Professioni Sanitarie 8 Luglio 2019

#UnGiornoCon | Assistente Sociale. Dentro le fragilità: il viaggio di Adelard, dalla Nigeria all’Italia fino alla diagnosi di tumore incurabile

Il lavoro di un assistente sociale all’interno di un hospice di cure palliative. Chiara Pilotti (assistente sociale): «Il nostro intervento in un contesto del genere è una corsa contro il tempo. Ce n’è pochissimo dal primo contatto al decesso del paziente: in media abbiamo a disposizione circa venti giorni per organizzare l’intera assistenza»

di Isabella Faggiano

Adelard ha 28 anni ed è arrivato in Italia dalla Nigeria da circa quattro anni. Il suo è stato un vero e proprio viaggio della speranza, durante il quale ha vissuto tutte le peripezie che affrontano i migranti che sbarcano in Italia, passando dalla Libia. Ma quando il suo viaggio era finalmente finito, Adelard non poteva sapere che il peggio doveva ancora arrivare: una diagnosi di tumore epatico in fase avanzata. In altre parole, un male incurabile.

Adelard, ora, è ricoverato in un hospice per le cure palliative romano, Antea. Ed è qui che abbiamo incontrato Chiara Pilotti, l’assistente sociale che sta seguendo la sua vicenda. È lei che, ai microfoni di Sanità Informazione, ci ha raccontato questa vicenda per aiutarci a comprendere al meglio il lavoro dell’assistente sociale in un contesto sanitario dedito alle cure palliative, un approccio che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, “è volto a migliorare il più possibile la qualità della vita di persone colpite da malattie inguaribili e delle loro famiglie, attraverso la prevenzione e il sollievo dalla sofferenza”.

Nel rispetto della privacy di Adelard (il nome è di fantasia) abbiamo chiesto alla dottoressa Pilotti di modificare, nel corso del racconto, tutti i suoi dati sensibili per evitarne l’identificazione. Particolari che, pur tutelando la vita privata del giovane, non ci impediscono di comprendere appieno il lavoro svolto dall’assistente sociale.

In particolare, il giorno in cui abbiamo varcato la soglia di Antea, Chiara Pilotti era impegnata proprio nell’aiutare Adelard. «L’intervento dell’assistente sociale in un contesto di cure palliative – racconta la professionista sanitaria – è una corsa contro il tempo. Ce n’è pochissimo dal primo contatto al decesso del paziente: in media abbiamo a disposizione circa venti giorni per organizzare l’intera assistenza».

Nel caso di Adelard sono due le priorità da affrontare: «Contattare un mediatore culturale e cercare di far arrivare la sorella dalla Nigeria, affinché possa ricevere l’affetto di cui ha bisogno», dice l’assistente sociale. Con il giovane nigeriano è difficile comunicare e non è solo un problema di lingua: «Oltre alla patologia oncologica, Adelard è affetto anche da una psicosi importante – spiega Pilotti – che ci impedisce di comunicare con lui. È chiuso in un mutismo assoluto».

Come Adelard sono tante le persone affette da patologie cronico-degenerative che non possono essere più trattate in maniera attiva con chemio, radio, terapie sperimentali, o interventi chirurgici, ma che allo stesso tempo hanno bisogno di essere seguiti durante tutta la fase avanzata della loro malattia. «È per questo – continua Pilotti – che effettuiamo una presa in carico globale della persona, intervenendo su tutte le forme di dolore che possono caratterizzare questo stadio terminale della patologia».

L’hospice di Antea accoglie un massimo di 25 persone, ma riserva l’assistenza domiciliare ad un numero 4 volte superiore di malati, ed anche oltre. «Il primo colloquio informativo-conoscitivo lo offriamo a tutti coloro che si rivolgono a noi – dice l’assistente sociale -. Ma il nostro intervento si concentra in particolare sulle situazioni di maggiore fragilità: nuclei familiari composti da coniugi molto anziani affetti da patologie differenti, una delle quali incurabile, famiglie costituite da un genitore rimasto vedovo precocemente che, in fase avanzata di malattia, si preoccupa di poter garantire una tutela sotto tutti i punti di vista al figlio che rimarrà solo al suo decesso. Ancora, ci prendiamo cura di persone con disabilità congenite, patologie psichiatriche o di minori in fin di vita, per i quali si attiva un’equipe specializzata in cure palliative pediatriche».

Anche quando si arriva al terribile seppur inevitabile esito, quello del decesso, il lavoro dell’assistente sociale che opera nel contesto delle cure palliative continua: «Ci occupiamo anche della gestione del lutto – spiega l’esperta – o, nel caso di un paziente straniero, del rimpatrio della salma, oppure dell’affidamento di minori soli o di anziani affetti da demenza ai servizi territoriali di competenza».

E, intanto, mentre la dottoressa Pilotti continua a racconta il suo lavoro, facendoci visitare l’intera struttura, la vita nell’hospice va avanti: per tutti gli ospiti di Antea è giunta l’ora della terapia occupazionale. Nel frattempo, è arrivato anche il mediatore culturale incaricato del caso di Adelard. Trattandosi di un incontro delicato, al quale possono prendere parte solo gli addetti ai lavori, spegniamo le telecamere e ci dirigiamo verso l’uscita, lasciando che l’equipe di cure palliative possa lavorare in tranquillità, per sostenere al meglio Adelard verso la fine del suo viaggio.

Articoli correlati
Cure palliative, Gobber (SICP): «La rete di assistenza ai malati terminali ha retto al potente impatto della pandemia»
Gli obiettivi del neo presidente della Società Italiana di Cure Palliative: «Attivare la scuola di specializzazione, incrementare la ricerca e dare visibilità ai giovani colleghi»
di Isabella Faggiano
«Quante notti insonni durante il lockdown. Ma nostra missione è prendere in carico ogni storia di vita». Il racconto di un’assistente sociale
Valentina Bellafante (ASL di Pescara) ripercorre i difficili momenti della prima ondata Covid e spiega le differenze con la seconda. Tante le storie difficili: «Penso a quei fratelli gravemente psichiatrici, rimasti soli al mondo, ai quali tra le mura domestiche è improvvisamente mancata per Covid la sorella-tutrice»
Il dilemma delle persone fragili: «Autolockdown o vita ai limiti del consentito?»
Lo psicologo: «Serve un patto di fiducia universale, i malati non devono sentirsi in pericolo accanto agli altri»
di Isabella Faggiano
«Dalle cure palliative alle cure simultanee, così accompagniamo i pazienti negli ultimi mesi di vita»
Viaggio in un hospice con Priscilla Landucci, medico di cure palliative alla Asl Roma 4, delegato di Cisl Medici Lazio
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
“Anziani. Diritti e tutele senza età”: un libro per ripensare l’assistenza sanitaria e sociosanitaria mettendo al centro la persona
Nel libro - ideato dall'avvocato Laila Perciballi - il supporto all'idea dell’amministratore di sostegno da nominare quando necessario per aiutare i nostri nonni a vivere nelle loro case, nel proprio tessuto famigliare e sociale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli