Salute 23 Ottobre 2019 09:00

Pronto Soccorso, la proposta della Simedet: «Medici internisti svolgano sei mesi di formazione in medicina d’urgenza»

Secondo il vicepresidente della Società italiana di medicina diagnostica e terapeutica, Manuel Monti, per far fronte alla carenza di personale nei Pronto soccorso servirebbe anche «la trasformazione, a costo zero, dei contratti dal tempo determinato all’indeterminato per i medici dell’emergenza territoriale con almeno 32 mesi di servizio»

«Svolgere parte della formazione quinquennale anche in medicina d’urgenza, per un periodo non inferiore ai sei mesi ad integrazione della turnazione del personale del DEA». Questa una delle proposte della Simedet, Società italiana di medicina Diagnostica e Terapeutica, per i dirigenti medici di prima nomina in medicina interna.

«La condivisione delle procedure tra i medici internisti e dell’emergenza costituirebbe il nucleo del progetto di formazione di una clinical competence comune e permetterebbe di aumentare il numero di medici internisti in servizio, andando a pescare dalle graduatorie attualmente in vigore», spiega Manuel Monti, responsabile medicina a ciclo breve della Usl Umbria 1 e vicepresidente della Società italiana di medicina diagnostica e terapeutica. «Il problema del reperimento dei nuovi medici – aggiunge Monti – nasce da una non adeguata programmazione a livello nazionale sia del numero di studenti iscritti alle Facoltà di Medicina e Chirurgia che del numero di borse disponibili per le scuole di specializzazione. Inoltre per i servizi di emergenza, a differenza di quanto accade per gli altri, pesa una maggior resistenza da parte dei giovani specialisti ad accettare un lavoro scarsamente remunerativo, sempre più gravato da rischi, non solo medico-legali, che impattano negativamente sulla qualità di vita. Questo ha portato ad un grave depauperamento delle risorse umane delle strutture dell’emergenza, costringendo molti Pronto Soccorso, in deroga alle normative, ad utilizzare una moltitudine di precari che subiscono l’imbuto formativo specialistico di cui tanto si parla».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, SPERANZA: «SI’ A VALUTARE ASSUNZIONI AMBULATORIALI»

La proposta nasce dalla constatazione che i settori della medicina d’urgenza e della medicina interna sono contigui poiché gestiscono malati acuti polipatologici complessi in tutti i loro aspetti, dall’ingresso in ospedale alla dimissione, e le connessioni tra le due specialità sono ritenute una leva strategica per il buon funzionamento dell’ospedale. Altro tema delicato riguarda la varietà dei contratti del personale medico: vecchi e nuovi specialisti con contratti a dipendenti; non specialisti che con sanatorie degli anni passati hanno potuto accedere alla dipendenza; medici di emergenza territoriale convenzionati a tempo indeterminato e determinato; contratti co-co-co o addirittura medici in libera professione in appalto con cooperative esterne.

«Per risolvere almeno in parte queste problematiche proponiamo la trasformazione, a costo zero, dei contratti dal tempo determinato all’indeterminato per i medici dell’emergenza territoriale con almeno 32 mesi di servizio e l’apertura di contratti formativi di specializzazione dedicati non solo ai dipendenti SSN ma anche ai medici in convenzione che lavorano nel sistema di emergenza urgenza, permettendo allo stesso tempo la formazione e l’attività lavorativa» spiega Monti che aggiunge: «La nostra  proposta che permetterebbe ai medici dell’emergenza territoriale di continuare a lavorare in Pronto Soccorso e nel tempo libero seguire un percorso formativo all’interno delle scuole di specializzazione della medicina d’urgenza o, in alternativa, seguendo un percorso creato ad hoc dalle principali società scientifiche che possa essere equiparato al percorso universitario».

Articoli correlati
Vaiolo delle scimmie, Borgese (Simedet): «Ecco perchè sbaglia chi dice che gli omosessuali sono più a rischio»
«L’AIDS come la MPXV (malattia da Monkeypox virus), sono malattie legate a comportamenti a rischio e il coinvolgimento iniziale della comunità gay è da considerarsi esclusivamente fortuito» spiega Leonardo Borgese della Società Italiana Medicina Diagnostica e Terapeutica
«Nei Pronto soccorso del Lazio si lavora in condizioni al limite del sostenibile». L’allarme dell’Omceo Roma
Il Presidente Omceo Roma, Antonio Magi, denuncia le terribili e precarie condizioni di lavoro degli operatori del Pronto soccorso e chiede alle istituzioni di intervenire per risolvere il problema della carenza di personale nei reparti di emergenza-urgenza
Simedet pubblica aggiornamento 2022 alla Guida Pratica al Covid-19 per le professioni sanitarie
Tra i messaggi di sostegno quelli del Ministro della Salute Roberto Speranza e del Direttore scientifico di Consulcesi Guido Rasi
Capuano (Simedet): «Ecco la mia esperienza di Buona Sanità»
Di Fernando Capuano, presidente Simedet
di Fernando Capuano, presidente Simedet
Formazione, digitalizzazione e continuità ospedale-territorio: a Tor Vergata le ricette per la sanità del futuro
Nell’evento preparatorio del prossimo Forum Risk Managment dal titolo “PNRR e gestione del rischio in sanità” i principali attori della sanità a confronto
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...