Salute 30 Maggio 2019 11:53

Congresso Sie, il presidente Vitti: «Diabete, obesità, disturbi della menopausa e malattie tiroidee: passi in avanti con i nuovi farmaci»

Ampio spazio ai giovani professionisti ed all’aggiornamento clinico, il presidente Sie: «Simposi di formazione per interagire con i maggiori specialisti del settore e sessioni dedicate alla presentazione delle migliori ricerche in endocrinologia»

di Isabella Faggiano
Congresso Sie, il presidente Vitti: «Diabete, obesità, disturbi della menopausa e malattie tiroidee: passi in avanti con i nuovi farmaci»

Riduce l’aspettativa di vita mediamente di 13 anni e rappresenta circa il 7% della spesa totale della sanità pubblica. È l’obesità, una patologia multifattoriale, difficile da prevenire e contrastare, che colpisce 11 italiani su 100, con un tasso che sale al 30% se si considerano gli individui in sovrappeso. Un problema sanitario enorme e in progressivo aumento a cui la Società Italiana di Endocrinologia ha deciso di dedicare ampio spazio durante il 40° Congresso nazionale, in corso in questi giorni a Roma.

«Le nuove terapie nel campo dell’obesità e delle malattie metaboliche in genere – commenta Paolo Vitti, presidente della Società Italiana di Endocrinologia (Sie) e direttore del Centro clinico di endocrinologia e azienda ospedaliero-universitaria di Pisa – interessano un numero davvero elevato di persone. Per questo, il nostro Congresso non poteva che essere un’importante occasione di aggiornamento sui meccanismi alla base di questa malattia e sui nuovi aspetti nutrizionali e terapeutici: dalle indicazioni e controindicazioni delle diete chetogeniche, fino all’efficacia dei nuovi farmaci già sul mercato (come liraglutide ed associazione tra bupripione e naltrexone) e quelli che sono all’orizzonte per il trattamento dell’obesità».

Ad inaugurare il  40° Congresso Nazionale della Società Italiana di Endocrinologia è stato Jens Bollerslev, professore presso il dipartimento di Endocrinologia, Obesità e Medicina Preventiva di Oslo. Un’occasione per esperti italiani ed internazionali di discutere delle più recenti evidenze scientifiche in tema di: tireopatie, obesità, diabete mellito, patologie delle ghiandole surrenali, osteoporosi e metabolismo calcio-fosforo, malattia ipofisaria, patologie andrologiche e degli assi gonadici, neuroendocrinologia ed endocrinologia oncologica, solo per citarne alcune.

«Tra i principali argomenti trattati – continua il presidente Sie – l’efficacia dei nuovi farmaci per la cura del diabete, per il trattamento della donna in menopausa, fino agli ultimi orientamenti in campo diagnostico e terapeutico delle patologie tiroidee».

Il Congresso ha riservato ampio spazio anche all’aggiornamento clinico: «La formazione – sottolinea Vitti – è uno degli ambiti a cui le nostre società scientifiche prestano maggiore attenzione. I Congressi Nazionali sono molto utili per l’aggiornamento dei professionisti e per questo abbiamo organizzato simposi, incontri con gli esperti che offrono la possibilità a tutti i partecipanti di interagire con i maggiori professionisti del settore».

I più giovani avranno la possibilità di portare i risultati delle loro ricerche in 12 sessioni di comunicazioni orali e sessioni poster che verranno discusse con l’autore e con moderatori esperti. «In tutto – aggiunge il presidente Sie – sono stati presentati oltre 500 lavori, tra i quali la nostra commissione scientifica ha selezionato i migliori».

Un’attenzione particolare è stata dedicata anche all’interazione dell’endocrinologia con le altre discipline: dalla ginecologia alla pediatria, dalla geriatria alla medicina di laboratorio, dalla medicina di genere a quella del benessere, dalla medicina ambientale a quella sociale. «L’endocrinologia è una materia trasversale – spiega Vitti – per cui abbiamo il dovere di confrontarci con gli altri specialisti. Infatti, è stato proprio questo uno dei principali obiettivi che ho perseguito in questi miei due anni di presidenza. In sinergia con le altre società scientifiche abbiamo dato vita a progetti comuni che hanno portato alla stesura di protocolli e nuove linee guida di comportamento sia diagnostico che terapeutico. Molti dei quali già pubblicati su importanti riviste scientifiche».

A chiudere i lavori del Congresso, nella giornata del 1giugno, saranno quattro sessioni contemporanee dedicate rispettivamente alla terapia cellulare per il diabete, all’infertilità maschile, al carcinoma della tiroide ed ai casi difficili di ipertiroidismo. A seguire, premiazioni e conclusioni.

Articoli correlati
L’olio evo contrasta diabete, ipertensione e sindrome metabolica
L'olio extravergine di oliva (Evo) gioca un ruolo chiave nel contrastare l'insorgenza delle patologie cronico-degenerative non trasmissibili come il diabete mellito, l'ipertensione arteriosa, la sindrome metabolica, i tumori, le malattie a carico del sistema nervoso e la malattia renale cronica. Lo confermano le ricerche condotte e in corso all'Università degli Studi di Roma Tor Vergata
di V.A.
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni
Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste sono le conclusioni di uno studio dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), pubblicato sulla rivista Diabetologia
Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”
Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances
Obesità: messa a punto pillola “vibrante” che induce lo stomaco a sentirsi pieno
Un gruppo internazionale di ricercatori ha messo a punto una pillola "vibrante" che, una volta ingerita, stimola le terminazioni nervose dello stomaco e comunica al cervello che è ora di smettere di mangiare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...