Salute 30 Maggio 2019

Congresso Sie, il presidente Vitti: «Diabete, obesità, disturbi della menopausa e malattie tiroidee: passi in avanti con i nuovi farmaci»

Ampio spazio ai giovani professionisti ed all’aggiornamento clinico, il presidente Sie: «Simposi di formazione per interagire con i maggiori specialisti del settore e sessioni dedicate alla presentazione delle migliori ricerche in endocrinologia»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Riduce l’aspettativa di vita mediamente di 13 anni e rappresenta circa il 7% della spesa totale della sanità pubblica. È l’obesità, una patologia multifattoriale, difficile da prevenire e contrastare, che colpisce 11 italiani su 100, con un tasso che sale al 30% se si considerano gli individui in sovrappeso. Un problema sanitario enorme e in progressivo aumento a cui la Società Italiana di Endocrinologia ha deciso di dedicare ampio spazio durante il 40° Congresso nazionale, in corso in questi giorni a Roma.

«Le nuove terapie nel campo dell’obesità e delle malattie metaboliche in genere – commenta Paolo Vitti, presidente della Società Italiana di Endocrinologia (Sie) e direttore del Centro clinico di endocrinologia e azienda ospedaliero-universitaria di Pisa – interessano un numero davvero elevato di persone. Per questo, il nostro Congresso non poteva che essere un’importante occasione di aggiornamento sui meccanismi alla base di questa malattia e sui nuovi aspetti nutrizionali e terapeutici: dalle indicazioni e controindicazioni delle diete chetogeniche, fino all’efficacia dei nuovi farmaci già sul mercato (come liraglutide ed associazione tra bupripione e naltrexone) e quelli che sono all’orizzonte per il trattamento dell’obesità».

Ad inaugurare il  40° Congresso Nazionale della Società Italiana di Endocrinologia è stato Jens Bollerslev, professore presso il dipartimento di Endocrinologia, Obesità e Medicina Preventiva di Oslo. Un’occasione per esperti italiani ed internazionali di discutere delle più recenti evidenze scientifiche in tema di: tireopatie, obesità, diabete mellito, patologie delle ghiandole surrenali, osteoporosi e metabolismo calcio-fosforo, malattia ipofisaria, patologie andrologiche e degli assi gonadici, neuroendocrinologia ed endocrinologia oncologica, solo per citarne alcune.

«Tra i principali argomenti trattati – continua il presidente Sie – l’efficacia dei nuovi farmaci per la cura del diabete, per il trattamento della donna in menopausa, fino agli ultimi orientamenti in campo diagnostico e terapeutico delle patologie tiroidee».

Il Congresso ha riservato ampio spazio anche all’aggiornamento clinico: «La formazione – sottolinea Vitti – è uno degli ambiti a cui le nostre società scientifiche prestano maggiore attenzione. I Congressi Nazionali sono molto utili per l’aggiornamento dei professionisti e per questo abbiamo organizzato simposi, incontri con gli esperti che offrono la possibilità a tutti i partecipanti di interagire con i maggiori professionisti del settore».

I più giovani avranno la possibilità di portare i risultati delle loro ricerche in 12 sessioni di comunicazioni orali e sessioni poster che verranno discusse con l’autore e con moderatori esperti. «In tutto – aggiunge il presidente Sie – sono stati presentati oltre 500 lavori, tra i quali la nostra commissione scientifica ha selezionato i migliori».

Un’attenzione particolare è stata dedicata anche all’interazione dell’endocrinologia con le altre discipline: dalla ginecologia alla pediatria, dalla geriatria alla medicina di laboratorio, dalla medicina di genere a quella del benessere, dalla medicina ambientale a quella sociale. «L’endocrinologia è una materia trasversale – spiega Vitti – per cui abbiamo il dovere di confrontarci con gli altri specialisti. Infatti, è stato proprio questo uno dei principali obiettivi che ho perseguito in questi miei due anni di presidenza. In sinergia con le altre società scientifiche abbiamo dato vita a progetti comuni che hanno portato alla stesura di protocolli e nuove linee guida di comportamento sia diagnostico che terapeutico. Molti dei quali già pubblicati su importanti riviste scientifiche».

A chiudere i lavori del Congresso, nella giornata del 1giugno, saranno quattro sessioni contemporanee dedicate rispettivamente alla terapia cellulare per il diabete, all’infertilità maschile, al carcinoma della tiroide ed ai casi difficili di ipertiroidismo. A seguire, premiazioni e conclusioni.

Articoli correlati
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
Fase 2, Guastamacchia (AME): «Dal 20 al 50% dei pazienti contagiati dal Covid-19 sono diabetici»
Gli endocrinologi: «Per diabetici fondamentale controllo glicemia e rispetto norme sicurezza»
Cellule Staminali Cordonali salvano un paziente con leucemia a Vicenza
Un paziente affetto da leucemia, in gravi condizioni dopo il trapianto di midollo osseo, è stato salvato grazie alle cellule staminali del cordone ombelicale. Le cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale salvano ancora vite. L’Italia si sta aprendo a queste nuove terapie. Lo sta facendo in quelle Cell Factory che possono produrre farmaci a base di cellule staminali. […]
di Dott.ssa Pierangela Totta, Responsabile Scientifica Futura Stem Cells
Fadoi: «Un paziente covid su quattro è diabetico ed ha una prognosi peggiore»
Gli esperti: «Al momento del ricovero fondamentale stratificare il rischio cardiovascolare». Da Easd e Fadoi le raccomandazioni per le cure in ospedale
Epilessia e lockdown, problemi per il 40% dei pazienti. L’indagine LICE
Dal sondaggio condotto dalla lega italiana contro l’epilessia, emerge che su circa 1000 persone, di cui la metà affetti da epilessia, quasi 2 pazienti su 10 hanno manifestato il peggioramento dei propri sintomi durante la quarantena. Visite bloccate e difficoltà di gestire il follow-up della propria malattia per quasi 1 paziente su 2
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 de...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...