Professioni Sanitarie 12 Novembre 2020

Professioni sanitarie, il CONAPS cambia pelle e diventa Fondazione. Bortone: «Lavoreremo alla formazione dei rappresentanti professionali»

Arrivato quasi alla conclusione l’iter della Legge 3 del 2018 che ha creato la Federazione delle 19 professioni sanitarie, Il CONAPS si dà una nuova mission. Il presidente Antonio Bortone: «Molte professioni sono già pronte per cambiare la fase ordinamentale, il perimetro delle competenze, assumere ruoli verticistici che a volte anche nel recente passato erano considerati inaccessibili»

Una nuova vita per il CONAPS, il Coordinamento Nazionale delle Associazioni delle Professioni Sanitarie. Conclusa la battaglia ultradecennale per arrivare alla creazione di un Ordine delle professioni sanitarie, il Presidente Antonio Bortone ha annunciato che l’associazione si trasformerà in una Fondazione che si occuperà di formazione e management dei rappresentanti professionali.

«La Fondazione avrà come obiettivo la formazione sulla metodologia di lavoro, sulle esperienze e sulle evoluzioni giuridiche – spiega a Sanità Informazione lo stesso Bortone -. È una nuova missione del CONAPS sempre al servizio degli attuali soggetti istituzionali come la Federazione, le Commissioni d’Albo nazionali e quelle territoriali».

Bortone, che nel frattempo è stato eletto componente della Commissione d’Albo nazionale dei Fisioterapisti, ricorda i momenti più difficili del lungo percorso che ha portato alla legge 3 del 2018 che ha istituito l’Ordine:

«Il momento più difficile è sempre stato quello di ripartire dopo una sconfitta, dopo un’incompiuta. Il Parlamento è arrivato un paio di volte sul punto di approvare un disegno di legge che avrebbe dovuto dare parità ed equità di status giuridico alle professioni non ordinate. Cito questi due appuntamenti clou: la legge 43 del 2006, il disegno di legge 1142 (XVI Legislatura, ndr) che sembrava fosse il vero approdo all’Ordine. Abbiamo dovuto lottare, tutte le volte siamo ripartiti, abbiamo organizzato azioni politiche e alla fine ce l’abbiamo fatta. Questa è una vittoria voluta fortemente dal CONAPS perché fondamentalmente le nostre associazioni avrebbero potute essere tranquillamente derubricate dall’operazione delle 19 professioni».

Il CONAPS ha avuto il merito di unificare le istanze di 27 associazioni in rappresentanza di 19 professioni sanitarie, poi confluite nella Federazione TSRM e PSTRP. Sicuramente un successo, ma raggiunto il traguardo è già tempo di guardare ai prossimi obiettivi. «Il futuro non può che far rima con crescita e sviluppo, serve uno sguardo lungimirante – conclude Bortone -. Il futuro ti porta a vedere che molte professioni sono già pronte per cambiare la fase ordinamentale, il perimetro delle competenze, assumere ruoli verticistici che a volte anche nel recente passato erano considerati inaccessibili e impossibili per le nostre professioni».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Logoteatroterapia, l’improvvisazione che cura e allena alla vita
L’intervista a Cecilia Moreschi (teatroterapista) e Giorgia Salemi (logopedista): «La logoteatroterapia utilizza il teatro non come fine ma come mezzo. Gli esercizi, consigliati tra gli 8 e i 14 anni, sono adatti a tutti, soprattutto a chi soffre di disturbi legati all’apprendimento, ritardo linguistico o cognitivo, difficoltà prassico-motorie e autismo»
di Isabella Faggiano
Legge di Bilancio, Carbone (FIALS): «C’è impegno a sanare discriminante per professioni sanitarie, ma resta stato agitazione»
Dopo l’incontro con la capogruppo dem in Commissione Affari Sociali Elena Carnevali, il Segretario Generale della FIALS annuncia così la revoca dello sciopero del 4 dicembre (ma resta lo stato di agitazione) : «Vogliamo vedere come va a finire la legge di Bilancio ma siamo fiduciosi che i nostri emendamenti alla legge di Bilancio vadano in porto»
Legge di Bilancio, incontro FIALS – FNO TSRM PSTRP: «Linee di azione comune per la pari dignità di tutti i professionisti sanitari»
«Continuare a negare nei fatti la pari dignità professionale mette a repentaglio l’indispensabile coesione del sistema» sottolinea in una nota la FNO TSRM PSTRP
Educatori professionali, Riposati: «Aumentare i posti nelle università e creare nuove specializzazioni»
Il presidente del CdA nazionale: «La pandemia ha aggravato le criticità già esistenti, è arrivato il momento di risolverle. L’offerta territoriale è inadeguata alle richieste di assistenza dei cittadini»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli