Professioni Sanitarie 8 Marzo 2022 15:35

Tiflologo: ecco chi è e che cosa fa

Il tiflologo lavora in stretta connessione con l’ambiente in cui vivono i soggetti con disabilità visiva e con le persone che frequenta. Tranfa (tiflologa): «A tutte le figure coinvolte nel percorso di crescita e formazione dell’individuo ipovedente o non vedente offriamo la possibilità di apprendere metodologie specifiche e strategie che possano facilitare e favorire il percorso educativo»

Aiuta le persone con disabilità visive nel loro percorso di educazione e istruzione. Lo fa da decenni, ma ancora non ha ottenuto una definizione del suo profilo professionale, né del suo percorso formativo e non ha uno specifico albo professionale. Si tratta del tiflologo, un professionista attivo soprattutto in ambito scolastico, dagli asili nido fino alle scuole di ogni ordine.
Per chiarire quali siano le sue mansioni e competenze, la sua formazione e i luoghi in cui opera ci siamo rivolti all’Istituto dei Ciechi di Milano, un punto di riferimento d’eccellenza per le disabilità visive, attivo fin dalla prima metà dell’800.

Chi è il tiflologo

«Il Tiflologo – spiega Valeria Tranfa, tiflologa, coordinatrice del servizio di consulenza Tiflologica dell’Istituto dei Ciechi di Milano – è un professionista, un pedagogista specializzato nelle aree educative, tiflopedagogiche e tiflodidattiche con comprovata esperienza nell’ambito della disabilità visiva». Il tiflologo non lavora da solo, ma in stretta connessione con l’ambiente in cui vive il disabile e con le persone che frequenta sia in ambito familiare, che sociale o scolastico. «Il tiflologo – continua Tranfa – svolge il suo ruolo coordinandosi costantemente con la famiglia, l’assistente alla comunicazione, gli educatori, i docenti e tutti gli specialisti, dai medici ai professionisti sanitari, che seguono il paziente».

Cosa fa

«Il Tiflologo, comprendendo l’impatto che il deficit visivo ha sulla percezione della realtà e sullo sviluppo psicomotorio del disabile, è in grado di fornire indicazioni utili e coerenti alla definizione del Piano Individuale, in sintonia con il percorso educativo». Gli strumenti utili allo sviluppo delle capacità e delle competenze della persona con disabilità visiva, non vengono forniti solo al diretto interessato, ma anche a chi si prende cura di lui e della sua educazione e formazione. «A tutte le figure coinvolte nel percorso di crescita e di formazione dell’individuo ipovedente o non vedente offriamo la possibilità di apprendere metodologie specifiche e strategie che possano facilitare e favorire il percorso educativo. L’apprendimento della letto-scrittura ad esempio – sottolinea la coordinatrice del servizio di consulenza Tiflologica dell’Istituto dei Ciechi di Milano – avviene attraverso l’utilizzo di specifici sistemi, come il braille, o tecnologie, come i computer con display braille o screen reader per i non vedenti, software ingrandente o ausili ottici, elettronici, informatici, digitali e altro materiale tiflodidattico per la lettura degli ipovedenti».

L’interazione con l’ambiente

Così come le persone affette da disabilità visive acquisiscono gli strumenti per adeguarsi agli ambienti della vita quotidiana, allo stesso modo, anche i luoghi devono essere adeguati alle peculiarità dell’individuo che li frequenta. «Il Tiflologo offre indicazioni operative alle famiglie, suggerendo le giuste strategie per garantire un passaggio armonico tra l’ambiente domestico e quello scolastico, con particolare attenzione agli aspetti relazionali e comunicativi. Il Tiflologo si integra nelle Istituzioni Scolastiche e Formative contribuendo a costruire e a realizzare gli obiettivi del Piano Educativo Individualizzato (P.E.I.).

L’evoluzione tecnologica

A partire dalla fine degli anni ’80, a seguito dell’evoluzione tecnologica e dell’introduzione dell’informatica in ambito scolastico, è stato necessario individuare percorsi specifici di apprendimento che permettessero ai ragazzi con disabilità visiva di rimanere a passo coi tempi. «Un’innovazione – conclude la tiflologa – che gli ha permesso di accedere a strumenti, come un dizionario o un vocabolario della lingua italiana, fino a quel momento completamente inaccessibili ai non vedenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
UNID, Luperini nuovo presidente. Dai Quaderni dell’Igienista dentale al Progetto Grazia, le iniziative in corso
Maurizio Luperini sostituisce Domenico Tomassi, alla guida per tre anni. «Vogliamo dedicarci alla formazione, avremo una sessione ad hoc dedicata a ricerca e sviluppo»
«TSRM è tecnologia, assistenza e umanizzazione delle cure». Parla la presidente FASTeR Patrizia Cornacchione
La FASTeR, Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia, riunisce sette associazioni scientifiche di Tecnici di Radiologia ed è impegnata nel promuovere qualsiasi tipo di formazione che possa finalizzare la crescita della professione. Il Presidente: «La nostra professione attualmente non ha ancora dei colleghi con ruoli accademici incardinati nelle università, stiamo lavorando su questo».
Il ruolo della professione ostetrica per la prevenzione: dall’autopalpazione del seno al pap test
Finale (FNOPO): «Nella pratica osserviamo il Piano Nazionale di prevenzione 2020-25, mettendo in atto tutte le direttive che le Regioni declinano localmente ed offriamo alle donne gli strumenti necessari affinché possano tutelare la propria salute attraverso azioni di prevenzione»
Corsa delle Professioni Sanitarie 2022: la salute corre per Unicef
In più di 100 al Parco di Monza per l’evento organizzato dall’Ordine TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio. Il Presidente dell’Ordine Diego Catania: «Siamo la forza del SSN, ora ci presentiamo alla cittadinanza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa