Professioni Sanitarie 28 Dicembre 2020 12:51

Terapisti occupazionali. Gli obiettivi Aito 2021, il neo Presidente Parone: «Aumentare il numero dei professionisti e creare una rete internazionale»

Nonostante la recente istituzione di albi e ordini, l’Associazione italiana terapisti occupazionali ha conservato il suo numero di iscritti. Parone: «Questa è la dimostrazione dell’impegno del precedente consiglio direttivo. Continueremo il loro lavoro»

di Isabella Faggiano

«La pandemia ha sconvolto la nostra quotidianità, ma ha anche dimostrato l’importanza delle relazioni umane. Rapporti che possono essere tenuti in piedi e rafforzati dalla nostra professione. Il terapista occupazionale sostiene i propri assistiti e le loro famiglie nell’organizzazione di una nuova routine quando questa viene stravolta da un evento traumatico, di diversa natura». I progetti per il nuovo anno di Christian Parone, il neo Presidente Aito, l’Associazione Italiana dei Terapisti Occupazionali, in risposta alla esigenze scaturite dall’emergenza Covid sono tanti. «Vorremmo permettere a sempre più cittadini di disporre delle conoscenze di questo professionista sanitario della riabilitazione, per favorire una maggior partecipazione ai ruoli desiderati, in tutti gli ambienti di vita. Ricordiamo – sottolinea Parone – che il terapista occupazionale ha come luogo privilegiato di cura il domicilio della persona e che, invece, meno del 2% di coloro che ricevono l’assistenza sanitaria integrata può usufruire di questo servizio. Anche per questo, si rende fondamentale aumentare il fabbisogno formativo e quindi i tetti di accesso alla professione, in modo che il terapista occupazionale possa avere il proprio ruolo nei team territoriali e ospedalieri».

Il secondo obiettivo punta oltre i confini nazionali: «In questi anni ci siamo resi conto che diversi dei nostri professionisti hanno deciso di lavorare all’estero. Per questo vorremmo costruire una rete di terapisti occupazionali oltrefrontiera, sia – aggiunge il presidente Aito – per confrontarci sulle modalità in cui viene svolto il lavoro in Italia e all’estero, sia per offrire un eventuale punto di contatto ai neolaureati che vogliano fare un’esperienza internazionale».

Al fianco di Christian Parone, nel Consiglio Direttivo che si è insediato ufficialmente lo scorso 9 dicembre, Marco Lodi Pasini, come Vice-presidente, il Segretario Barbara Lucia e il Tesoriere Leandro Segaletti.

Nonostante la recente istituzione di albi e ordini, Aito ha conservato il suo numero di iscritti. «Questa – continua Parone – è la dimostrazione dell’ottimo lavoro compiuto dal precedente consiglio direttivo che ha valorizzato la professione, contribuendo ad aumentare le relazioni con la Federazione Nazionale Ordini TSRM PSTRP, con le altre Associazioni maggiormente rappresentative, oggi ATS e con il Conaps, e ad implementare in maniera proficua i rapporti con varie Società Scientifiche come SIRN e SIMFER, e con associazioni no profit come Cittadinanzattiva. È sempre più evidente infatti la necessità della multidisciplinarietà e dell’integrazione delle competenze, nel Sistema sanitario e nel welfare di oggi. Sono grato al Past President Senatore anche per aver tracciato la linea di azione per i prossimi anni, promuovendo l’inoltro della domanda per il riconoscimento presso il Ministero della Salute come Associazione Tecnico Scientifica».

Il nuovo Consiglio direttivo si impegnerà anche nell’implementazione dei servizi per i soci: «Chi si iscriverà ad Aito per il 2021, oltre all’iscrizione alla WFOT e alla sezione bacheca lavoro, potrà usufruire della lettura agevolata di riviste di settore, la partecipazione a gruppi d’acquisto, di diverse convenzioni, oltre che ai FAD già presenti sul nostro sito (www.aito.it) e a quelli che si organizzeranno nei prossimi mesi, tesi a migliorare le competenze proprie della professione e trasversali, come comunicazione, gestione, organizzazione, empatia. In agenda – conclude Parone – anche l’appuntamento primaverile ad ExpoSanità, nelle modalità consentite dalla situazione, e le giornate Nazionali e Internazionali di Terapia Occupazionale, rispettivamente il 24 maggio e il 27 ottobre».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tecnici ortopedici. Tombolini (ANTOI ATS-ETS): «La pandemia ha compromesso l’efficacia terapeutica dei nostri interventi»
Il presidente dell’Associazione tecnico-scientifica: «Abbiamo necessità di essere vaccinati in modo prioritario: abbiamo lavorato anche durante i lockdown e incontriamo i nostri pazienti in ospedali e cliniche»
di Isabella Faggiano
Logopedia neonatale: così si passa dall’alimentazione artificiale alla naturale
Panizzolo (logopedista): «Imparare ad alimentarsi per via orale è uno dei criteri raccomandati per le dimissioni dalla Tin. Durante i follow-up periodici necessario il controllo logopedico per monitorare l’evoluzione cognitiva, comunicativa e linguistica del bambino»
di Isabella Faggiano
Elezioni Ordini professioni sanitarie, pubblicata in Gazzetta Ufficiale la proroga al 31 gennaio 2021
La durata degli ordini in carica viene inoltre prorogata fino alla proclamazione dei nuovi eletti e comunque non oltre la stessa data. Sono fatte salve ovviamente le elezioni degli ordini già effettuate al momento dell’entrata in vigore dell’ordinanza
Igienisti dentali, Abbinante (AIDI): «Siamo operatori ad altissimo rischio. Il vaccino anti-Covid sia garantito anche ai libero-professionisti»
«Molti studenti hanno scelto tesi per indagare l’effetto della pandemia sulla salute orale e sulle conseguenze che lo stress dell’emergenza ha avuto anche sul benessere degli igienisti dentali»
Medicina territoriale, anche i TFCPC pronti a giocare un ruolo. Scali: «Telemedicina e soccorso emergenziale, ecco cosa possiamo fare»
Il Presidente della Commissione d’Albo nazionale dei Tecnici di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare, Salvatore Scali, spiega gli ambiti in cui questo professionista può essere un protagonista della medicina territoriale. E chiarisce: «A volte si ha la percezione che in alcuni nostri ambiti siamo stati un po’ erosi e questo per noi è un grande problema»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...