Salute 3 Dicembre 2019

A Milano il primo ospedale ‘rosa’ d’Italia, il Macedonio Melloni: dallo sviluppo puberale alla menopausa, tanti servizi per la salute della donna

La struttura nasce con il supporto di Fondazione Onda, da sempre attenta al tema della medicina di genere. Gallera (Assessore al Welfare Lombardia): «Le donne hanno reazioni diverse ai farmaci, hanno problematiche differenti da quelle degli uomini e se vogliamo curarle ed accompagnarle nel loro percorso di vita in maniera ottimale, dobbiamo mettere in campo misure diverse»

di Federica Bosco

Nasce a Milano il primo ospedale rosa in Italia: è il Macedonio Melloni, interamente dedicato alla salute della donna. Un primato che ancora una volta spetta a Regione Lombardia che, con l’Asst Fatebenefratelli Sacco, a cui appartiene l’ospedale Macedonio Melloni, e Fondazione Onda, ha puntato sulla medicina di genere con percorsi specifici nelle varie fasi della vita.

«Le donne verranno prese in carico – ha spiegato, a margine della conferenza stampa, Marisa Errico, Direttore medico di presidio del Fatebenefratelli Sacco –. Tutti i servizi saranno disponibili in un’unica struttura ospedaliera, nel caso specifico la Macedonio Melloni.  Siamo partiti con i primi quattro che sono i disturbi dello sviluppo puberale che interessa le ragazze sostanzialmente, una fascia di età compresa tra gli undici e i diciotto anni gestito da una pediatra che si avvale della collaborazione di un team costituito da una neuropsichiatra, da una ginecologa e da un’endocrinologa. Abbiamo poi istituito il percorso della poli-abortività che spesso è problematico per una donna, gestito da una ginecologa insieme a colleghi esperti nell’isteroscopia e in indagini specifiche, supportata da un immunologo internista, da un ematologo, da una genetista, da un neurologo. Abbiamo poi istituito il percorso donne in menopausa, coordinato da una ginecologa, ma supportato da un team che vede anche la figura del nutrizionista, dell’endocrinologo e dello psicologo ed infine abbiamo attivato il percorso salute e lavoro per cui offriamo alle donne con disagi lavorativi, una equipe del centro psiche donna. Ma ce ne sono altri che stiamo predisponendo, proprio perché una donna si senta accolta e seguita. La differenza sostanziale sta nel fatto che qui non facciamo la prenotazione di una visita, ma un team prende in carico la donna e si preoccuperà di fissare i controlli, gli esami necessari alla formulazione corretta della diagnosi e quindi la terapia migliore».

LEGGI ANCHE: OSTEOPATIA E LOGOPEDIA PER I PREMATURI, AL MACEDONIO MELLONI PRIMO PROGETTO IN ITALIA. SILVIA DI CHIO: «COSÌ AIUTIAMO I PICCOLI A TORNARE A CASA PRIMA»

A fianco del presidio ospedaliero Fatebenefratelli Sacco c’è Fondazione Onda, da tempo impegnata per l’emisfero femminile con i Bollini Rosa, il riconoscimento agli ospedali attenti alla prevenzione, diagnosi e cura delle malattie femminili.

«Il nostro progetto era basato sulla realizzazione di una struttura che si ispirasse al Brigham and Women Hospital di Boston – ha voluto sottolineare Francesca Merzagora Presidente di Fondazione Onda – e questo è l’anno di maturazione, anche perché è stata approvata la legge sulla medicina di genere e siamo il primo paese d’Europa a sviluppare un progetto di questo tipo».

«Questo è l’inizio di un percorso che vedrà altre strutture all’avanguardia in Regione Lombardia – ha confermato l’assessore al Welfare di regione Lombardia Giulio Gallera. – Siamo molto soddisfatti di questa partnership con Fondazione Onda che ci ha aiutato e accompagnato in questa specializzazione. La medicina di precisione personalizzata è una delle grandi aree su cui noi stiamo investendo molto, stiamo per creare un IRCCS che è il San Gerardo di Monza, che avrà proprio tra le sue caratteristiche la medicina di precisione e non c’è, per ora, medicina di precisione maggiormente definita se non quella di genere perché le donne hanno reazioni diverse ai farmaci, hanno problematiche differenti da quelle degli uomini e se vogliamo curarle ed accompagnarle nel loro percorso di vita in maniera ottimale, dobbiamo mettere in campo misure diverse da quelle fatte per gli uomini. All’interno dell’ospedale Macedonio Melloni, oltretutto c’è l’Università e quindi questo ci aiuta a fare formazione, ricerca e ad offrire un’assistenza sempre più mirata ed attenta ai bisogni specifici delle donne in maniera multidisciplinare».

Articoli correlati
Bernardo (Fatebenefratelli Sacco Milano): «Il nostro reparto Covid 19 help modello per la sanità del futuro»
La Sanità Lombarda dall’inizio di marzo è  stata duramente ed improvvisamente messa alla prova dalla pandemia da SARS COV2. Gli ospedali pubblici sono stati letteralmente messi in ginocchio dal grande afflusso di pazienti e dalla relativa assenza di un sufficiente numero di posti letto. Dopo una lunga riflessione e pianificazione attenta ho deciso di convertire […]
di Luca Bernardo, Fatebenefratelli Sacco Milano
Covid-19, all’ospedale di Codogno contagiate 5 persone tra medici e infermieri
Chiusi uffici, scuole e negozi in dieci comuni del lodigiano e a Vo' Euganeo. Zaia: «Svuoteremo l'ospedale di Schiavonia dove erano ricoverati i due casi confermati in Veneto». Anelli: «Proteggere i medici». Speranza: «L'Italia è pronta»
Lombardia, presentate le Regole 2020: assunzioni, rinnovamento ospedali e investimenti su liste d’attesa
Previsti due milioni per l’assistenza domiciliare integrata, tre in più per le cure palliative e novità su telemedicina. Lunedì l’esame in Giunta. Gallera (assessore Welfare): «Interventi specifici nella prevenzione, autismo e neuropsichiatria infantile»
di Federica Bosco
#DestinazioneSanità | Lombardia, come tutelare un’eccellenza: istruzioni per l’uso
La nuova puntata del reportage #DestinazioneSanità, in collaborazione con il sindacato CIMO, è dedicata ad uno dei sistemi sanitari più qualificati d’Europa, quello lombardo. Abbiamo visitato gli ospedali, parlato con i medici e incontrato le istituzioni. Quello che ne è emerso è un quadro in chiaroscuro e un libretto di istruzioni dal titolo: come tutelare un’eccellenza
Time4child, a Milano l’Expo dei bambini. Gallera (Welfare Lombardia): «A giorni la firma per nuovi centri di eccellenza per i più piccoli»
Dal 7 al 17 maggio 2020 nell’ex area Expo si parlerà di nutrizione, mente, salute e sostenibilità dei più piccoli
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 13 luglio, sono 12.910.357 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 569.128 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 12 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)