Professioni Sanitarie 12 Novembre 2020 12:53

Professioni sanitarie, il CONAPS cambia pelle e diventa Fondazione. Bortone: «Lavoreremo alla formazione dei rappresentanti professionali»

Arrivato quasi alla conclusione l’iter della Legge 3 del 2018 che ha creato la Federazione delle 19 professioni sanitarie, Il CONAPS si dà una nuova mission. Il presidente Antonio Bortone: «Molte professioni sono già pronte per cambiare la fase ordinamentale, il perimetro delle competenze, assumere ruoli verticistici che a volte anche nel recente passato erano considerati inaccessibili»

Una nuova vita per il CONAPS, il Coordinamento Nazionale delle Associazioni delle Professioni Sanitarie. Conclusa la battaglia ultradecennale per arrivare alla creazione di un Ordine delle professioni sanitarie, il Presidente Antonio Bortone ha annunciato che l’associazione si trasformerà in una Fondazione che si occuperà di formazione e management dei rappresentanti professionali.

«La Fondazione avrà come obiettivo la formazione sulla metodologia di lavoro, sulle esperienze e sulle evoluzioni giuridiche – spiega a Sanità Informazione lo stesso Bortone -. È una nuova missione del CONAPS sempre al servizio degli attuali soggetti istituzionali come la Federazione, le Commissioni d’Albo nazionali e quelle territoriali».

Bortone, che nel frattempo è stato eletto componente della Commissione d’Albo nazionale dei Fisioterapisti, ricorda i momenti più difficili del lungo percorso che ha portato alla legge 3 del 2018 che ha istituito l’Ordine:

«Il momento più difficile è sempre stato quello di ripartire dopo una sconfitta, dopo un’incompiuta. Il Parlamento è arrivato un paio di volte sul punto di approvare un disegno di legge che avrebbe dovuto dare parità ed equità di status giuridico alle professioni non ordinate. Cito questi due appuntamenti clou: la legge 43 del 2006, il disegno di legge 1142 (XVI Legislatura, ndr) che sembrava fosse il vero approdo all’Ordine. Abbiamo dovuto lottare, tutte le volte siamo ripartiti, abbiamo organizzato azioni politiche e alla fine ce l’abbiamo fatta. Questa è una vittoria voluta fortemente dal CONAPS perché fondamentalmente le nostre associazioni avrebbero potute essere tranquillamente derubricate dall’operazione delle 19 professioni».

Il CONAPS ha avuto il merito di unificare le istanze di 27 associazioni in rappresentanza di 19 professioni sanitarie, poi confluite nella Federazione TSRM e PSTRP. Sicuramente un successo, ma raggiunto il traguardo è già tempo di guardare ai prossimi obiettivi. «Il futuro non può che far rima con crescita e sviluppo, serve uno sguardo lungimirante – conclude Bortone -. Il futuro ti porta a vedere che molte professioni sono già pronte per cambiare la fase ordinamentale, il perimetro delle competenze, assumere ruoli verticistici che a volte anche nel recente passato erano considerati inaccessibili e impossibili per le nostre professioni».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dietista di comunità, Tonelli (CAND): «Accanto a medici e pediatri di famiglia per prevenire e riabilitare»
Assistenza territoriale, il presidente della Commissione d’albo nazionale dei Dietisti: «Puntare sulla telenutrizione per assistere i pazienti che vivono in aree geograficamente più svantaggiate e inserire le prestazioni nutrizionali nei Livelli essenziali di assistenza (Lea)»
di Isabella Faggiano
Covid-19, emesso francobollo dedicato alle professioni sanitarie
Il Ministro dello Sviluppo economico Giorgetti: «Riconoscimento a impegno e dedizione nella lotta al virus»
Professioni sanitarie, FNO TSRM PSTRP rinnova i vertici. Il presidente Beux: «Progetto ciclopico, ma ce l’abbiamo fatta»
Il Presidente della Federazione che riunisce 19 professioni sanitarie traccia un bilancio dei tre anni al vertice e rilancia il tema della prevenzione. Poi sottolinea: «Fondamentale superare gli individualismi, anche professionali, a favore della collettività, anche inter-professionale». A giugno sarà approvata la Costituzione Etica delle professioni
Ostetriche, oltre 20mila professioniste pronte a sostenere la campagna vaccini anti-Covid
La presidente Vicario: «Già nel Regio Decreto, nei primi decenni del ‘900, promuovevamo la diffusione delle vaccinazioni disponibili in qualità di ostetriche condotte. Oggi, sosteniamo la prevenzione di malattie come l’Hpv o le patologie che si possono contrarre in gravidanza»
di Isabella Faggiano
Chiropratici, in Italia nasce il comitato scientifico per la ricerca in campo sanitario
Wiliams (AIC): «Lotta all’abusivismo e istituzione di una laurea magistrale, come previsto dagli standards internazionali e dalla legge nazionale mai attuata, tra le priorità della nostra Associazione»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco