Professioni Sanitarie 4 Novembre 2019

Roma, Simedet a Congresso il 7 e 8 novembre. Speranza: «Utile occasione di confronto per le professioni sanitarie»

Tra i temi del Congresso, che si svolgerò all’Ospedale San Giovanni Calibita Fatebenefratelli, sepsi, infezioni ospedaliere e tromboembolismo venoso

«Desidero esprimere il mio apprezzamento per l’iniziativa che rappresenterà un’utile occasione di confronto per le Professioni Sanitarie». Con queste parole il Ministro della Salute Roberto Speranza manda un messaggio agli operatori della sanità che il 7 e 8 novembre si riuniranno a Roma all’Ospedale “San Giovanni Calibita” Fatebenefratelli per il Congresso della Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica presieduta da Fernando Capuano che, tra le prime in Italia, raccoglie al suo interno medici e professioni sanitari valorizzando il tema della multidisciplinarietà in sanità.

Nel messaggio il Ministro Speranza esprime il suo apprezzamento per gli aspetti multidisciplinari e multiprofessionali dell’iniziativa che affronta diverse tematiche di grande rilievo scientifico quali “Le Infezioni da germi resistenti. Un lavoro interdisciplinare” e il “Tromboembolismo venoso. Un approccio multidisciplinare”. All’apertura dei lavori il prossimo 7 novembre sarà ricordata la figura del Prof. Fernando Aiuti, Presidente del Comitato Scientifico della Simedet, con una targa alla memoria che sarà consegnata ai familiari intervenuti.

LEGGI ANCHE: PRONTO SOCCORSO, LA PROPOSTA DELLA SIMEDET: «MEDICI INTERNISTI SVOLGANO SEI MESI DI FORMAZIONE IN MEDICINA D’URGENZA»

Tra i temi centrali del Congresso quello delle infezioni da sepsi: ogni anno, nel mondo, 20-30 milioni di persone sono colpite da sepsi e si calcola che, ogni pochisecondi, una persona muoia di sepsi. All’origine della sepsi vi è un’infezione che può determinare una disfunzione multi-organo, spesso alla base della mortalità. È quindi chiaro come un trattamento quanto più precoce, aggressivo e tempestivo, sia alla base del miglioramento in termini dell’outcome di mortalità.

Altro tema del Congresso, è quello delle infezioni correlate all’assistenza (ICA), acquisite in tutto l’ambito assistenziale, ospedaliero e domiciliare, quindi veicolato da personale che presta l’assistenza ovvero dai presidi impiegati per l’assistenza stessa, causa di malattie severe se, non addirittura, mortali. Uno studio nazionale di prevalenza, a tal proposito, ha rilevato che circa 6,3 pazienti ogni 100, in ambito ospedaliero e un paziente ogni 100 in ambito domiciliare si ammala di infezione correlata all’assistenza.

Articoli correlati
Emendamento “estende” Legge Madia, Speranza: “Basta precarietà per lavoratori sanità”
“Battersi contro la precarietà del lavoro è sempre giusto. Lo è ancora di più se si parla di persone che ogni giorno si prendono cura di noi”. Lo scrive su Facebook il Ministro della Salute, Roberto Speranza. “Su mia proposta, è stato appena depositato un emendamento che, estendendo i termini della legge Madia per il […]
Specialisti ambulatoriali, Speranza: «D’accordo con aumento ore. Rivedere regole su incompatibilità»
Il ministro della Salute intervenuto al Consiglio nazionale Sumai-Assoprof ha sposato l'idea di aumentare le ore degli specialisti fino al massimale di 38 ore. Poi ha sottolineato la necessità di nuovi concorsi e rivendicato le norme del Dl Fiscale che alzano il tetto per l'assunzione del personale
Dl Fiscale, emendamento alza tetto di spesa per il personale fino al 15%. Speranza: «Ora più facile assumere in SSN»
«Nel 2020 si arriva al 15% sui 2 miliardi in più previsti dalla manovra. È un passo avanti importante per chi crede nel nostro Servizio Sanitario Nazionale» sottolinea Speranza su Facebook
Patto per la Salute, arriva l’accordo. Presto il testo in Commissione e in Conferenza Stato-Regioni
L'annuncio arriva dal ministro della Salute, Roberto Speranza tramite un tweet: «Sciolti i nodi fondamentali»
Dalla “rifioritura” al ruolo degli Ordini: le novità in materia di fragilità alla prima Conferenza Nazionale
Al Forum Risk Managament l’evento che ha coinvolto giuristi, membri delle istituzioni, professionisti sanitari. Perciballi (Ordine TSRM e PSTRP): «Obiettivo un codice etico comune tra tutte le federazioni delle professioni sanitarie»
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...