Salute 29 Maggio 2019

A Roma il Festival della Psicologia 2019. “Io sono qui”: un viaggio alla scoperta della nostra Identità

Al via la quinta edizione: l’appuntamento, gratuito e aperto a tutti, è in programma dal 31 maggio al 2 giugno al Teatro India della Capitale. Le 3 serate saranno il momento centrale della manifestazione, intervallate da incontri tematici e laboratori

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Ansia, stress, angoscia e depressione: disturbi e patologie del comportamento classificate già nel secolo scorso, ma che oggi acquisiscono nuove connotazioni a causa del cambiamento degli scenari in cui si sviluppano. La realtà virtuale si confonde e si fonde con quella reale, le famiglie di un tempo lasciano spazio a nuclei allargati o costituiti da due genitori dello stesso genere. Un mutamento dal quale possono scaturire delle problematiche di cui non tutte le persone coinvolte sono coscienti.

«Ed è con l’obiettivo di far emergere questi disagi che nasce il Festival della Psicologia», spiega Marco Vitiello, psicologo e psicoterapeuta, tra i conduttori della manifestazione, coordinatore del gruppo di Psicologia del Lavoro dell’Ordine degli Psicologi del Lazio. L’appuntamento, gratuito e aperto a tutti, in programma dal 31 maggio al 2 giugno, si terrà al Teatro India di Roma. Organizzato dall’ordine degli Psicologi del Lazio, con il titolo “Io sono qui” é giunto quest’anno alla quinta edizione.

LEGGI ANCHE: LA PSICOLOGIA AI TEMPI DELLE APP: DALLA TERAPIA ON LINE ALLA VIRTUAL REALITY EXPOSURE THERAPY

In programma convegni, sperimentazioni tecnologiche e incontri con oltre cento protagonisti del mondo della cultura, delle professioni e dello spettacolo. Le tre serate saranno il momento centrale della manifestazione: «Il confronto sarà rigorosamente multidisciplinare. Non solo psicologi – commenta Vitiello – ma anche sociologi, educatori, esperti del web, architetti, economisti, sindacalisti, attori, disegnatori, rappresentanti delle Istituzioni».

Durante il primo incontro ci si soffermerà sulle opportunità di costruzione e rappresentazione di sé offerte dal palcoscenico digitale: «Discuteremo dei rischi connessi alla realtà virtuale – aggiunge lo psicoterapeuta – luogo in cui i dati condivisi possono lasciare tracce che, finendo nelle mani sbagliate, potrebbero dar luogo anche ad un furto di identità».

La seconda serata affronterà il tema dell’identità professionale: in un mercato in costante trasformazione, dove i confini tradizionali tra attività dipendente e autonoma vanno scomparendo. «Anche in questo caso rimane centrale il tema dell’identità – commenta l’esperto – Basti pensare che una delle prime domande che si fa ad una persona appena conosciuta è: “che lavoro fai?”. Ma oggi è difficile identificarsi con la propria professione che magari si è costretti a cambiare continuamente. Per questo, proponiamo delle strategie che permettano all’individuo di identificarsi professionalmente non con l’azienda per cui si lavora, ma con il proprio percorso formativo e professionale».

Nella terza serata si parlerà di identità collettive: muovendo dai risultati elettorali delle consultazioni Europee, ci si soffermerà sul senso delle nuove appartenenze: «Una volta ci si identificava nel proprio quartiere, paese o città. Oggi questi confini si sono allargati fino a comprendere l’Europa intera. Ma tutti se ne sentono veramente parte? – chiede Vitiello – Offrire una lettura psicologia del contesto attuale potrebbe migliorare i processi di integrazione».

Nel corso dei tre giorni si terranno, poi, oltre 20 incontri, ugualmente presieduti da varie figure professionali, per dialogare con il pubblico sugli aspetti della vita di ogni giorno: dalla famiglia, alla scuola, fino agli stili alimentari, alla sessualità ed allo sport.  A disposizione del pubblico 20 laboratori dove si avrà la possibilità anche di testare i più recenti dispositivi di realtà aumentata e virtuale. «Sarà possibile simulare un viaggio all’interno del proprio inconscio – dice Vitiello – dipingere in tre dimensioni e immergersi nel mondo di Salvador Dalì o sfidare le fobie più o meno comuni. Ancora, affrontare situazioni rischiose, come la guida in stato di ebbrezza, per comprenderne il reale pericolo».

Sei laboratori saranno dedicati all’assessment: colloqui individuali con professionisti capaci di offrire suggerimenti su obiettivi di carriera, sviluppo personale, gestione dello stress, stile alimentare e altro ancora.

«Un appuntamento, dunque, adatto ad adolescenti, giovani, adulti ed anziani, Una manifestazione nata con l’obiettivo di far comprendere come la psicologia possa essere utilizzata ed applicata in vari contesti.  Chi varcherà la soglia e parteciperà attivamente alle serate, agli incontri ed ai laboratori, andando via avrà più consapevolezza di sé, conoscerà meglio la sua identità e si porterà via un bagaglio nuovo – conclude lo psicoterapeuta – che gli permetterà di ponderare meglio le sue scelte future in diversi ambiti della vita».

Articoli correlati
Psicologia della cronicità, Lastretti (psicoterapeuta): «Esiste una vita prima ed un’altra dopo la diagnosi»
Non solo social network, chat, blog e app, ma anche dispositivi medici dotati di intelligenza artificiale, capaci di prendersi cura del paziente. L’esperta: «In un futuro non troppo lontano le learning machine potrebbero diventare gli alleati più fedeli dei malati cronici»
di Isabella Faggiano
Firenze, l’immaginazione guidata al Meyer riduce ansia e stress nei bambini
Le tecniche di immaginazione guidata aiutano, nei bambini, a diminuire l’ansia pre e post operatoria. È quanto dimostra uno studio dell’ospedale pediatrico fiorentino delle psicologhe del servizio di Psicologia dell’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze in collaborazione con il Servizio di Terapia del dolore e Cure Palliative e da poco pubblicato su “European Journal of Pediatrics”. […]
Depressione da stress, una molecola anti-neuroinfiammazione può controllare il disturbo
«Oggi il coinvolgimento del processo neuroinfiammatorio è dimostrato tanto nelle malattie neurodegenerative che nelle patologie neuropsichiatriche», spiega Salvatore Cuzzocrea, professore ordinario di Farmacologia all’Università di Messina
In Francia c’è una clinica dedicata alla salute mentale di medici e professionisti sanitari
ESCLUSIVA | Intervista allo psichiatra Thierry Javelot della clinica Le Gouz, che lavora con camici bianchi che combattono sempre più con stress e burnout: «Chi opera in sanità tende a non ammettere di essere malato e a non prendersi cura della propria salute. Finora abbiamo accolto soprattutto infermieri, ma i più esposti sono medici di famiglia e di Pronto soccorso»
Attacchi di panico addio! A Roma la presentazione del manuale per superarli
Improvvisamente manca il respiro, il cuore palpita talmente forte da sentirne la presenza e una sensazione di morte sopraggiunta fa sprofondare nel terrore: è molto probabile che si tratti di un attacco di panico. La prima volta la paura può prendere il sopravvento, ma il disturbo si può imparare a controllare. «Il disturbo da attacchi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...