Professioni Sanitarie 26 Aprile 2022 11:53

Terapisti Occupazionali e Disability Manager, Parone (AITO): «Insieme per abbattere le barriere nel mondo del lavoro»

Il presidente AITO: «Il Terapista Occupazionale ha un ruolo fondamentale nel rientro lavorativo della persona non solo dopo infortunio o patologia, ma anche dopo il Covid-19. Anche in Italia, seppur ancora limitatamente, stanno emergendo esempi in questo campo»

L’Italia è tra i paesi europei con la media più bassa di lavoratori disabili, con differenze sostanziali tra uomini e donne e tra il nord e il sud della penisola (dati ANDEL). «Eppure – assicura Christian Parone, presidente dell’AITO (Associazione Italiana Terapisti Occupazionali) – avere un lavoro aiuta a migliorare l’autonomia, favorendo progetti di vita indipendente, ma anche a sentirsi parte della comunità, ad avere un’identità ed una dignità».

Il lavoro è un diritto per tutti

«Potrò tornare a lavorare e mantenere il mio ruolo produttivo nella società? È questa uno delle prime domande che la persona adulta ci pone. Interrogativo simile a quella di molti genitori di figli con disabilità: potrà sostenersi e realizzarsi?», racconta Parone. Una delle sfere per cui i terapisti occupazionali si adoperano, infatti, è la produttività, che comprende anche le attività riconducibili al mondo del lavoro. «Il nostro intervento – continua il presidente AITO – mira a rendere il nostro assistito pronto anche nel campo lavorativo e lo fa attraverso un’accurata valutazione della performance, l’utilizzo di strategie personalizzate per l’abilitazione o il recupero funzionale delle competenze lavorative della persona, individuando e adottando modifiche ambientali e accomodamenti ragionevoli al luogo e alla postazione di lavoro. Non meno importante è la partecipazione alla scelta e all’ideazione di ortesi congiuntamente o in aggiunta a specifici ausili utili per effettuare l’attività lavorativa», aggiunge il terapista occupazionale.

A lavoro dopo il Covid-19

In uno studio di recente pubblicazione, che ha coinvolto diversi paesi come Giappone, America e Spagna (Asaba 2022), partendo dall’evidenza che il Terapista Occupazionale ha un ruolo fondamentale nel rientro lavorativo della persona dopo infortunio o patologia, ne è stato suggerito l’impiego anche nel ritorno a lavoro dopo il Covid-19. «Anche in Italia, seppur ancora limitatamente, stanno emergendo esempi in questo campo, come il progetto “Una Mano” nato a Reggio Emilia per facilitare il mantenimento del posto di lavoro e il reinserimento lavorativo di persone affette da malattia oncologica – racconta Parone -. Il paziente viene accompagnato dal Terapista Occupazionale in un percorso di rientro al lavoro, andando a creare un piano personalizzato che prevede anche la visita sul posto di lavoro, per valutare eventuali ostacoli e soluzioni».

Terapista occupazionale e disability manager

Il campo di azione è molto complesso, così per offrire un intervento efficace, tempestivo e personalizzato, è necessario un lavoro di equipe. «Tra le varie figure professionali con cui può interagire il terapista occupazione c’è il disability Manager. Si tratta di un professionista del campo della salute, tecnico-amministrativo, legale che dopo un percorso specifico, acquisisce “competenze” aggiuntive che possono integrare una professionalità preesistente: architetto, avvocato, assistente sociale, terapista occupazionale e così via. Il suo ruolo può cambiare molto, anche in base ai diversi contesti di lavoro: istituzioni, enti locali, ospedali, aziende, scuole e università». Dalla comunione di intenti di Terapisti occupazionali e disability manager è nato qualche anno fa un protocollo d’intesa per realizzare percorsi di sensibilizzazione e di formazione che favoriscano l’inserimento lavorativo e la piena partecipazione alla vita sociale delle persone con disabilità. «Il protocollo – conclude Parone – verrà rinnovato a maggio, durante il prossimo Congresso Nazionale AITO che si svolgerà a Roma presso l’Università Sapienza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
Educazione sessuale, il ruolo dell’ostetrica. Vaccari (FNOPO): «Sensibilizzare alla diversità di genere sin dalle scuole materne»
La fertilità non è solo una “faccenda da grandi”. Eppure la maggior parte dei giovani e degli adolescenti sono convinti che la riproduzione sia un valore lontano anni luce dalla loro quotidianità. «Stili di vita malsani in adolescenza possono compromettere la fertilità futura», assicura Silvia Vaccari, presidente della FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della […]
Terapisti occupazionali, Congresso 2022. Casa, scuola, tempo libero e lavoro: l’importanza degli “Ambienti di vita”
Il Modello Kawa, Parone (AITO): «La vita è un fiume: l’acqua è l’energia vitale dell’individuo, il letto del fiume è la sua rete sociale, le rocce sono i problemi e le sfide, i detriti sono i beni e le responsabilità. Gli spazi che si formano tra queste strutture rappresentano i punti di intervento della terapia occupazionale»
«Troppi pochi dietisti nel Ssn, ma con la giusta alimentazione migliori esiti e meno spesa sanitaria». Parla Marco Tonelli, presidente Cda Dietisti
In tutto seimila i dietisti in Italia, solo un terzo nel servizio pubblico. Il presidente della Cda nazionale lancia la proposta del dietista di comunità che lavora in équipe con MMG, PLS e gli altri professionisti sanitari. Spiega Tonelli: «Oggi l’assistenza nutrizionale, settore fondamentale per la salute dei cittadini, non è riconducibile a prestazioni assistenziali chiaramente definite»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali