Salute 16 Gennaio 2020

A Napoli le prime ambulanze con telecamere. Cisl Medici Lazio: «Bene così. Aumenterà la sicurezza»

«Complimenti al governatore della Campania. Aveva assicurato misure in tempi rapidi e se il buongiorno si vede dal mattino siamo sicuri che aumenteranno le condizioni di sicurezza dei lavoratori addetti all’emergenza», così in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio.

Lo aveva promesso e lo ha fatto. A Napoli è entrata in funzione la prima ambulanza dotata di telecamere esterne protette e nel giro di alcune settimane saranno numerose le ambulanze attrezzate in questo modo. Ci sarà una telecamera con tasto Sos di emergenza e gli operatori indosseranno una bodycam integrata nel giaccone di lavoro. «Complimenti al governatore della Campania. Aveva assicurato misure in tempi rapidi e se il buongiorno si vede dal mattino siamo sicuri che aumenteranno le condizioni di sicurezza dei lavoratori addetti all’emergenza», così in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio.

LEGGI: AGGRESSIONI, IN CAMPANIA ARRIVANO LE AMBULANZE HI-TECH CON GEO-LOCALIZZATORE E PULSANTE D’ALLARME

«Complimenti a Vincenzo De Luca governatore che solo pochi giorni fa aveva dichiarato che le aggressioni al personale sanitario non riguardano solo la Campania, non dipendono dalle liste di attesa troppo lunghe ma sono dettate da un senso di impunità da parte di chi compie questi atti: sono dei delinquenti. Conoscevamo poco di questo governatore e quello che conoscevamo era filtrato da una simpatica ma fuorviante imitazione televisiva. Certo non gli fa difetto il parlare chiaro e deciso. I termini senso di impunità e delinquenti li condividiamo in pieno avendoli peraltro evidenziati in molti dei nostri comunicati e delle interviste rilasciate a margine della nostra battaglia di civiltà contro le aggressioni ai medici. Ma non gli fa difetto neanche la capacità operativa visto che ha iniziato a dare risposte concrete e non si è limitato a convocare osservatori e comitati».

«Siamo vicini ai nostri colleghi della Cisl Medici Campania che continuano a fare sentire la loro voce in un contesto ambientale difficilissimo e per questo il loro impegno è ancora più apprezzato» conclude il comunicato della Cisl Medici Lazio che auspica l’adozione di misure concrete anche in questa regione.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Napoli, la Federico II lancia il Master in Vaccinologia. Boom di richieste tra i giovani medici
La direttrice del corso: «Forniamo agli operatori impegnati nelle attività di prevenzione tutti gli strumenti epidemiologici e di valutazione sull’efficacia dei vaccini e delle strategie vaccinali»
Ddl aggressioni, Cifaldi: «Occasione persa assenza obbligo aziende di costituirsi parte civile»
Alla Camera dei Deputati è saltato l’obbligo da parte delle Asl e delle aziende ospedaliere di procedere d’ufficio costituendosi parte civile nei processi che coinvolgono i medici e gli altri operatori sanitari vittime d’aggressione. LEGGI ANCHE: DDL AGGRESSIONI, VIA LIBERA DALLA CAMERA: PENE PIU SEVERE E MULTE FINO A 5MILA EURO. SALTA OBBLIGO DI COSTITUZIONE PARTE […]
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Cisl Medici Lazio
AO dei Colli (Napoli): «Ora non abbassare la guardia»
L’Azienda Ospedaliera dei Colli (Monaldi – Cotugno – CTO) non abbassa la guardia anche con la ripresa delle attività ordinarie. L’Ospedale Cotugno, polo infettivologico del Sud Italia, ha affrontato e affronta l’emergenza Covid in prima linea. Nonostante il numero dei ricoveri sia fortunatamente calato sia nei posti ordinari che di terapia intensiva e sub intensiva, […]
di Azienda Ospedaliera dei Colli
Specialistica ambulatoriale, la Regione convochi ai tavoli tutte le organizzazioni sindacali
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
Covid-19, da ricercatori Federico II nuova terapia per combattere il virus?
L’interleuchina 17 (IL-17) è implicata nelle complicazioni polmonari associate al Covid-19? È la domanda sollevata dal Dott. Gian Marco Casillo e da un gruppo di ricercatori guidati dal Prof. Nicola Mascolo e dal Dott. Francesco Maione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, in collaborazione con l’Università di Birmingham
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...