico, psicoterapeuta e coordinatore del Network Scuola dell’ Ordine degli Psicologi del Lazio -.  Ed è, molto probabilmente, per questo motivo che il videogioco viene presentato come un’opzione di trattamento non farmacologico per bambini con diagnosi di ADHD».

Lo studio e i numeri

Il gioco, approdato sul mercato dopo sette anni di studi clinici condotti su 600 bambini, richiede un certo livello di attenzione e spinge il giocatore a focalizzarsi su più compiti contemporaneamente. L’ADHD, infatti, è un disturbo del neurosviluppo che causa un persistente problema di attenzione, iperattività e impulsività, che influiscono negativamente sulla qualità della vita di bimbi e famiglie. Si stima che nel mondo colpisca il 5% dei bambini tra i  6 e gli 11 anni. In Italia, secondo i più recenti dati dell’Istituto Superiore di Sanità i casi sarebbero circa 30mila.

L’Italia tra hi-tech e metodi “classici”

«Avere una fotografia attendibile sulle tecniche di intervento nel territorio nazionale non è cosa semplice – spiega Civitillo -, poiché il quadro è molto eterogeneo. Tuttavia, possiamo dire che in Italia c’è un trend di grande apertura verso l’utilizzo di dispositivi multimediali pensati per lavorare con persone con diagnosi di ADHD. Per esempio, circolano molti software utilizzati per trattare i problemi legati all’apprendimento, altri che hanno lo scopo di favorire forme di socializzazione». Tecniche di derivazione cognitivo comportamentale, sistemico relazionale, psicoanalitico, sono alcuni dei modelli di intervento psicologico più utilizzati per il trattamento deficit di attenzione e iperattività.  «Ultimamente – racconta lo psicoterapeuta – stanno incontrando una discreta diffusione interventi che utilizzano la Mindfullness, oggetto di un recente studio condotto all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. Le metodologie utilizzate potrebbero essere suddivise in due macro-categorie: le tecniche orientate al controllo del sintomo e quelle rivolte alla comprensione dei vissuti».

La tecnica da sola non basta

«L’attenzione per la tecnica rischia di portare lontano da aspetti che sono di cruciale importanza quando ci si occupa di questi problemi (e non solo). Senza la creazione di condizioni adeguate non vi è tecnica che tenga – sottolinea lo specialista -. Immaginiamo l’esecuzione di gesto atletico, per esempio una volée di tennis. Tale movimento, per quanto eseguito con tecnica sopraffina, sarà assolutamente inefficace se effettuato dando le spalle alla rete oppure a due metri dalla pallina. Occorre guadagnare la posizione adatta: essere nel posto giusto al momento giusto. Cosa è che in ambito psicologico clinico rende possibile l’utilizzo di una tecnica – chiede lo psicologo -? Un’insieme di attività tanto complesse e difficili, quanto molto spesso trascurate – risponde -, come la costruzione del setting, del senso e di significati. È necessario domandarsi che cosa ci sta comunicando la persona con ADHD, che relazioni intercorrono tra individuo e contesto, da quali culture è attraversato il luogo nel quale interveniamo, riconoscere dignità ai vissuti, anche quando sono espressi in modi che ci fanno sentire frustrati e avviliti».

Il caso clinico

Per comprendere meglio l’importanza di creare le condizioni adeguate, prima ancora di utilizzare una tecnica, raccontiamo la storia di Andrea (il nome è di fantasia), uno studente di 16 anni affetto da ADHD. «Andrea non riusciva a stare fermo un attimo, le sue capacità attentive erano ridotte al minimo. Era provocatorio, irascibile, talvolta aggressivo – racconta Civitillo -. Le verifiche a scuola erano particolarmente drammatiche: non c’era modo di fargli fare un compito in classe. Talvolta strappava i fogli su cui avrebbe dovuto eseguire le prove. La chiave di volta fu capire che questo studente sentisse come mortificante e violento svolgere un compito diverso da quello dei compagni di classe (non era in grado di risolvere equazioni o scrivere dei temi). Di tale ipotesi se ne parlò con i compagni di classe, con gli insegnanti e con la famiglia. Si osservò un cambiamento importante quando a questo ragazzo non solo fu chiesto di cimentarsi in verifiche simili a quelle proposte ai compagni di classe, ma quando il giovane comprese che chi gli stava attorno aveva compreso i suoi sentimenti, le sue paure di essere escluso e discriminato, emozioni alle quali – conclude lo psicoterapeuta -, pian piano, è riuscito anche a dare un nome».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Da antipertensivi a ibuprofene, in Italia è allarme carenza farmaci
Antiepilettici, antidepressivi, diuretici, antipertensivi sono diventati quasi introvabili. Così come il paracetamolo e l'ibuprofene, in particolare ai dosaggi indicati per i bambini. In totale in Italia sarebbero circa 3mila i farmaci a rischio reperibilità. Le cause sono diverse e dipendono in parte dalla pandemia e in parte dall'attuale crisi internazionale
Depressione maggiore: in uno spray nasale nuove speranze di cura per i pazienti “farmaco-resistenti”
Il nuovo farmaco, l’Esketamina, approvato dall’AIFA lo scorso aprile, ha effetti più rapidi ed è più efficace per alcune forme di depressione resistenti ai trattamenti. Vita (SIP): «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, è un farmaco ad uso ospedaliero, che può essere utilizzato nelle strutture sanitarie accreditate del SSN, sotto stretto controllo medico».
I farmaci funzionano meglio se «ci credi». Uno studio sugli antibiotici lo sostiene
Uno studio americano, pubblicato su JAMA Surgey, ha scoperto che gli antibiotici contro l'infiammazione dell'appendice sono più efficaci se si ha fiducia nei farmaci
Crisi energia: «Costi insostenibili», l’allarme della filiera del farmaco
Farmindustria, Egualia, Assoram, Adf, Federfarma Servizi, Federfarma e Assofarm lanciano l'allarme sulla «insostenibilità dei costi derivanti dalla drammatica crisi energetica che sta seriamente mettendo a rischio le forniture dell'intera filiera della salute». Le associazioni chiedono misure urgenti
Il decluttering e i suoi benefici: ecco come riordinare può far “decollare” la nostra vita
La psicologa Paola Medde: «Un atto che scaturisce da una crisi e che implica profonda consapevolezza. Impariamo a declutterare anche relazioni e abitudini tossiche»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa