Salute 15 Dicembre 2020 09:40

Accordo Ministero Salute-Cineca su intelligenza artificiale e Big Data

Zampa: «Il primo ambito nel quale si esplicita la collaborazione è la popolazione over 65 e 0-18 anni». Vannozzi (Cineca): «Una svolta nella gestione dei dati per la salute degli italiani»

«Il Ministero della Salute e Cineca Consorzio Interuniversitario hanno siglato un accordo per implementare un sistema che, attraverso tecniche di intelligenza artificiale e di analisi, possa sviluppare una nuova governance per il SSN e implementare un modello predittivo». È quanto fa sapere il ministero della Salute in una nota.

«L’accordo – si legge – consentirà di sviluppare modalità di monitoraggio delle condizioni di salute della popolazione nell’ambito dei programmi avviati dal Ministero, utilizzando i dati provenienti dal Fascicolo Sanitario Elettronico in forma aggregata e anonima». Il Ministero della Salute ha più volte sottolineato l’esigenza di rivedere il sistema informativo sanitario nazionale con architetture tecnologiche che possano integrare la moltitudine di dati dematerializzati, in particolare quelli raccolti con il Fascicolo Sanitario Elettronico in forma aggregata ed anonima, come previsto dalla norma».

«L’accordo firmato tra Ministero e Cineca – dichiara la Sottosegretaria di Stato alla Salute Sandra Zampa, che ha sottoscritto l’intesa – è un primo passo di questa strategia. A questo riguardo, mi piace sottolineare che il primo ambito nel quale si esplicita la collaborazione si sviluppa con riferimento a precisi target: popolazione over 65 e 0-18 anni».

«Sono fiducioso che l’accordo siglato dal Ministero della Salute e da Cineca consentirà una svolta nella gestione dei dati per la salute degli italiani – spiega a margine della firma il Direttore Generale di Cineca David Vannozzi –  . Cineca mette a disposizione del Ministero la sua grande potenza di calcolo e le sue competenze in materia di intelligenza artificiale e di gestione dei big data grazie alle quali, voglio ricordare, il Cineca in poche settimane è riuscito a isolare una proteina in grado di contrastare il Covid-19».

«Ci proponiamo inoltre, attraverso l’utilizzo di sistemi tecnologici avanzati e capaci di integrare tutti i dati del cittadino, di superare la classica visione dei dati “a silos” per avvalersi di sistemi di analisi in grado di evidenziare il reale stato di salute della popolazione. Si tratta di obiettivi ambiziosi ma assolutamente alla nostra portata. È naturale immaginare che l’accordo fra Cineca e Ministero della Salute potrà aprirsi ad altri ambiti di collaborazione con il sistema delle società in house pubbliche, regionali e nazionali e delle competenze scientifiche ed industriali di cui il nostro paese dispone» conclude Vannozzi.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cure domiciliari Covid-19, Ministero aggiorna protocollo: ecco cosa cambia
La circolare sostituisce le linee guida di novembre. A casa paracetamolo e Fans; anticorpi monoclonali solo nella prima fase dell'infezione. No a cortisone, eparina e antibiotici. Se la saturazione scende sotto il 92% valutare ricovero o ossigenoterapia in casa
Colesterolo, Bonanni: «Gli intervalli di riferimento dei laboratori analisi sono datati»
«Le indicazioni dei referti di laboratorio fanno riferimento a linee guida molto vecchie, come il famoso 220 o altri valori che non sono più validi»
Le droghe come comunicazione tra io e sé: nuove prospettive di analisi delle tossicodipendenze
di Thomas Leoncini e Icro Maremmani
di Thomas Leoncini e Icro Maremmani
Accordo Specialisti Ambulatoriali, la Cisl Medici Lazio sollecita apertura tavolo trattativa
La Cisl Medici, negli ultimi dodici mesi, aveva già più volte affrontato la problematica dei Medici Specialisti Ambulatoriali con la richiesta di completamento orario per gli Specialisti Ambulatoriali Interni, l’istituzione di turni di specialistica a tempo determinato e la richiesta di urgente apertura del tavolo di trattativa regionale per l’Accordo Integrativo Regionale con gli Specialisti […]
Covid-19: il 54% delle infezioni causate da variante inglese. La brasiliana responsabile del 4,3%, sudafricana ferma allo 0,4%
I dati emergono dalla seconda indagine sulla prevalenza delle varianti del virus Sars-CoV-2 condotta dall’Iss e dal ministero della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...