Professioni Sanitarie 25 Febbraio 2019

Terapisti occupazionali, Michele Senatore (Aito): «Aiutiamo la persona a riacquistare dignità e autonomia nel proprio contesto di vita»

I professionisti inclusi nella legge Lorenzin ma esclusi dalla Gelli-Bianco. il presidente Aito, Associazione Italiana Terapisti Occupazionali: «Vorremmo avere la possibilità di essere riammessi. L’attuale esclusione impedisce alla nostra Associazione di stilare le linee guida che definiscono le competenze del terapista occupazionale»

di Isabella Faggiano

«Alla soglia dei 60 anni un ictus lo ha reso disabile. A causa della malattia ha dovuto rinunciare al suo lavoro di medico. Presto è arrivata anche la depressione, il rifiuto di alzarsi dal letto, di lavarsi, di svolgere anche le più semplici attività quotidiane». È Michele Senatore, presidente dell’Associazione Italiana Terapisti Occupazionali, Aito, a raccontare la storia di uno dei pazienti che, grazie all’aiuto del terapista occupazionale, ha ritrovato la sua voglia di vivere.

«Condurre l’individuo verso la massima autonomia di cui è capace – ha spiegato Senatore – è tra le nostre principali attività. Il nostro motto è il “fare”: lavoriamo attraverso attività di vita quotidiana, ludiche e ricreative. Aiutiamo la persona a riacquistare la sua dignità nel proprio contesto di vita». Ed è proprio grazie a questo percorso, un cammino alla riconquista di autonomia e dignità, che il 60enne colpito da ictus ha ripreso in mano la sua esistenza. «Durante i nostri colloqui – ha raccontato il presidente Aito – abbiamo cercato di far riemergere una sua vecchia passione, uno stimolo che lo inducesse ad alzarsi da quel letto. Ben presto, ha ricordato quei giorni della sua adolescenza trascorsi ad impagliare sedie. Ha voluto ricominciare a dedicarsi a questo hobby e, per farlo, ha dovuto imparare a prendersi cura di sé – a lavarsi, a vestirsi, a preparare la colazione – facendo i conti con le disabilità cognitive e fisiche acquisite dopo l’ictus. Pian piano, poi, si è spinto anche oltre, verso un’indipendenza maggiore: ha voluto varcare la soglia di casa per imparare ad uscire e comprare, in totale autonomia, tutto l’occorrente necessario al suo hobby».

Così come previsto da D.M. 136 del ‘97 il terapista occupazionale provvede, oltre che alla riabilitazione ed alla cura, anche alla prevenzione. Questa categoria di professionisti sanitari è ormai “ordinata” dalla legge Lorenzin e, quindi, sottoposta all’ obbligo di istituire un proprio albo: «Siamo attivi in tutte le Regioni per sostenere la costituzione del nuovo assetto professionale – ha detto Senatore -. Contemporaneamente – ha continuato il Presidente Aito – siamo impegnati anche sul fronte della legge Gelli-Bianco. Il 6 novembre è stata pubblicata la delibera con l’elenco delle associazioni e società tecnico scientifiche e, purtroppo, con rammarico abbiamo scoperto di non essere stati inclusi. Le motivazioni sono da ritrovarsi in una errata presentazione della documentazione, cosicché abbiamo inoltrato una richiesta formale al ministero della Salute per capire se c’è la possibilità di essere ammessi nel più breve tempo possibile. L’attuale esclusione ci impedisce, come Aito di stilate le linee guida di competenza del terapista occupazionale nei vari ambiti di prevenzione, cura e riabilitazione, anche se siamo presenti come categoria all’interno di diverse società scientifiche già incluse nell’elenco pubblicato».

Ma non è l’unica sfida con cui i terapisti si trovano a fare i conti: «Abbiamo un grosso problema con le università. Nel sud Italia non c’è alcuna possibilità di formarsi per esercitare questa professione. Da poco è stato attivato un corso di laurea in Sicilia, a Troina, ma è l’unico esempio di tutto il mezzogiorno. Una carenza seria – ha concluso Senatore – che può essere risolta solo con un’opera di sensibilizzazione, facendo comprendere alle istituzioni che gestiscono la formazione che c’è carenza di terapisti occupazionali in tutte le Regioni d’Italia».

 

Articoli correlati
Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»
«Dobbiamo pensare che la buona sanità è un interesse collettivo generale». E sui contenziosi medico-legali: «Si stanno imponendo meccanismi conciliativi e di mediazione, anche se avvocati e giudici sono ancora restii a soluzioni alternative»
Contenzioso medico-paziente, Rossi (OMCeO Milano): «Patient satisfaction? Se c’è certificazione allora può aiutare»
«Nessuno deve poter pensare che i dati possono essere in qualche modo drogati», spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi. La soluzione è stata proposta da Consulcesi durante l'evento milanese “Responsabilità professionale e arbitrato della salute”
Magi (OMCeO Roma): «Collaborazione con sindaco Raggi per affrontare affollamento Pronto soccorso»
Intervenuto al convegno “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti”, organizzato all’Università Sapienza di Roma, il presidente dell’Ordine aggiunge: «In arrivo i decreti attuativi della Legge Gelli, che tranquillizzeranno gli operatori e comporteranno risparmi economici»
Legge Gelli, contenziosi in aumento. Cascini (Fond. Italia in Salute): «Gestione del rischio ancora incompiuta»
A più di due anni dall’entrata in vigore della legge 24 sulla responsabilità professionale, il rapporto della Fondazione Italia in Salute registra un aumento dei contenziosi tra medici e pazienti. La responsabile del programma di ricerca Fidelia Cascini: «Non sono causati da malasanità, ma da meccanismi di mercato ancora non governati»
Responsabilità professionale, rischio clinico e gestione del contenzioso: torna l’annuale appuntamento alla Sapienza
«L’idea è quella di coinvolgere più professionalità e aprire un dialogo importantissimo fra specialisti e operatori tecnici che entrano nel merito della gestione del contenzioso e del rischio clinico» spiega Paola Frati, professore ordinario di Medicina legale alla Sapienza di Roma e Responsabile scientifico del convegno insieme al professor Vittorio Fineschi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...