Professioni Sanitarie 19 Maggio 2020

Tecnici ortopedici, Guidi (ANTOI): «Aziende in crisi economica: riapertura a rischio per il 30%»

Attività riconvertite per la pandemia. La presidente ANTOI: «Abbiamo prodotto mascherine e, laddove si disponeva di stampanti 3D, anche valvole per la terapia intensiva. Ora per ripartire il Sistema Sanitario Nazionale dovrebbe saldare il suo debito»

di Isabella Faggiano

«Alla fine della pandemia il 30% delle nostre aziende potrebbe non avere le risorse economiche necessarie alla riapertura, mettendo così a rischio il lavoro di circa 600 tecnici ortopedici». È Silvia Guidi, presidente ANTOI, l’Associazione nazionale tecnici ortopedici, ad esprimere le sue preoccupazioni per il futuro economico del comparto. L’emergenza Covid-19, infatti, ha messo in crisi molte aziende italiane, comprese quelle dei tecnici ortopedici, nonostante la loro attività non sia mai completamente cessata, nemmeno durante la fase 1 della pandemia.

«Le nostre aziende – continua Guidi – sono rimaste sempre operative per garantire le urgenze: siamo tra i fornitori dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) e, di conseguenza, non potevamo interrompere completamente i nostri servizi». Anzi, nei momenti di massima emergenza, i tecnici ortopedici non solo hanno continuato a lavorare, ma hanno riconvertito le proprie aziende: «Quando il lavoro “urgente” è diminuito o si è addirittura azzerato – spiega la presidente ANTOI -, abbiamo ritenuto opportuno investire il nostro tempo nella produzione di ciò che potesse essere realmente utile durante la pandemia. Così, molte aziende si sono riconvertite per la creazione di mascherine e, laddove si disponeva di stampanti 3D, anche di valvole per la terapia intensiva». Produzioni che non sono servite a contenere la crisi economica del settore: «Nessuna delle nostre aziende ha speculato sulla fabbricazione di questi beni che, durante la pandemia, sono diventati di prima necessità. Anzi, alcuni hanno devoluto i propri manufatti in maniera totalmente gratuita. Per tale motivo – sottolinea Guidi -, in questo momento di crisi sarebbe opportuno che il Sistema Sanitario Nazionale saldasse il debito che ha nei nostri confronti nella maniera più celere possibile, così da permettere alle aziende di avere una base dalla quale ripartire».

LEGGI ANCHE: PODOLOGI, PONTI (AIP): «GELONI “SORVEGLIATI SPECIALI”. POSSIBILE CORRELAZIONE CON IL COVID-19»

Intanto, in questi giorni, chi ne ha la possibilità si sta preparando ad affrontare la riapertura totale della propria attività «dotando – dice la presidente ANTOI – i lavoratori di tutti i dispositivi di sicurezza ed organizzando la gestione degli spazi interni, affinché pazienti e personale possano usufruire di percorsi prestabiliti che garantiscano il mantenimento della distanza di sicurezza».

La società scientifica di categoria, invece, è al lavoro per l’organizzazione di una piattaforma formativa multimediale: «L’obiettivo è di raccogliere le principali e più significative esperienze dei nostri professionisti sul territorio in un unico contenitore virtuale – spiega Guidi – che possa diventare un punto di riferimento sia per i tecnici ortopedici, che per gli studenti. Anche la formazione universitaria ha purtroppo risentito dell’emergenza Covid. I nostri studenti, per completare la propria formazione, hanno bisogno di fare esperienze all’interno delle nostre aziende. E, per questo, quando la pandemia sarà finita avremmo un altro problema da gestire: garantire la formazione sul campo a tutti gli universitari organizzando un tirocinio nel rispetto del distanziamento sociale e – conclude la presidente ANTOI – di tutte le misure di sicurezza previste in questa fase di gestione dell’emergenza».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Covid-19 e animali domestici, cosa c’è da sapere?
Posso contrarre l’infezione dal mio animale domestico? Esiste il rischio che il virus SARS-CoV-2 sia trasmesso dall’uomo agli animali o da animale ad animale? Cosa fare dopo la passeggiata con il cane? Il Ministero della Salute risponde ai principali quesiti
Covid, in Italia 45mila persone sorde non riescono a comunicare con il medico
Il 3 dicembre è la Giornata Internazionale delle persone con Disabilità. Il problema riguarda 7 milioni di persone con gravi difficoltà nella comunicazione e nell’interazione sociale. In collaborazione con Associazione Emergenza Sordi, Consulcesi lancia corso per migliorare dialogo in caso di necessità
Cure ospedaliere domiciliari, a Milano arriva il Virtual Hospital per seguire i pazienti da remoto
L’ideatore del progetto, il Preside della facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Statale, Gian Vincenzo Zuccotti, spiega: «Piattaforma per ospedali e medici di base per garantire visite specialistiche a tutti i pazienti da remoto. Modalità semplice, due sms e una tele visita. Al termine il referto viene inserito nel fascicolo sanitario elettronico»
di Federica Bosco
Logoteatroterapia, l’improvvisazione che cura e allena alla vita
L’intervista a Cecilia Moreschi (teatroterapista) e Giorgia Salemi (logopedista): «La logoteatroterapia utilizza il teatro non come fine ma come mezzo. Gli esercizi, consigliati tra gli 8 e i 14 anni, sono adatti a tutti, soprattutto a chi soffre di disturbi legati all’apprendimento, ritardo linguistico o cognitivo, difficoltà prassico-motorie e autismo»
di Isabella Faggiano
Torna Dottor Libro. Andrea Vianello racconta la sua rinascita dopo l’ictus
Il 3 dicembre all’Ospedale Israelitico all’Isola Tiberina il primo appuntamento dopo lo stop imposto dalla pandemia. Nell’opera del giornalista Rai il racconto della battaglia contro la malattia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli