Salute 30 Maggio 2019

Congresso Sie, il presidente Vitti: «Diabete, obesità, disturbi della menopausa e malattie tiroidee: passi in avanti con i nuovi farmaci»

Ampio spazio ai giovani professionisti ed all’aggiornamento clinico, il presidente Sie: «Simposi di formazione per interagire con i maggiori specialisti del settore e sessioni dedicate alla presentazione delle migliori ricerche in endocrinologia»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Riduce l’aspettativa di vita mediamente di 13 anni e rappresenta circa il 7% della spesa totale della sanità pubblica. È l’obesità, una patologia multifattoriale, difficile da prevenire e contrastare, che colpisce 11 italiani su 100, con un tasso che sale al 30% se si considerano gli individui in sovrappeso. Un problema sanitario enorme e in progressivo aumento a cui la Società Italiana di Endocrinologia ha deciso di dedicare ampio spazio durante il 40° Congresso nazionale, in corso in questi giorni a Roma.

«Le nuove terapie nel campo dell’obesità e delle malattie metaboliche in genere – commenta Paolo Vitti, presidente della Società Italiana di Endocrinologia (Sie) e direttore del Centro clinico di endocrinologia e azienda ospedaliero-universitaria di Pisa – interessano un numero davvero elevato di persone. Per questo, il nostro Congresso non poteva che essere un’importante occasione di aggiornamento sui meccanismi alla base di questa malattia e sui nuovi aspetti nutrizionali e terapeutici: dalle indicazioni e controindicazioni delle diete chetogeniche, fino all’efficacia dei nuovi farmaci già sul mercato (come liraglutide ed associazione tra bupripione e naltrexone) e quelli che sono all’orizzonte per il trattamento dell’obesità».

Ad inaugurare il  40° Congresso Nazionale della Società Italiana di Endocrinologia è stato Jens Bollerslev, professore presso il dipartimento di Endocrinologia, Obesità e Medicina Preventiva di Oslo. Un’occasione per esperti italiani ed internazionali di discutere delle più recenti evidenze scientifiche in tema di: tireopatie, obesità, diabete mellito, patologie delle ghiandole surrenali, osteoporosi e metabolismo calcio-fosforo, malattia ipofisaria, patologie andrologiche e degli assi gonadici, neuroendocrinologia ed endocrinologia oncologica, solo per citarne alcune.

«Tra i principali argomenti trattati – continua il presidente Sie – l’efficacia dei nuovi farmaci per la cura del diabete, per il trattamento della donna in menopausa, fino agli ultimi orientamenti in campo diagnostico e terapeutico delle patologie tiroidee».

Il Congresso ha riservato ampio spazio anche all’aggiornamento clinico: «La formazione – sottolinea Vitti – è uno degli ambiti a cui le nostre società scientifiche prestano maggiore attenzione. I Congressi Nazionali sono molto utili per l’aggiornamento dei professionisti e per questo abbiamo organizzato simposi, incontri con gli esperti che offrono la possibilità a tutti i partecipanti di interagire con i maggiori professionisti del settore».

I più giovani avranno la possibilità di portare i risultati delle loro ricerche in 12 sessioni di comunicazioni orali e sessioni poster che verranno discusse con l’autore e con moderatori esperti. «In tutto – aggiunge il presidente Sie – sono stati presentati oltre 500 lavori, tra i quali la nostra commissione scientifica ha selezionato i migliori».

Un’attenzione particolare è stata dedicata anche all’interazione dell’endocrinologia con le altre discipline: dalla ginecologia alla pediatria, dalla geriatria alla medicina di laboratorio, dalla medicina di genere a quella del benessere, dalla medicina ambientale a quella sociale. «L’endocrinologia è una materia trasversale – spiega Vitti – per cui abbiamo il dovere di confrontarci con gli altri specialisti. Infatti, è stato proprio questo uno dei principali obiettivi che ho perseguito in questi miei due anni di presidenza. In sinergia con le altre società scientifiche abbiamo dato vita a progetti comuni che hanno portato alla stesura di protocolli e nuove linee guida di comportamento sia diagnostico che terapeutico. Molti dei quali già pubblicati su importanti riviste scientifiche».

A chiudere i lavori del Congresso, nella giornata del 1giugno, saranno quattro sessioni contemporanee dedicate rispettivamente alla terapia cellulare per il diabete, all’infertilità maschile, al carcinoma della tiroide ed ai casi difficili di ipertiroidismo. A seguire, premiazioni e conclusioni.

Articoli correlati
Ricerca, Di Francesco (Gruppo Chiesi): «Sviluppo farmaci richiede 12-15 anni, servono regole certe nel tempo»
In occasione dell’incontro “La ricerca e l’innovazione italiana, il valore della sostenibilità” il CEO del gruppo farmaceutico Ugo Di Francesco racconta il percorso che ha portato alla certificazione B Corporation: «Significa che l’azienda deve operare con un modello che da un lato deve generare un profitto e ritorno per gli azionisti ma allo stesso tempo deve restituire e generare valore per il mondo esterno»
Prevenzione, il cardiologo Savonitto: «Pazienti cardiovascolari, ecco perché fare attività fisica è importante»
Il direttore della Cardiologia all’Ospedale Manzoni di Lecco traccia il quadro delle attività di prevenzione su ipertensione, ipercolesterolemia, diabete  e malattie del cuore: «Sull’ipertensione arteriosa è importante andare avanti nella terapia con degli obiettivi pressori che non sono molto diversi da quelli del soggetto più giovane»
Obesità, Mautone (M5S): «Si vince con dieta mediterranea. Pronto Ddl per promuoverla»
Una buona educazione alimentare - sottolinea Mautone - inizia quando ci si siede a tavola, fin da piccini, ma i benefici di un corretto stile di vita alimentare si avranno poi per tutta la vita»
Un bimbo su tre obeso: è il triste primato dell’Italia. Al via la campagna di Helpcode contro la malnutrizione infantile
In vista delle Giornate mondiali contro l’obesità (10 ottobre) e dell’alimentazione (16 ottobre), l’Ong pubblica la seconda edizione del report sulla malnutrizione infantile. In contemporanea torna la campagna #ceraunavoltalacena per accendere i riflettori sulle pericolose conseguenze della malnutrizione sulla salute dei più piccoli.  Claudia Gerini testimonial d’eccezione
Noduli tiroidei, intervento chirurgico necessario solo nel 5% dei casi. Guglielmi (Ame): «Evitare eccesso interventismo»
«Esistono metodiche alternative alla chirurgia che sono collaudate ed efficaci per i noduli tiroidei benigni». L’intervista al dottor Rinaldo Guglielmi, direttore della struttura complessa di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo dell’Ospedale Regina Apostolorum, a margine del convegno “Thyroid UpToDate” organizzato dall’Associazione medici endocrinologi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...